HOME Articoli

Lo sai che? Dieta vegana e nuove ipotesi di reato

Lo sai che? Pubblicato il 29 aprile 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 29 aprile 2017

No alla dieta vegana per i minori e rischio carcere per i genitori che impongano ai figli una dieta priva di elementi essenziali per la loro crescita.

Un noto filosofo [1] asseriva che «noi siamo quello che mangiamo». È vero, l’alimentazione è importante ed è alla base di una vita sana.  Ad essere malsani, invece, sono gli eccessi ideologici legati alla dieta. Eccessi che talvolta diventano causa di problematiche e di disturbi alimentari che sempre più spesso si manifestano sin dall’infanzia.

Proprio in questo contesto si inserisce una nuova proposta di legge firmata dalla deputata Elvira Savino di Forza Italia, che mira ad introdurre nuove ipotesi di reato per i genitori che impongono ai figli una dieta vegana o altro tipo di dieta ritenuta comunque pericolosa per la salute dei minori degli anni 16.

Secondo la deputata «da anni e, in modo particolare, nell’ultimo decennio, si è andata diffondendo in Italia la credenza che una dieta vegetariana, anche nella sua espressione più rigida della dieta vegana, apporti cospicui benefici alla salute dell’individuo». Sicché molti decidono di seguire questo tipo di alimentazione – priva di carne, di pesce e di alimenti di origine animale e loro derivati – perché ritengono sia salutare. Altri seguono questa dieta per motivazioni religiose o etiche e per rispetto della vita degli animali. Molti altri lo fanno, invece, soltanto per adeguarsi a una moda.

Orbene, la scelta di questo stile alimentare è sicuramente da rispettare se compiuta da un adulto consapevole e capace di autodeterminarsi comprendendo le conseguenze delle proprie azioni. Il problema però – secondo la deputata Savino – potrebbe sorgere quando ad essere coinvolti siano i minori ai quali verrebbe imposta un’alimentazione che, escludendo categoricamente e imprudentemente alimenti di origine animale e loro derivati, sia troppo restrittiva. Dette diete, infatti, potrebbero comportare carenze nutrizionali anche gravi e tali da ripercuotersi sullo sviluppo somatico e cognitivo del bambino.

Da qui una proposta di legge, destinata sicuramente a far discutere, che è attualmente al vaglio della Camera.

Tale proposta mira ad introdurre due nuovi articoli nel codice penale [2] al fine di rendere punibile la condotta dei genitori che impongono ai figli minori degli anni 16 una dieta vegana o comunque priva degli elementi essenziali per una crescita sana ed equilibrata.

Lo strumento scelto a tal fine è stato quello di prevedere – come accennato – nuove ipotesi di reato (non applicando quindi il già esistente reato di maltrattamenti in famiglia [3]), di fronte a comportamenti che – come si legge nella relazione alla proposta di legge  – «pur in assenza di una consapevole volontà di violare i doveri di mantenimento e di cura dei figli che incombono a ogni genitore, comportano concreto pericolo di nuocere all’equilibrata crescita del fanciullo».

Se la legge entrasse in vigore, i trasgressori rischierebbero, nella “migliore delle ipotesi”, un anno di carcere (due anni se il figlio ha meno di tre anni). Sono inoltre previste delle aggravanti. Ed infatti, se l’imposizione di una “dieta incauta” diventa causa di una malattia o di una lesione personale permanente la reclusione sarà di 4 anni, sino a giungere a 6 anni di carcere qualora ne derivi la morte del minore.

Senza entrare nel merito della questione, la ratio della proposta di legge è quella di proteggere la salute del minore nell’età dello sviluppo, sanzionando una condotta che, sulla base di valutazioni mediche,  potrebbe essere astrattamente idonea a metterne in pericolo l’integrità.

Ed invero, ognuno è libero di scegliere lo stile alimentare che ritiene più salutare o comunque rispettoso di altri valori e principi. Detta scelta però deve essere consapevole e non imposta a chi – in quanto minore – non sia in grado di autodeterminarsi o di comprendere sino in fondo le conseguenze delle proprie azioni.

note

[1] Ludwig Andreas Feuerbach (1804 – 1872).

[2] Artt. 572-bis e 572-ter Cod. pen.

[3] Art. 372 Cod. pen.

Autore immagine: Pixabay


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Sono pienamente d’accordo.
    Anzi, in caso di malattie riscontrate nel minore, o addirittura MORTE, le pene vanno appesantite ulteriormente!!!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI