Business | Articoli

Occhio agli acquisti-affare: rischio di ricettazione

23 Dicembre 2016 | Autore:
Occhio agli acquisti-affare: rischio di ricettazione

Un bel regalo, costato poco e ben confezionato: ricettazione, rischia il carcere.

Gli acquisti affare sono a rischio, la ricettazione è dietro l’angolo.

Avete comprato quell’ultimo modello di smartphone? Quello imperdibile che non si trova a meno di 700 euro ma che voi siete riusciti ad avere per un prezzo di favore di quasi la metà? Chiedetevi il perchè.

Se l’oggetto dovesse essere frutto di illecito potreste rischiare molto, sia voi sia lo sfortunato destinatario del vostro dono.

Rischia il carcere per aver ricevuto un regalo

Era un bel prezzo, uno di quelli che rende il regalo irrinunciabile, poi era proprio perfetto per il padre. E il padre per il suo compleanno aveva avito così un gran bel regalo, uno di cui era molto contento, più che mai perchè a regalargli quel desiderato cellulare era stato il figlio. Era il 2013 e non sapeva ancora cosa gli sarebbe capitato.

Poco tempo dopo sono stati difatti entrambi accusati, rispettivamente per acquisto incauto e ricettazione.

Strano ma vero, si direbbe parafrasando “La Settimana Enigmistica”, perchè il padre – un 46enne di Valdobbiadene –  ignaro di come avesse procurato il dono il figlio, si è ritrovato indagato per ricettazione e con una condanna penale da 3.900 euro in sostituzione di 15 giorni di reclusione e 150 euro di multa.

Assolto in aula con formula piena, fortunatamente, ma al netto di una bella paura.

TrevisoToday ricostruisce i fatti: il giovane studente aveva sentito dire da alcuni compagni di scuola che un altro ragazzo voleva cambiare smartphone. Aveva dunque sparso voce che voleva vendere il suo Samsung Galaxy S3 (allora quasi il top di gamma) a 100 euro. Il sedicenne ha colto la palla al balzo e lo ha regalato al padre per il compleanno.

Inserita la sim e acceso il dispositivo, le forze dell’ordine hanno subito rintracciato il segnale di quel telefono di cui era stato denunciato il furto un paio di settimane prima.

Ecco allora le denunce: ricettazione per il padre, incauto acquisto per il figlio. La denuncia carico del giovane è ancora pendente presso il tribunale dei minori di Venezia.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube