Tech | Articoli

Come consultare l’archivio dei veicoli circolanti in Italia

24 Aprile 2017 | Autore:
Come consultare l’archivio dei veicoli circolanti in Italia

Ora è possibile consultare il database del parco circolante di autoveicoli e motoveicoli che il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha messo online.

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha reso disponibile online il database del parco circolante di autoveicoli e motoveicoli e che chiunque può consultare liberamente. Per accedere al database basta andare sul sito http://dati.mit.gov.it/catalog/dataset/parco-circolante-dei-veicoli.

Vista la mole di dati, il database è suddiviso per regioni ed è disponibile nel formato cvs. Si può scegliere di visualizzare il file direttamente sul sito o scaricarlo in formato compresso per visualizzarlo anche offline.

Il database è aggiornato al 25 febbraio 2017 e contiene le principali informazioni di 51.448.065 veicoli registrati nell’archivio nazionale della Motorizzazione: 44.353.086 autoveicoli e 7.094.979 motoveicoli.

Per ogni dato è indicata innanzitutto la destinazione del veicolo: la categoria A indica che si tratta di un autoveicolo, mentre la M sta per i motoveicoli. Sono poi indicati il comune di residenza dell’intestatario, marca del veicolo, cilindrata, massa complessiva, tipo di alimentazione del motore, data di immatricolazione, emissioni CO2 e classe ambientale di appartenenza corrispondente a quella che è riportata nel libretto di circolazione.

Inoltre è anche indicato lo stato dei veicoli per quanto riguarda l’obbligo di revisione e l’obbligo di assicurazione ai fini della circolazione.

A completezza del servizio, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha anche reso disponibile l’elenco degli Uffici della Motorizzazione e delle Officine autorizzate per la revisione dei veicoli. Anche in questo caso i dati possono essere consultati in forma tabellare o visualizzati sulla mappa così da identificare meglio quello più vicino.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube