Diritto e Fisco | Articoli

Registrazione vocale del contratto telefonico: è valido?

19 aprile 2017


Registrazione vocale del contratto telefonico: è valido?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 19 aprile 2017



Ho accettato un’offerta telefonica con Telecom con registrazione vocale del consenso, ma non mi è mai arrivato il contratto scritto per posta. Posso contestare le bollette?

A seguito dell’attuazione, da parte dell’Italia nel 2014, della direttiva comunitaria sulla tutela dei consumatori [1], un contratto telefonico può essere concluso anche con consenso prestato oralmente tramite registrazione vocale, ma la compagnia ha l’obbligo di inviare successivamente al cliente copia del contratto scritto con tutte le condizioni approvate oralmente e ottenere da questi una copia controfirmata. Diversamente il contratto non è valido, con possibilità del consumatore di recedere in qualsiasi momento, anche senza rispettare i termini di preavviso e di scadenza. Ciò però non toglie – a nostro parere – che se dovesse risultare l’utilizzo del servizio da parte dell’utente questi dovrà comunque pagare il traffico in uscita sfruttato; diversamente potrebbe configurarsi un illecito arricchimento senza causa.

Dunque la procedura per l’attivazione di una linea telefonica o di una nuova offerta è la seguente:

  • l’operatore telefona al potenziale cliente e gli descrive succintamente le condizioni contrattuali;
  • il cliente accetta l’offerta;
  • si procede alla registrazione vocale dell’accettazione, ove l’operatore prima fornisce – scandendo in modo chiaro – gli estremi della società fornitrice e le condizioni contrattuali, nonché la possibilità per l’utente di recedere entro 14 giorni dal consenso; successivamente viene chiesto il consenso del cliente (basta un semplice «» o «accetto»);
  • la compagnia telefonica conserva su supporto durevole il consenso dell’utente;
  • la compagnia invia all’utente una copia scritta del contratto con tutte le condizioni contrattuali;
  • l’utente firma il contratto e lo rispedisce alla compagnia telefonica.

L’informazione che l’operatore telefonico fa al cliente prima della conclusione del contratto verbale e, quindi, prima del consenso da questi prestato deve essere chiara, intellegibile e completa. In ogni caso, entro 14 giorni dalla registrazione della telefonata l’utente ha il diritto di recedere senza dover fornire motivazioni.

Il consumatore deve, inoltre, essere informato dall’azienda proponente della possibilità, in alternativa, di ricevere la proposta di contratto anche per email, pennetta usb, cd, dvd, per poi prestare il proprio consenso, anche telefonicamente, aderendo all’offerta (leggi Contratti conclusi telefonicamente: serve l’accettazione scritta).

Secondo il nuovo regolamento Agcom [2], i contratti conclusi tra operatori e consumatori che riguardano la fornitura di servizi di comunicazioni elettroniche non possono imporre un primo periodo di impegno iniziale superiore a ventiquattro mesi.

I contratti conclusi tra operatori ed utenti non possono prevedere termini per la comunicazione della disdetta del contratto superiori a trenta giorni dalla scadenza del periodo di durata del vincolo contrattuale. L’operatore deve avvisare i propri clienti dell’approssimarsi del termine per comunicare la disdetta con almeno trenta giorni di anticipo rispetto alla scadenza di tale termine.

note

[1] D.lgs. n. 21 del 21.02.2014.

[2] Allegato A alla delibera n. 519/15/CONS: “Regolamento recante disposizioni a tutela degli utenti in materia di contratti relativi alla fornitura di servizi di comunicazioni elettroniche”.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

5 Commenti

  1. Ho effettuato un traslocco di linea adsl ma ho accettato che la velocità é inferiore di circa un terzo,posso recedere dal contratto?

  2. Ho richiesto on line a tim un offerta fibra diversa da quella che mi e’ stata applicata.Ho chiesto con raccomandata di recedere dal contratto, nessuna risposta.Ho inviato una seconda raccomandata per variazioni contrattuali variati , bolletta mensile anziche’ per bimestre, hanno ricevuto le raccomandate all’indirizzo corretto ma, non mi disattivano l’utenza…che fare???

  3. Salve,

    ho una situazione un pò complicata:

    – in una mia vecchia utenza TIM ha riscontrato una migrazione che dopo 6 mesi, abbiamo verificato essere semplicemente un diseallineamento tra la linea fisica e la parte amministrativa. Abbiamo mandato diverse raccomandate chiedendo come previsto per legge la chiusura dell’utenza e il risarcimento per ogni giorno di non funzionamento dell’utenza o lo stralcio a chiusura di quanto a loro dovuto fino ad oggi per l’ultima bolletta. DOMANDA: che probabilità c’è che TIM accolta la richiesta di chiusura bonaria?

    – abbiamo ricevuto casualmente nello stesso periodo una chiamata da un’operato che si spacciava per TIM che ha comunicato in maniera fraudolenta l’accoglimento di una richiesta che coincideva con una serie di richieste fatte a TIM. Per farla brave mi hanno estorto dei SI registrati con relativi dati dei documenti. Come da voi sopra indicato per essere valido il contratto che riceverò precompilato, dovrà essere poi firmato per renderlo valido. DOMANDA: Mi confermate che il contratto per essere valido nel 2017 deve essere accompagnato da una copia firmata da me e che non basta la registrazione?

  4. Oggi ho accettato un offerta di Vodafone via telefono e ho effettuato la registrazione, stasera ci ho già ripensato. Se domani recedo, il mio contratto in essere con Infostrada rimane comunque in vita o resto senza nulla?Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI