Diritto e Fisco | Articoli

Lavoro all’estero e famiglia in Italia: il Fisco mi controlla?

13 maggio 2017


Lavoro all’estero e famiglia in Italia: il Fisco mi controlla?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 13 maggio 2017



Lavoro all’estero dove ho casa e ufficio. Moglie e figlio sono residenti in Italia. Mia moglie è intestataria del contratto di affitto. A livello fiscale come devo comportarmi?

Avendo il domicilio fiscale all’estero il lettore dovrà pagare le imposte in quel Paese e non anche in Italia. Tuttavia, nel caso di svolgimento attività lavorativa all’estero superiore ai 12 mesi, vige per i cittadini italiani l’obbligo di iscriversi all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero. Si reputa altresì opportuno che il lettore si doti di tutta la documentazione utile a comprovare il suo lavoro all’estero poiché per il fisco potrebbe apparire anomala la sua situazione, in cui sua moglie e suo figlio risiedono e vivono in Italia. Per cui, si consiglia di iscriversi all’Anagrafe del ministero degli Affari Esteri e di raccogliere tutti i documenti che possano comprovare lo svolgimento del lavoro all’estero così da poter dimostrare la reale condizione in caso di controllo, essendo, ahimè, impossibile prevedere se e quando verrà effettuato.

Si badi, infine, che i non residenti che hanno prodotto redditi o possiedono beni in Italia sono comunque tenuti a versare le imposte allo Stato italiano.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Alessandro Dini

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI