Diritto e Fisco | Articoli

Tumore scambiato per gastrite: responsabilità medica

21 aprile 2017


Tumore scambiato per gastrite: responsabilità medica

> Diritto e Fisco Pubblicato il 21 aprile 2017



Purtroppo un forte dolore addominale mi è stato diagnosticato come gastrite mentre poi ho scoperto essere un tumore. Cosa posso fare?

Secondo la Cassazione penale [1], risponde di lesioni personali colpose il medico ospedaliero che, omettendo di effettuare i dovuti esami clinici, dimetta con la diagnosi errata di gastrite un paziente affetto da patologia tumorale, così prolungando per un tempo significativo le riscontrate alterazioni funzionali (nella specie, vomito, acuti dolori gastrici ed intestinali) ed uno stato di complessiva sofferenza, di natura fisica e morale, che favorivano un processo patologico che, se tempestivamente curato, sarebbe stato evitato o almeno contenuto.

La pronuncia in esame si inserisce nel più ampio discorso relativo alla responsabilità omissiva impropria per mancata diagnosi la quale è idonea, secondo la costante giurisprudenza di merito e di legittimità, a configurare la colpa professionale del medico.

La Cassazione ha ravvisato la responsabilità di un sanitario per omicidio colposo dipendente dall’omissione di una corretta diagnosi, dovuta a negligenza e imperizia, e del conseguente intervento che, se effettuato tempestivamente, avrebbe potuto salvare la vita del paziente [2].

note

[1] Cass. sent. n. 2474/2009.

[2] Nel solco del principio di diritto enucleato, per il quale “nel reato colposo omissivo improprio il rapporto di causalità tra omissione ed evento non può ritenersi sussistente sulla base del solo coefficiente di probabilità statistica, ma deve essere verificato alla stregua di un giudizio di alta probabilità logica, sicché esso è configurabile solo se si accerti che, ipotizzandosi come avvenuta l’azione che sarebbe stata doverosa ed esclusa l’interferenza di decorsi causali alternativi, l’evento, con elevato grado di credibilità razionale, non avrebbe avuto luogo ovvero avrebbe avuto luogo in epoca significativamente posteriore o con minore intensità lesiva”, si è formato un granitico orientamento.

Cassazione penale, sez. IV, 14/10/2009, (ud. 14/10/2009, dep.20/01/2010), n. 2474

Fatto

OSSERVA

1- Con sentenza del Tribunale di Caltanissetta dell’8 aprile 2005, V.F. e C.U., sanitari presso la divisione di medicina dell’ospedale (OMISSIS), il primo con funzioni di primario, sono stati ritenuti colpevoli del delitto di cui agli artt. 113 e 590 c.p. per avere, per colpa, consistita in negligenza ed imperizia nello svolgimento dell’attività medica, cagionato a Ca.An., ricoverato presso la predetta divisione del citato ospedale, lesioni personali consistenti nella mancata cura e nella protrazione dello stato di malattia, manifestato con vomito, acuti dolori gastrici ed intestinali, dimagrimento.

All’affermazione di responsabilità è seguita la condanna degli imputati alla pena ritenuta di giustizia ed al risarcimento dei danni in favore della costituita parte civile, da liquidarsi in separato giudizio, con assegnazione di una provvisionale di Euro 2.500,00.

Secondo l’accusa, condivisa dal tribunale, i due imputati, nelle rispettive qualità, avevano omesso di sottoporre il paziente, ricoverato per patologie afferenti la digestione e l’intestino, agli esami cimici più opportuni, previsti dai protocolli medici, e lo avevano dimesso dopo avere erroneamente diagnosticato una gastrite, invece che l’adenocarcinoma intestinale effettivamente esistente, correttamente diagnosticato e curato, alcuni giorni dopo, presso l’ospedale di (OMISSIS).

Su appello degli imputati, la Corte d’Appello di Caltanissetta, con sentenza del 22 giugno 2006, in riforma della sentenza impugnata, ha dichiarato non doversi procedere nei confronti degli imputati in ordine al reato agli stessi ascritto perchè estinto per prescrizione ed ha confermato le statuizioni civili contenute nella sentenza impugnata.

Avverso tale decisione ricorrono, tramite il comune difensore, i due imputati che deducono violazione di legge e vizio di motivazione della sentenza impugnata in relazione al disposto dell’art. 590 c.p. e art. 129 c.p.p., comma 2. Sostengono, in particolare, i ricorrenti che, nel caso di specie, nessuna lesione, nei termini indicati dall’art. 590 c.p., è stata accertata in conseguenza della ritardata diagnosi, ma solo, in tesi d’accusa, la protrazione della malattia che tuttavia non integra gli estremi del delitto contestato. Di guisa che l’imputato, in applicazione del disposto dell’art. 129 c.p.p., comma 2, avrebbe dovuto essere assolto, stante l’evidente insussistenza del reato.

2- I riporsi sono infondati.

In realtà, correttamente interpretando la normativa di riferimento, i giudici del gravame, preso atto dell’integrale decorso del relativo termine, hanno dichiarato l’estinzione del reato per prescrizione, avendo ritenuto l’inapplicabilità del disposto dell’art. 129 c.p.p., comma 2, non essendo apparso evidente che il fatto contestato non sussiste o che gli imputati non lo hanno commesso, ovvero che esso non costituisce reato o non è previsto dalla legge come reato.

Decisione del tutto condivisibile, della quale i giudici del gravame hanno dato coerente giustificazione ricordando non solo i macroscopici profili di imperizia e di negligenza che avevano caratterizzato l’approccio degli imputati alle gravi patologie denunciate dal Ca., ma anche come il colpevole ritardo nella diagnosi della malattia tumorale di cui il paziente era affetto, successivamente diagnosticata e curata presso altro presidio ospedaliero, avesse determinato un prolungato stato di alterazione organica e di sofferenza fisica, certamente provocato dalla mancata tempestiva diagnosi e riconducibile alla nozione di malattia – cui fa riferimento l’art. 582 c.p., che è richiamato dall’art. 590 c.p. – quale elaborata dalla giurisprudenza di legittimità. Elaborazione che richiama nozioni accolte nel campo medico scientifico e che individua quali malattie tutte le alterazioni che incidano in maniera tangibile sulla salute e sull’integrità fisica della persona, o che comunque determinino una significativa, seppur non definitiva, limitazione funzionale dell’organismo. E ciò a prescindere dall’esistenza di un’alterazione di natura anatomica, che di per sè non evoca l’esistenza di una malattia e che, d’altra parte, non è sempre necessaria, potendosi avere malattie non riconducibili ad una lesione anatomica (Cass. n. 17505/08).

Or non è dubbio che la mancata tempestiva diagnosi, e quindi l’omesso ricorso agli trattamenti chirurgici e farmacologici, se anche non hanno determinato l’insorgere o l’aggravamento della patologia tumorale, hanno comunque causato e prolungato per un tempo significativo le riscontrate alterazioni funzionali ed uno stato di complessiva sofferenza, di natura fisica e morale, che hanno favorito un processo patologico che, se tempestivamente diagnosticato ed opportunamente curato, sarebbe stato evitato o almeno contenuto.

La condotta contestata agli imputati è stata, quindi, legittimamente ricondotta nell’ambito della contestata fattispecie delittuosa, di guisa che i ricorsi in esame devono essere rigettati ed i ricorrenti condannati al pagamento delle spese processuali.

PQM

Rigetta i ricorsi e condanna i ricorrenti al pagamento delle spese processuali.

Così deciso in Roma, il 14 ottobre 2009.

Depositato in Cancelleria il 20 gennaio 2010

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI