HOME Articoli

Lo sai che? Fisco: attenti al colore delle buste

Lo sai che? Pubblicato il 19 aprile 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 19 aprile 2017

L’Agenzia delle entrate invia le proprie richieste con le raccomandate “bianche”. Il servizio postale le qualifica come comunicazioni commerciali e induce i contribuenti in errore.

La raccomandata in forma “anonima”

Recentemente un contribuente ha ricevuto un atto giudiziariobusta verde – con il quale il Fisco gli notificava una sanzione di oltre 300 euro per non aver risposto ad un invito che, secondo l’ufficio, gli era stato inviato un mese prima.

Il contribuente, che era assente per lavoro all’estero, ha cercato, insieme con il coniuge, cittadina estera, il documento lasciato dal servizio postale alla data in cui l’Agenzia aveva sostenuto di aver inviato l’invito.

Solo in quel momento il contribuente si è reso conto che la raccomandata – busta bianca –  che il servizio postale aveva descritto come raccomandata market  – codice 649 – conteneva non una normale missiva commerciale ma una richiesta di informazioni inviata dall’amministrazione finanziaria.

Le conseguenze del mancato ritiro

Purtroppo le conseguenze del mancato ritiro della raccomandata sono economicamente rilevanti.

Infatti la mancata risposta ad una richiesta inviata da parte dell’Agenzia delle entrate configura una violazione ad un obbligo di legge che viene sanzionata con una pesante multa.

L’ufficio nel caso specifico, visto che la raccomandata – in busta bianca – ha pure periodo di giacenza breve, dopo 10 giorni dal deposito dell’avviso al contribuente, ha ritenuto l’atto regolarmente notificato per il mittente.

Dunque, non appena il servizio postale ha restituito l’atto all’ufficio per la compiuta giacenza, il funzionario incaricato ha provveduto a notificare al contribuente un atto di contestazione – questa volta in busta verde – comminandogli una sanzione di euro 332,50 – per mancata risposta all’ invito dovuto esclusivamente a sua negligenza per non aver ritirato la raccomandata precedente.

La pericolosità della raccomandata in forma “anonima”

Contrariamente a quanto sinora sostenuto dunque, le comunicazioni degli uffici fiscali possono viaggiare anche con busta bianca e con il codice 649, che, invece, come spesso già evidenziato, dovrebbe corrispondere solo a missive provenienti da soggetti privati o da istituti di credito (contenenti ad esempio carte di credito o bancomat, ecc.).

Il pericolo di trascurare una comunicazione importante è reso ancora più rilevante dal fatto che la dicitura utilizzata dal servizio postale sull’avviso che viene lasciato nella cassetta delle lettere dell’ignaro contribuente è raccomandata market.

Nel caso del contribuente gabbato la beffa è stata duplice, infatti il coniuge, straniero, stava aspettando proprio in quei giorni l’arrivo di un pacco commerciale proveniente dall’estero.

Poiché il pacco è arrivato il giorno dopo il ricevimento dell’avviso in buca, incolpevolmente, la signora aveva ritenuto che la “raccomandata market” coincidesse con l’avviso del pacco in arrivo e dunque, non si era più preoccupata di andare a verificare se vi fosse qualche altra corrispondenza da ritirare.

Ma lo stesso potrebbe capitare ad una persona  anziana o a chiunque si trovasse nella cassetta delle lettere un avviso di raccomandata – bianco – con un codice che dovrebbe corrispondere ad un uso da parte di privati e con la dicitura “market” che potrebbe far pensare anche ad un tentativo di truffare ed ingannare i destinatari.

Come si può rimediare

Il contribuente si è recato all’ufficio spiegando le proprie ragioni e precisando che non aveva alcuna intenzione di sottrarsi all’invito del Fisco.

Dal colloquio è così emerso che con lo stesso sistema della busta bianca con codice 649 e dicitura “raccomandata market”, per una convenzione stipulata fra Agenzia Entrate e Poste Italiane, possono viaggiare tutti gli atti di richiesta e di comunicazione rivolti al contribuente: inviti, questionari, avvisi bonari, comunicazioni dei controlli formali, ecc.

Inoltre una volta commessa la violazione, l’ufficio applica comunque la sanzione anche se il contribuente è disponibile a rispondere alla richieste effettuate.

Contro questo formalismo burocratico il contribuente ha solo due possibilità: la prima è ovviamente quella di ritirare la raccomandata in busta bianca e di rispondere al fisco entro il termine in essa indicato;  la seconda è quella di depositare, entro 60 giorni dalla notifica della busta verde, le proprie deduzioni difensive contro l’atto di contestazione ed attendere la reazione dell’ufficio, rendendosi immediatamente disponibile alla collaborazione con l’erario, sperando nell’accoglimento delle proprie ragioni, visto che la legge prevede la riduzione o l’eliminazione della sanzione qualora essa sia comminata per fatti non gravi e chi l’ha commessa si adoperi per eliminarne le conseguenze [1].

note

[1] DLgs. 472/97 – Art. 7 comma 1


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

6 Commenti

  1. Buongiorno, confermo, busta bianca raccomandata MARKET 649 da parte dell’AGENZIA DELLE ENTRATE risposta su controllo formale dichiarazione unico. Ovviamente qualche cosa hanno trovato…sanzione!

  2. Mah ho trovato una ricevuta per una racc 649 niente dicitura market ma raccomandata indescritta, domani ritiro e vi faccio sapere 🙂

  3. Buongiorno
    al momento non risulterebbero buste di colore BLU utilizzate da Poste Italiane.
    I colori in uso sono 3: bianco – giallo – verde.
    Potrebbe forse trattarsi di un recapito da parte di poste private o di un involucro blu di plastica?

  4. raccomandata 6492, avviso di liquidazione dell’imposta, agenzia delle entrate, proveniente da Viareggio e mandato a me a Torino. Riferito a un omonimo con cui non condivido nulla(regione diversa, data di nascita diversa, indirizzo ovviamente diverso di conseguenza codice fiscale diverso)…
    pubblica amministrazione sciatta e incapace

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI