Diritto e Fisco | Articoli

Passaporto elettronico: spedizione a casa a pagamento

4 Ottobre 2012
Passaporto elettronico: spedizione a casa a pagamento

Passaporto elettronico spedito a domicilio, pagando 8,20 euro all’atto del recapito.

Il nuovo passaporto  digitale è una realtà in vigore dal 3 ottobre scorso, frutto del nuovo Decreto del Ministero dell’Interno [1] che mira a migliorare la qualità dei servizi.

La spedizione, effettuata solo nei confronti di chi l’avrà richiesto, sarà curata da Poste Italiane S.p.A.. L’eventuale smarrimento o qualsiasi altro episodio di mancata consegna del plico contenente il passaporto dà diritto a un indennizzo di 50 euro che sarà anch’esso recapitato a domicilio, previa presentazione del reclamo.

La domanda per il rilascio del nuovo tipo di passaporto può essere presentata alla questura o all’ufficio locale distaccato di pubblica sicurezza del luogo dove il richiedente ha la residenza, il domicilio o la dimora ovvero, in mancanza di questi uffici, al comando locale dei carabinieri o al comune

Con la domanda, alla quale vanno allegate due foto identiche frontali e a volto scoperto, l’interessato deve indicare ed autocertificare secondo legge il nome, il cognome, il luogo e data di nascita, la cittadinanza italiana, la residenza anagrafica, la statura e colore degli occhi, lo stato civile in relazione al matrimonio, lo stato di famiglia, l’eventuale esistenza di procedimenti penali o di condanne penali, nonché di multe o ammende non pagate relative sempre a procedimenti penali, nonché l’esistenza di eventuali misure di sicurezza detentiva o di prevenzione previste dall’art. 3 e seguenti della legge 27 dicembre 1956, n. 1423, l’eventuale esistenza di obblighi alimentari.

IL MINISTRO DELL’INTERNO

Visto l’art. 39, comma 4-bis, della legge 16 gennaio 2003, n. 3, che prevede che, nell’ambito delle direttive impartite dal Ministro dell’interno per le finalita’ di semplificazione delle procedure amministrative e per la riduzione degli oneri amministrativi negli uffici di pubblica sicurezza, il Ministero dell’interno puo’ stipulare, senza oneri aggiuntivi per la finanza pubblica, convenzioni con concessionari di pubblici servizi o altri soggetti non pubblici per la raccolta e l’inoltro agli uffici dell’Amministrazione stessa delle domande, dichiarazioni o atti dei privati indirizzati ai medesimi uffici nonche’ per lo svolgimento di altre operazioni preliminari all’adozione dei provvedimenti richiesti e per l’eventuale inoltro, ai privati interessati, dei provvedimenti o atti conseguentemente rilasciati. Si dispone, inoltre, che con decreto del Ministro dell’interno sia determinato l’importo dell’onere a carico dell’interessato al rilascio dei provvedimenti richiesti;

Viste le direttive generali per l’attivita’ amministrativa e la gestione relative rispettivamente all’anno 2011 e 2012, che, tra l’altro, individuano tra le priorita’ politiche dell’azione del Ministero dell’interno, in coerenza con il programma di governo, la realizzazione di interventi di razionalizzazione organizzativa e della spesa e di miglioramento dell’efficienza e della qualita’ dei servizi, incentivando iniziative volte alla diminuzione dei costi ed al recupero di risorse, facendo leva sull’integrazione operativa consentita dalla digitatizzazione;

Vista la Convenzione tra il Ministero dell’interno – Dipartimento della pubblica sicurezza e Poste italiane S.p.A., sottoscritta in data 3 maggio 2006, finalizzata alla semplificazione delle procedure amministrative di rilascio e rinnovo dei passaporti, rinnovata per un ulteriore anno a far data dal 6 giugno 2011, prevedendo la stesura di uno specifico allegato tecnico per la disciplina di un servizio denominato «passaporto a domicilio»;

Considerata l’esigenza di perseguire economie funzionali nello svolgimento delle attivita’ amministrative, realizzando altresi’ un migliore utilizzo delle risorse disponibili, nonche’ di ridurre i tempi di rilascio e di rinnovo dei passaporti;

Ritenuto di dover consentire ai cittadini interessati di ricevere il passaporto elettronico al proprio domicilio, con oneri a proprie spese;

Ritenuto di dover adottare il decreto ministeriale ai sensi del citato articolo 39, comma 4-bis, della legge 16 gennaio 2003, n. 3, con il quale stabilire l’importo dell’onere a carico dell’interessato per il rilascio del documento richiesto sulla base dei servizi offerti dagli operatori postali;

Decreta:

Art. 1

1. Il costo del servizio a carico del richiedente per ricevere il passaporto elettronico al proprio domicilio, mediante spedizione con apposito invio fornito in assicurazione ed eseguito da operatori postali, e’ fissato in € 8,20. L’importo dovra’ essere versato in denaro contante all’operatore addetto alla consegna.

2. Il servizio e’ facoltativo ed e’ reso operativo decorsi 45 giorni dall’entrata in vigore del presente decreto.

Art. 2

1. Lo smarrimento, ovvero qualsiasi altro episodio di mancata consegna del plico contenente il passaporto, da’ esclusivamente luogo ad un indennizzo pari a € 50,00 che, previa presentazione di apposito reclamo, verra’ corrisposto direttamente dalla Societa’ che gestisce la stessa consegna a domicilio. All’uopo il Ministero dell’interno delega sin d’ora alla riscossione dell’indennizzo il destinatario richiedente.

Il presente decreto e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Roma, 3 maggio 2012

 


note

[1] Pubblicato sulla Gazz. Uff. n. 231/12.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube