Diritto e Fisco | Articoli

I nonni e il diritto di frequentare i nipoti

5 Maggio 2017


I nonni e il diritto di frequentare i nipoti

> Diritto e Fisco Pubblicato il 5 Maggio 2017



In caso di separazione o divorzio tra marito e moglie, i figli devono mantenere rapporti significativi con i nonni.

Nel caso in cui i coniugi si separino e la coppia abbia avuto uno o più figli, i nonni hanno diritto di mantenere rapporti significativi con i nipoti minorenni. I genitori non possono quindi impedire ai nonni il diritto di frequentare i nipoti. Lo prescrive la legge e lo ribadiscono spesso i giudici (leggi Diritto dei nonni di vedere i nipoti). Il codice civile [1] stabilisce infatti che l’ascendente al quale è impedito l’esercizio di tale diritto può ricorrere al giudice del luogo di residenza abituale del minore affinché siano adottati i provvedimenti più idonei nell’esclusivo interesse del minore. Il diritto è quindi riferito ai nonni, titolari di tale tutela, sia pure nell’interesse del minore.

Gli ascendenti che vedono impedito l’esercizio del loro diritto ad un rapporto significativo con i nipoti, possono esperire un’azione legale con conseguenze anche sul piano risarcitorio, da valutare caso per caso.

Immaginiamo una coppia separata da non molto, con un figlio piccolo. L’accesa conflittualità tra madre e padre, che ha portato alla separazione, continua anche nella gestione del bambino e quest’ultimo, provato dai tanti cambiamenti, trova conforto e accudimento dai nonni materni. Da quelli paterni, invece, non va altrettanto volentieri e quindi la madre, per evitare capricci, declina spesso i loro inviti.

I nonni paterni, dal canto loro, sostengono sia la madre la causa di quel rifiuto e rivendicano il loro diritto a frequentare il nipote. La madre prova a spiegar loro che il bambino è piccolo e non può essere obbligato a fare qualcosa di cui non ha voglia, soprattutto in un momento così delicato qual è la separazione dei genitori. Ma i nonni protestano… Continuano ad accampare pretese e ne nasce una discussione. Chi ha ragione?

I nonni paterni? Che ritengono sia loro diritto vedere il nipote, nonostante quello che dice la madre? Oppure la madre? Che, invece, ritiene non sia possibile obbligare il bambino a fare qualcosa contro la sua volontà? La soluzione è stata più volte prospettata dalla giurisprudenza ed è la seguente.

I nonni hanno diritto a mantenere rapporti significativi con i nipoti minorenni. Se i genitori ostacolano l’esercizio di tale diritto, il nonno può rivolgersi al Tribunale e chiedere al giudice di adottare tutti i provvedimenti opportuni a realizzare l’interesse del minore.

Se, però, i nipoti esprimono una volontà contraria, anche se condizionata dai genitori, il diritto di visita non può essere tutelato.

Quindi, se il bambino di genitori separati o divorziati non vuole andare dai nonni, paterni o materni che siano, non può in questo atto essere forzato.


scarica gratis il tuo contratto su misura

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

4 Commenti

  1. MOLTO interessante questo articolo visto che il mio figliolo ha deciso di troncare di netto i rapporti con la sua famiglia d’origine 7 anni fa! Risulto nonna di 3 bambini di cui il primogenito l’ho visto forse 7/8 volte…le altre due nate successivamente non so neanche che faccia abbiano. Buono a sapersi quindi, è come ho sempre pensato. Vorrà dire che pagherà caro sto giochetto…a tempo debito. Non elemosinerò affetti come ho fatto i primi anni non capendo da subito le sue intenzioni (ben d’accordo con la moglie e la famiglia di lei)…!!
    Grazie per tutte le info mail quotidiane siete un vero e proprio servizio pubblico!

  2. Però è da chiedersi perché il figliolo arriva a troncare i rapporti con la sua famiglia di origine.

    1. Gentile Anonimo, (Anonimo 07/05/2017 alle 13:03)
      certamente un esterno che legge il mio commento si pone mille domande…ma mi creda, se avevo qualcosa da nascondere o celare comportamenti lesivi verso mio figlio non avrei messo nome e cognome. Il fatto che il ragazzo abbia un comportamento meschino altamente condizionato dalla moglie e relativa famiglia di lei è conosciuta praticamente a tutti nel nostro circondario. Per allontanare definitivamente una madre e l’intera famiglia credo debbano esistere presupposti di estrema gravità e pericolosità tali da dover prendere questo tipo di precauzione, specie per la tutela dei bimbi. NON è assolutamente il nostro caso e NON avrei perso tempo a scrivere.

  3. Gentile Signora Nicoletta chi meglio di me può comprenderla. Mia figlia, una ragazza bella, affettuosa e con un buon livello di istruzione, tre anni fa, in un detto e un fatto ha lasciato casa per andare a vivere insieme al fidanzato e con la famiglia di lui. Premetto che si erano appena conosciuti su internet ed essendo mia figlia diciannovenne, io non ho potuto proprio farci nulla . Oggi, nonostante tutti i miei tentativi e sforzi per riavvicinarla, volendo anche accondiscendere alle loro decisioni, per mia figlia non solo non devo esistere io ma nemmeno il fratello i nonni e il resto della famiglia, parente e amici. Lui, le ha fatto terreno bruciato ovunque, la tiene sempre in casa e se esce è per portarla a lavorare come sguattera in qualche pizzeria. Ora, attraverso i social, ho saputo che è incinta e la mia grossa preoccupazione è che nessuno lavora in quella casa. Lui, che si ritiene un grande pizzaiolo, non riesce mai a superare i tre mesi di lavoro perchè viene mandato via. Il padre è disoccupato e ha seri problemi al cuore, dunque io che potrei aiutarla e starle vicino, specialmente in un momento per lei così delicato, devo rimanerle distante e per quanto il dolore mi stia lacerando, dato che è lampante una certa chiusura anche da parte di mia figlia, il mio pensiero ricorre al piccolo che già da ora non riceve l’assistenza dovuta e che nascerà in una situazione di disagio e consentitemelo, di totale incoscienza.
    Signor Anonimo, non sempre c’è una spiegazione a tutto, a volte la vita può essere strana o anche crudele, mi creda.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA