HOME Articoli

News Statali, stabilizzazione per tutti, dipendenti e collaboratori

News Pubblicato il 4 maggio 2017

Articolo di

> News Pubblicato il 4 maggio 2017

I lavoratori subordinati e parasubordinati del pubblico impiego potranno usufruire della nuova stabilizzazione a maglie larghe e ottenere il posto fisso.

Bastano 3 anni di servizio, anche non continuativi, per ottenere il tanto agognato posto fisso nel settore pubblico: è quanto stabilito dallo schema di decreto legislativo di riforma del Testo unico del pubblico impiego, cioè dall’ultimo decreto attuativo della Legge Madia, la legge di riforma della Pubblica Amministrazione.

Potranno ottenere il contratto a tempo indeterminato non soltanto i precari assunti a termine, ma anche coloro il cui contratto non è subordinato, ma di collaborazione, purché l’accesso sia avvenuto con concorso pubblico.

Ma procediamo per ordine e facciamo il punto sulle principali novità relative alla stabilizzazione dei lavoratori pubblici.

Stabilizzazione lavoratori pubblici precari: chi ne ha diritto

Secondo il nuovo decreto, nel dettaglio, avranno diritto alla stabilizzazione i seguenti soggetti:

  • dipendenti pubblici assunti a tempo determinato, purché l’accesso sia avvenuto tramite concorso pubblico e purché possiedano almeno 3 anni di servizio presso una pubblica amministrazione, anche non continuativi, negli ultimi 8 anni;
  • lavoratori parasubordinati (anche noti come co.co.co., collaboratori coordinati e continuativi): anche per loro è necessario che l’ingresso nell’amministrazione sia avvenuto sulla base di un concorso pubblico, ed è necessario che abbiano prestato almeno 3 anni di servizio presso una pubblica amministrazione, anche non continuativo, negli ultimi 8 anni.

La data a cui fare riferimento, per quanto concerne il possesso dei requisiti per la stabilizzazione, è il 31 dicembre 2017: pertanto chi, alla data attuale, non ha ancora raggiunto 3 anni di servizio, ha tempo sino al prossimo dicembre per maturarli.

Per quanto riguarda il requisito dei 3 anni di servizio, come anticipato la prestazione deve essere stata resa nei confronti di una pubblica amministrazione: questa, però, può anche essere differente da quella presso cui l’interessato lavora attualmente e che dovrà procedere all’assunzione.

Sono ammessi alla stabilizzazione, inoltre, i precari che hanno lavorato per un ente non più esistente perché interessato da procedure di riordino o accorpamento.

Stabilizzazione lavoratori pubblici precari: come si entrerà in futuro

In base a quanto esposto, il decreto attuativo sulla stabilizzazione avrà la funzione di una “norma di transizione”, adottata per normalizzare e “riordinare” la situazione in cui versa attualmente il pubblico impiego. Sia la Camera che il Senato, difatti, si sono trovati concordi sulla necessità che il Governo ampli il più possibile la platea dei destinatari della stabilizzazione, in quanto quest’operazione servirà, secondo il ministro Marianna Madia, a realizzare la definitiva uniformazione del pubblico impiego.

Tolto questo “salvacondotto” per i precari, difatti, in futuro sarà possibile entrare nella Pubblica Amministrazione solo con contratti a tempo indeterminato.

Stabilizzazione precari pubblico impiego: quote di riserva e ruoli dirigenziali

Per evitare problemi in merito alla possibile competizione tra gli aventi diritto alle quote di riserva, il Senato ha voluto porre una condizione aggiuntiva all’esecutivo, chiedendo di armonizzare, nel decreto, le disposizioni in materia di collocamento obbligatorio con le norme in materia di vittime del terrorismo, della criminalità organizzata e del dovere.

La Camera ha invece richiesto, tra le ultime osservazioni inserite nel parere, di provvedere tempestivamente, attraverso il decreto, alla stabilizzazione nelle funzioni dirigenziali degli incaricati delle agenzie fiscali; inoltre, è stato chiesto di confermare nel ruolo dirigenziale i segretari comunali e provinciali con almeno tre anni di servizio che siano stati trasferiti in mobilità.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

17 Commenti

  1. I precari con almeno 3 anni di servizio potranno accedere ad un Concorso a tempo indeterminato, con dei vantaggi nei confronti degli altri concorrenti. Ma non vi potrà essere stabilizzazione automatica. Si veda articolo 97 della Costituzione.

  2. Debbono avere un contratto a tempo indeterminato tutti i precari vincitori o non di concorsi, questi vengono sfruttati per anni anche 7 o 8 anni e con questo decreto se non sei in una graduatoria a tempo indeterminato sei fuori. Spero che fanno una correzione , per salvaguardare tutti i precari.

  3. Questa è una legge che lascia fuori migliaia di precari professionali che lavorano presso la pubblica amministrazione anche da 10 anni consecutivi!!, con la differenza che sono assunti attraverso le famose cooperative!!!, no non mi sta bene!!…. cosi andranno avanti coloro che la nuova amministrazione ha assunto come collaboratori per il suo staff e prima ancora non hanno mai lavorato per il pubblico impiego!!! no nn mi sta bene!!!

  4. Non mi sembra i decreti attuativi parlino della stabilizzazione dei Co.Co.Co. nella pubblica amministrazione, ne’ con concorso ne’ senza!!! Un’altra legge truffa, che non serve alle migliaia di persone che ancora aspettano un contratto vero!!!

  5. È giusto che l’accesso al pubblico impiego avvenga secondo le regole dettate dall’articolo 97 della costituzione ovvero mediante concorso pubblico. Come è altrettanto giusto stabilizzare il personale con contratto a tempo determinato istituito mediante pubbliche selezioni. Si dovrebbe vietare alle pubbliche amministrazioni di assumere lavoratori in soministrazione poiché con le attuali regole non possono essere stabilizzati perché il loro datore di lavoro risulta l’agenzia interinale. Risulta inotre controproducente avviare da parte del governo continue sanatorie se non si elimina alla radice il fenomeno del precariato.

  6. non ci credo che pure i co.co.co. verranno assunti io sono 18 anni che sono precaria e sinceramente mi sono stufata di questa situazione e spero che vengano assunti tutti una volta per tutte

  7. Gentile Noemi Secci lei scrive:

    Potranno ottenere il contratto a tempo indeterminato non soltanto i precari assunti a termine, ma anche coloro il cui contratto non è subordinato, ma di collaborazione, purché l’accesso sia avvenuto con concorso pubblico.

    Ma da cosa lo deduce?
    Questo sarebbe il caso di una persona assunta a TD con meno di 3 anni ma con anni alle spalle di Co.co.co.
    Ma io sinceramente non riesco a leggere tra le righe del decreto quello che Lei sostiene.

    1. Questo sarebbe il caso di una persona assunta a TD con meno di 3 anni ma con anni alle spalle di Co.co.co.
      Ma io sinceramente non riesco a leggere tra le righe del decreto quello che Lei sostiene.

      In teoria il tuo caso rientrerebbe nella stabilizzazione poichè si parla di 3 anni di servizio e non di 3 anni di tempo determinato.

  8. Io sono assunto a tempo determinato presso un P.A., ho vinto concorso pubblico a tempo determinato e a ottobre 2017 avro’ fatto tre anni di servizio in totale, ma presso enti pubblici differenti.
    Che possibilità ho di essere assunto!?!?

  9. Salve, ho svolto tre anni presso una Provincia (mediante pubblica selezione) , ho diritto di essere assunta o di fare un concorso per la Regione (essendo il personale delle Province assorbito dalla Regione?)
    Grazie mille

  10. Buongiorno, io sono un operaio, e sono stato assunto per più di tre anni con i cantieri regionali finalizzati all’occupazione, mediante graduatoria dell’ufficio di collocamento, rientro nella stabilizzazione? Non ho partecipato fisicamente ad un concorso, ma ero in graduatoria come disoccupato. Grezie

  11. Buongiorno, io ho un contratto a tempo determinato dal novembre 2015 dopo aver vinto un concorso, dopo diversi anni di co.co.co., quindi al 31 dicembre 2017 non avrò 3 anni di TD negli ultimi 8, ma ho 3 anni di contratto negli ultimi 8 di cui 2 anni di TD. Rientro nella stabilizzazione? Tutto sta è capire cosa si intende per “aver maturato 3 anni di servizio”….

  12. Buongiorno, la possibilità di stabilizzazione riguarda i ricercatori universitari a tempo determinato? Ossia coloro che sono o sono stati titolari di un contratto di lavoro subordinato a tempo determinato ai sensi dell’art. 24, comma 3, lettera a), Legge 240/2010 (Legge Gelmini) presso un Università pubblica?
    Grazie

  13. Bisogna capire cosa intende la legge con “Tempo determinato” e con “Concorso pubblico”. Se per tempo determinato si intende esclusivamente un contratto da dipendente con inquadramento tutti i cococo saranno fuori. Lo stesso vale se per il concorso può essere assimilato a una selezione pubblica.
    Io ho 7 anni di cococo presso un ente locale.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

Hai un dubbio giuridico, curiosità che ti piacerebbe conoscere? Chiedicelo

CERCA CODICI ANNOTATI