Diritto e Fisco | Articoli

Quanti soldi sono l’accompagnamento?

24 Maggio 2017 | Autore:
Quanti soldi sono l’accompagnamento?

Per il 2017 l’importo dell’indennità di accompagnamento è pari a 515,43 euro mensili, erogati per dodici mensilità e esenti da Irpef; non va dichiarata in denuncia dei redditi.

Per il 2017 l’importo dell’indennità di accompagnamento è pari a 515,43 euro mensili, erogati per dodici mensilità e esenti da Irpef (cioè non tassati); non va dichiarata in denuncia dei redditi. Ma cos’è esattamente l’accompagnamento? A cosa serve?

Indennità di accompagnamento: cos’è?

L’indennità di accompagnamento è una prestazione assistenziale, che spetta agli invalidi civili totali, in presenza di condizioni ben precise:

  • impossibilità di deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore;
  • inabilità nel compiere gli atti quotidiani della vita senza un’assistenza continua.

L’indennità di accompagnamento inoltre:

  • non è cumulabile con altre indennità simili erogate per cause di servizio, lavoro o guerra;
  • non è subordinata a limiti di reddito;
  • è indipendente dall’età della persona: può essere riconosciuta, infatti, ad un bambino (in alternativa all’indennità di frequenza), ad un adulto in età lavorativa (con o senza pensione di inabilità a seconda del reddito), ma anche all’over 65enne (senza pensione di inabilità);
  • è indipendente dalla composizione del nucleo familiare dell’invalido;
  • non è reversibile (cioè non si trasmette agli eredi dopo la morte dell’invalido);
  • è compatibile con lo svolgimento di attività lavorativa.

Indennità di accompagnamento: a chi spetta?

Hanno diritto a ricevere l’indennità di accompagnamento gli invalidi civili che hanno ottenuto il riconoscimento di una invalidità totale e permanente del 100% e che:

  • siano cittadini italiani o cittadini Ue residenti in Italia, o siano cittadini extracomunitari in possesso del permesso di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo;
  • risiedano in Italia;
  • non siano ricoverati in strutture sanitarie con retta a carico dello Stato o di altro ente pubblico o ricoverati in reparti di lungodegenza o riabilitativi (continua invece ad essere corrisposta durante i periodi di ricovero per terapie contingenti di durata connessa al decorso della malattia).

Indennità di accompagnamento: come fare la domanda?

Per richiedere e ottenere l’indennità di accompagnamento, è prima necessario che sia riconosciuta l’invalidità del richiedente, attraverso l’accertamento dei requisiti sanitari da parte della commissione medica che risulta competente. È, quindi, necessario recarsi dal proprio medico curante o da un altro specialista convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale: saranno loro a redigere il certificato medico introduttivo, documento essenziale per inviare all’Inps la domanda di riconoscimento dell’invalidità. Al suo interno, infatti, il medico indica che il richiedente è «persona impossibilitata a deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore» o in alternativa che si tratta di «persona che necessita di assistenza continua, non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani della vita».

Tale certificato dovrà essere inviato all’Inps tramite:

  • internet, andando alla pagina dei Servizi Online per il cittadino, accessibili tramite Pin dispositivo, all’interno del portale web dell’Istituto;
  • contact center Inps, accessibile dal numero 803.164 (è necessario il Pin);
  • direttamente presso un patronato.

A questo punto, il richiedente viene convocato dall’Inps per gli accertamenti sanitari, alla presenza della commissione medica Asl integrata da un medico dell’Istituto. Se i controlli hanno esito positivo, viene inoltrato al cittadino il verbale definitivo ed egli dovrà inviare all’Inps alcune informazioni, tra cui le coordinate bancarie, eventuale ricovero o la frequenza dei centri di riabilitazione.

L’indennità di accompagnamento verrà corrisposta a partire dal mese successivo a quello in cui è stata effettuata la presentazione della domanda di riconoscimento dell’invalidità.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube