Diritto e Fisco | Articoli

Chemioterapia: detrazioni fiscali per le parrucche

29 aprile 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 29 aprile 2017



Le persone che perdono i capelli a causa della chemioterapia possono detrarre il costo dell’acquisto della parrucca e beneficiare di contributi regionali.

I malati di tumore spesso devono affrontare la chemioterapia, che causa la perdita dei capelli. Per superare questo momento psicologicamente impegnativo si acquistano delle parrucche. In alcune regioni sono previste delle detrazioni fiscali per le parrucche, ed è quindi consentito di detrarre dal reddito imponibile il prezzo pagato per la parrucca.

In sostanza, le detrazioni fiscali per le parrucche sono consentite perché l’acquisto della parrucca è considerato una spesa sanitaria [1].

Alle detrazioni fiscali per le parrucche è dedicata una risoluzione dell’Agenzia delle entrate [2] che fa rientrare l’acquisto della parrucca fra le spese sanitarie quando serve ad attenuare il disagio della perdita dei capelli del malato di tumore.

Come si ottengono le detrazioni fiscali per le parrucche

Il malato di tumore, per ottenere le detrazioni fiscali per le parrucche, deve depositare, assieme alla dichiarazione dei redditi, la seguente documentazione:

  • fattura fiscale ove sia indicato il prezzo della parrucca ed il codice fiscale dell’acquirente
  • documentazione medica che certifichi la presenza di una malattia tumorale.

Anche per le detrazioni per le parrucche vale il principio generale della detrazione delle spese sanitarie: quindi, la detrazione ammonta al 19% del prezzo pagato per l’acquisto della parrucca, nella parte in cui eccede la franchigia di euro 129,11.

Contributi regionali per l’acquisto delle parrucche

Oltre alla detrazione fiscale, è possibile per il malato di tumore ottenere dei contributi regionali all’acquisto di parrucche. I contributi sono attivi solo in alcune regioni:

  • Basilicata e Piemonte: è previsto un contributo regionale fino ad un massimo di euro 250 per l’acquisto della parrucca da parte di una donna malata di tumore: la somma è attribuita dalle Asl sulla base di idonea documentazione;
  • Liguria: viene erogato dalla regione un contributo regionale pari all’80% del prezzo di acquisto della parrucca, fino ad un massimo di euro 250: condizione per l’erogazione è avere un reddito Isee familiare non superiore ad euro 10.000;
  • Lombardia: in favore delle persone che si sottopongono a chemioterapia è previsto un contributo regionale a carico delle Asl pari ad euro 150 per l’acquisto della parrucca.
  • Marche e trentino Alto Adige: la Regione rimborsa 200,00 euro per l’acquisto di parrucca da parte del malato di tumore;
  • Toscana: il contributo regionale per l’acquisto di parrucche è pari a 300 euro.

note

[1] Art. 15, lett. c), del D.P.R. 917/1986.

[2] Risoluzione Agenzia delle Entrate n.  9/E del 16.02.2010.

Autore immagine: Pixabay

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI