Nessuna demolizione per gli immobili abusivi

21 aprile 2017


Nessuna demolizione per gli immobili abusivi

> Diritto e Fisco Pubblicato il 21 aprile 2017



Abuso edilizio: una legge prevede la determinazione di criteri di priorità con cui si provvederà alla demolizione.

Non dovrà più temere la demolizione chi ha realizzato un abuso edilizio. Non si tratta di un condono vero e proprio o di una sanatoria, ma di una semplice «sospensione» delle procedure di demolizione in attesa di dare luogo prima a quelle più urgenti. È quanto prevede un disegno di legge [1] in procinto di essere approvato in Senato. Il testo porta il nome «Razionalizzare le procedure di esecuzione delle demolizioni di manufatti abusivi». In buona sostanza, a meno che si sia in presenza di un abuso edilizio commesso da un malavitoso o in una delle zone tutelate sottoposte a vincolo urbanistico, la demolizioni delle case abusive e la conseguente «rimessione in pristino» dei luoghi deturpati verrà graduata in base a delle priorità (v. dopo).

Il Ddl, che ha già superato il vaglio della Commissione Giustizia del Senato e quello della Camera, si appresta ora ad essere votato in Senato. Il testo, che risale al 2013, è il frutto di numerose modifiche ed emendamenti. Ora tuttavia sembrerebbe esserci una volontà unanime (trasversale alle forze politiche) di portare rapidamente in aula del Senato il disegno di legge e approvarlo quanto prima. Insomma, con buona probabilità il testo attuale diventerà a breve legge.

C’è da dire che il diritto della pubblica amministrazione di provvedere alla demolizione di un immobile abusivo non si prescrive mai e può essere richiesta anche dopo numerosi anni. In ogni caso, il Ddl, come detto, determina dei criteri di priorità per l’esecuzione delle demolizioni, affidati al Pm presso la procura della Repubblica. Verrà data precedenza alle demolizioni riguardanti:

  • gli immobili di rilevante impatto ambientale o costruiti su area demaniale o su area soggetta a vincolo ambientale e paesaggistico, sismico, idrogeologico, archeologico o storico artistico;
  • gli immobili che per qualunque motivo rappresentano un pericolo per la pubblica o privata incolumità;
  • gli immobili nella disponibilità di soggetti condannati per reati di associazione mafiosa o di soggetti colpiti da misure prevenzione.

All’interno di tali categorie si procederà prima alla demolizione degli immobili in corso di costruzione o comunque non ultimati.

Le demolizioni di tutti gli altri abusi edilizi, sempre che non collegati a reati di criminalità organizzata, saranno eseguite successivamente, se mai dovesse … rimanere tempo alle pubbliche amministrazioni che già non brillano per organizzazione e tempestività.

Abusivi tracciati. Il ddl prevede infine una sorta di tracciabilità degli abusi, stabilendo l’istituzione presso il ministero delle Infrastrutture della Banca dati nazionale sull’abusivismo edilizio.

note

[1] Disegno di legge AS 580-B.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

4 Commenti

  1. a mio parere era ora che si provvedesse a un criterio di abbattimento, visto che tanti mafiosi speculano sull’edilizia, e poi una povera famiglia che provvede a fare un piccolo abuso per necessità di spazio domestico familiare viene penalizzato come se avesse fatto un palazzo abusivo, e molto volte sono i piccoli pesci a essere calpestati, ma vedo che adesso la cosa si stia rovesciando.
    un grante affetto a tutti quelli che valorizzano e mettono nero su bianco di quando si sta parlando su questo tema.
    grazie(chi scrive e proprio una famiglia che sta subendo questo dramma di piccolo abuso)

    1. Da ventanni mi stanno perseguitando per un piccolo manufatto di 160 m quadri con tanto di autorizzazione del comune per un parassita della società che gli danno la possobilita di fare ricorsi e cotroricosi grazzie a questo sistema giuridico di clientelismo a cui si prestano Giudici che non rispondono di persona adesso capisco Berlusconi a cio che si riferiva . non cio altro se mi demoliscno vado a vivere in auto mi dispiace per la moa famiglia che non centra nulla Francesco

    2. Quanto vi capisco! E’ una situazione inverosimile anche perché la normativa sull’edilizia è veramente assurda e non adeguata ai nostri tempi ed esigenze…. è incommentabile e non auguro a nessuno di vivere una situazione simile (anche io scrivo nelle vesti di una famiglia sottoposta ad abuso per questioni di spazio logistico nulla di più….)

  2. Leggi ad personam, evidentemente devono favorire qualche amico della casta in attesa di un condono edilizio.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI