Diritto e Fisco | Articoli

Se l’azienda ti chiede se sei soddisfatto del tuo rendimento

2 Maggio 2017
Se l’azienda ti chiede se sei soddisfatto del tuo rendimento

L’azienda non può controllare la produttività dei propri dipendenti: per cui la domanda retorica del datore di lavoro è volta a ottenere un’auto denuncia.

L’azienda non può controllare la qualità della prestazione e il rendimento dei propri dipendenti. Tutti sanno, infatti, che sistemi di controllo a distanza – come la videosorveglianza o le “spie” sui telefoni – sono vietate dallo statuto dei lavoratori nonostante le recenti aperture del job act.

I soli controlli consentiti dentro il luogo di lavoro sono quelli volti a preservare il patrimonio aziendale e la produzione: si pensi alla telecamera puntata su un macchinario pericoloso o nei corridoi dell’azienda per prevenire furti o altri comportamenti illeciti.

Così, non sono pochi i datori di lavoro che, pur conoscendo il rendimento e la qualità della prestazione dei propri dipendenti, non possono contestarla apertamente. Dovrebbero altrimenti ammettere che, in un modo o nell’altro, sono riusciti a esercitare un illegittimo controllo sull’operato dei lavoratori. Così, per superare l’ostacolo, mirano a provocare un’auto denuncia del dipendente stesso. Come? La tecnica è purtroppo ormai rodata e, specie nei call center, si sostanzia in un colloquio tra lavoratore e superiore.

Chiamato “a rapporto” dal capo del personale, il lavoratore si sente chiedere, anche con tono confidenziale e collaborativo, se è soddisfatto del proprio rendimento e quanto è riuscito a realizzare in termini di crescita e di mansioni svolte. Seppur conosce già la realtà dei fatti, il superiore non può dichiararlo apertamente perché sarebbe come ammettere l’esercizio del controllo a distanza. Così è lo stesso dipendente a riconoscere eventuali limiti e inefficienze.

È chiaro che qualsiasi contestazione nei confronti dei lavoratori può svolgersi solo sulla base di un regolare procedimento disciplinare, i cui addebiti devono però essere dimostrabili dal datore di lavoro. L’ammissione del dipendente avvenuta “in camera caritatis” non è utilizzabile nei suoi confronti.

Il punto però non è tanto la minaccia di licenziamento: per quanto appena detto, infatti, il provvedimento potrebbe ben essere impugnato, in un successivo momento, davanti al giudice. In verità, tutta la messa in scena è volta a ottenere le dimissioni del dipendente, situazione certo non conveniente a quest’ultimo che, così facendo, rinuncerebbe anche alla Naspi oltre che al posto. In alcuni casi, poi, si sconfina nel penale, quando al lavoratore – che ha riconosciuto tacitamente la propria inadeguatezza – lo si mette davanti alla prospettiva di accettare il licenziamento concordato” con il datore e prendere almeno la disoccupazione (leggi: Farsi licenziare per la disoccupazione: cosa si rischia?).



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube