Business | Articoli

Redoff Coll: farmaco ritirato dal commercio, ecco il lotto interessato

28 Dicembre 2016
Redoff Coll: farmaco ritirato dal commercio, ecco il lotto interessato

Meglio non usare il collirio anche se lo abbiamo in casa, ecco il rischio rilevato e come controllare se appartiene alla serie ritirata dalle farmacie.

Il collirio Redoff Coll è stato ritirato dalle farmacie pochi giorni fa.
Vediamo per quale ragione ciò è accaduto e quali sono i potenziali rischi per la salute.

Cos’è e a cosa serve il Redoff Coll?

Si tratta di un collirio che viene spesso adoperato per risolvere piccoli problemi di arrossamento, congiuntivite, blefarocongiuntivite, cheratite. Facile dunque che sia nei vostri cassetti, dimenticato.

Il nostro consiglio è di controllare prima di utilizzarlo, che il farmaco in vostro possesso non provenga dalla serie ritirata. Vi diciamo come controllare il numero nei paragrafi di seguito, ma prima vediamo quali sono stati i rischi individuati in fase di controllo.

Che rischi presenta Redoff Coll?

Farmarete- portale di Unifarm per i farmacisti – ha sottolineato che il ritiro dalle farmacie è stato effettuato perchè sarebbero stati riscontrati risultati «fuori specifica con impurezze sconosciute» in alcuni flaconcini.

Si tratta dunque di un difetto relativo ad una serie di flaconi e non all’intera gamma di prodotti.

Ciò nonostante sarebbe pericoloso utilizzarlo qualora si possedessero confezioni appartenenti al lotto a rischio.

Vi diamo di seguito i riferimenti per controllare che il farmaco che avete a casa sia effettivamente sicuro.

Quali lotti di Redoff Coll sono a rischio?

I lotti giudicati a rischio sono i seguenti:

Il lotto Redoff Coll interessato dal ritiro è lo 07-2017, n. 007016 e AIC 036506018.

Il nome preciso del prodotto è Redoff Coll FI 5 ml 0.2% + 0.1%, e l’azienda che lo produce è la Thèa Farma Spa.

Chi avesse una confezione del lotto in casa non deve usarla.

Per sapere come trovare il codice AIC bisogna guardare l’etichetta del farmaco del quale vi forniamo un’immagine esemplificativa.

Risultati immagini per come controllare lotto medicinale

Come funzionano i controlli sui farmaci?

I controlli sui farmaci emessi in commercio sono responsabilità dell’Agenzia Italiana del farmaco (Aifa). Proprio l’Aifa, con riferimento al ritiro del collirio in questione ha da ultimo spiegato che «la serie di verifiche cui sono sottoposti i medicinali in commercio, può talvolta evidenziare una variazione del rapporto tra rischio e beneficio nell’uso del farmaco o, più semplicemente, un’efficacia minore rispetto a quella attesa. In altre occasioni, poi, un medicinale sottoposto ai controlli può non presentare la composizione qualitativa e quantitativa dichiarata nei documenti che ne accompagnano il percorso di vita».

Evidentemente compito dell’Aifa è tutelare la salute del cittadino e intervenire con provvedimenti che possono andare dalla sospensione al divieto di vendita. Nel caso del Redoff Coll, la linea prescelta è stata quella del ritiro dal commercio per le sole serie per le quali sono state rilevate delle impurità, il farmaco dunque rimane sicuro con riferimento ai lotti che non sono stati ritirati.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube