Diritto e Fisco | Articoli

Recupero punti patente: come lo si può chiedere al giudice?

15 maggio 2017


Recupero punti patente: come lo si può chiedere al giudice?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 15 maggio 2017



Causa per procedimento revisione patente per perdita dei punti. Che provvedimento dovrebbe assumere il GdP perché il mio assistito recuperi i punti e non affronti l’esame di guida?

Per conseguire lo scopo del recupero dei punti, il giudice di pace adìto dovrebbe in sentenza ordinare, all’organo che ha provveduto ad irrogare la sanzione principale e quella accessoria della decurtazione dei punti, la restituzione dei punti medesimi sulla patente dell’assistito del lettore. Questo risultato è, però, assai arduo da conseguire per due ordini di ragioni:

  1. in primo luogo perché questa specifica domanda (tesa ad ottenere l’ordine di restituzione dei punti) non è stata proposta nel ricorso già presentato e, come è noto, nel rito del lavoro [1], non è consentito proporre domande nuove (e la modifica di quelle già proposte, ammesso che si possa considerare modifica e non nuova domanda quella tesa ad ottenere dal giudice la restituzione dei punti, è possibile solo su autorizzazione del giudice ove sussistano gravi motivi) [2]: da ciò deriva che se il lettore proponesse questa nuova domanda anche alla prima udienza, il giudice, a stretto rigor di logica e in applicazione delle norme di rito, dovrebbe ritenere inammissibile una tale ulteriore domanda;
  2. in secondo luogo perché oggetto del giudizio in questione è, e non può essere diversamente, solo la declaratoria di illegittimità del provvedimento di revisione della patente, mentre l’obiettivo di conseguire la riattribuzione dei punti può essere raggiunto solo nel giudizio che abbia ad oggetto la legittimità della sanzione principale e di quella accessoria della decurtazione dei punti o soltanto la legittimità della sanzione accessoria della decurtazione di punti: ad oggi, però, tali giudizi non possono più essere proposti in quanto risultano ampiamente decorsi i termini per proporre le relative impugnazioni (sia in sede amministrativa che in sede giurisdizionale).

Si tenga anche conto che la possibilità di recuperare, in sede di opposizione alla successiva cartella di pagamento, l’opposizione che non è stato possibile proporre avverso il verbale di accertamento, è riconosciuta solo nel caso di omissione o nullità della notificazione del verbale di accertamento e non, come è nel caso in questione, di tardività della notificazione del verbale medesimo poi non impugnato nei termini.

Così stando le cose e ipotizzando che il giudizio introdotto con il ricorso allegato si concluda soltanto con la declaratoria di illegittimità del provvedimento che ha disposto la revisione (sulla base evidentemente di un accertamento incidentale della tardività della notificazione del verbale da cui è scaturita la decurtazione dei punti), sarebbe possibile unicamente, sulla base del passaggio in giudicato della sentenza medesima:

1) di richiedere, all’autorità da cui dipende l’organo che provvide ad elevare il verbale di accertamento da cui tutto ha avuto origine, di provvedere, con istanza in autotutela, a porre in essere tutti gli atti necessari perché siano restituiti i punti sulla patente e

2) comunque ed in ogni caso, richiedere all’organo preposto ad autorizzare la frequenza ai corsi di recupero, di consentire all’assistito del lettore, in virtù della sentenza passata in giudicato che avesse annullato il provvedimento di revisione della patente, di ammetterlo alla frequenza dei corsi di recupero stante la situazione di azzeramento dei punti e dato che non gli fu mai comunicato l’azzeramento medesimo.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Angelo Forte

note

[1] Art. 7 d. lgs. n. 150 dello 01.09.2011.

[2] Art. 420 cod. proc. civ.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI