HOME Articoli

Lo sai che? Gli odori si potranno registrare come marchi

Lo sai che? Pubblicato il 30 aprile 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 30 aprile 2017

Tutelabili profumi e altri segni olfattivi al pari dei marchi figurativi: l’Italia si avvia all’adeguamento con la normativa dell’Unione Europea.

Hai realizzato un profumo particolare o un deodorante per la casa e ora temi che qualcuno possa copiarlo? Niente paura: a breve potrai proteggere non solo il nome, il logo e la “ricetta”, ma anche lo stesso odore come se fosse un marchio figurativo. Da ieri, infatti, la registrazione dei segni olfattivi è una realtà anche per l’Italia che ha approvato il disegno di legge delega per l’attuazione della legislazione Ue sulla tutela degli odori. Con l’approvazione del testo da parte del Parlamento, il Governo sarà autorizzato ad attuare la normativa comunitaria [1].

La novità è di tutto rilievo perché estende la cosiddetta «proprietà intellettuale» – ossia il diritto di proteggere le creazioni dell’ingegno – non solo ai disegni, alle invenzioni e ai nomi, ma anche ai profumi. In questo modo l’ideatore, proprio come avviene coi marchi, otterrà un titolo di proprietà industriale rilasciato dall’Euipo (Ufficio europeo per la proprietà intellettuale) con effetti su tutto il territorio dell’Unione europea e potrà proteggere l’odore da tutte le imitazioni.

Nel cosiddetto «pacchetto marchi» finiscono una serie di disposizioni che porteranno, nei prossimi anni, ad avvicinare enormemente le legislazioni degli Stati Membri in modo da non avere più alcuna disparità in materia di protezione della proprietà intellettuale. In particolare vengono predisposte nuove procedure amministrative per la tutela dei marchi nonché l’ampliamento dell’ambito di applicazione della tutela a nuovi tipi di marchio, come quelli olfattivi appunto, superando così il dato della mera riproducibilità grafica. Altra novità riguarda l’introduzione di una procedura amministrativa per la decadenza o la dichiarazione di nullità dei marchi.

note

[1] Regolamento UE n. 2424/2015.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI