Diritto e Fisco | Articoli

Sovraindebitamento: liquidazione e vendita dei beni

22 aprile 2017 | Autore:


> L’esperto Pubblicato il 22 aprile 2017



La vendita di immobili in presenza del creditore fondiario

È assai probabile che al momento della presentazione dei beni il creditore fondiario abbia intrapreso l’azione esecutiva per la vendita del bene.    È opportuno segnalare che in sede fallimentare il creditore fondiario è legittimato a proseguire l’azione esecutiva ma gli  ermellini [1], ritenendo che il privilegio  del  medesimo  sia  soltanto  di  natura  processuale, non hanno escluso però la vendita in sede concorsuale privilegiando l’anteriorità del provvedimento che dispone la vendita, principio fatto proprio  dal  legislatore con la conseguenza che il creditore fondiario:

—        è comunque sempre soggetto  alle  disposizioni  del  concorso  formale  di cui al terzo comma dell’art. 52 L.F. e, quindi deve necessariamente insinuarsi al passivo per il credito vantato;

—        partecipa  al  riparto  a  seguito  dell’ammissione  al passivo;

—        il ricavato della vendita dei beni sui quali il creditore vanta il proprio diritto partecipa alla soddisfazione delle spese di carattere generale secondo  l’imputazione  prevista  dall’art.  111ter L.F. [2].

Stante al tenore letterale del secondo comma dell’art. 14 duodecies quest’ultimo principio sembra non sia applicabile alla procedura di liquidazione dei beni poiché “i crediti sorti in occasione o in funzione della liquidazione o di uno dei procedimenti di  cui  alla  precedente  sezione  sono soddisfatti con preferenza rispetto agli altri, con l’esclusione  di  quanto ricavato dalla liquidazione dei beni oggetto di pegno ed ipoteca    per  la  parte  destinata  ai  creditori garantiti”.

Nella procedura di liquidazione dei beni, ancorché il liquidatore possa subentrare nelle procedure esecuzioni pendenti, non è chiaro se il creditore fondiario sia legittimato a proseguire l’azione esecutiva individuale e se il credito debba essere soddisfatto soltanto con la domanda di partecipazione  alla  ripartizione.

La purgazione delle formalità pregiudizievoli

Dopo la vendita il liquidatore chiede al giudice, fornendo ogni informazione utile, la cancellazione della trascrizione del pignoramento e delle iscrizioni relative ai diritti di prelazione e di ogni altro vincolo compresa la trascrizione del decreto di ammissione alla procedura. Il giudice, verificato che gli atti dispositivi compiuti dal liquidatore siano conformi a quanto previsto nel programma di liquidazione ordina la purgazione dei predetti atti.

La chiusura della procedura

Il giudice dopo aver accertato la completa esecuzione del programma di liquidazione, con decreto motivato, il giudice dichiara la chiusura della procedura. La chiusura della procedura non può comunque dichiarare la chiusura della procedura prima che siano trascorsi  quattro  anni  dalla  data  del  deposito  della domanda.

note

[1]  Cass.  n.  18436  del 8/9/11

[2] SOLLINI  E.,  Il curatore fallimentare,  Simone  IV  ed.  2012,  pag. 136

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI