Diritto e Fisco | Articoli

Durc positivo per chi ha rottamato le cartelle Inps

8 maggio 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 8 maggio 2017



Durc positivo automatico per chi ha rottamato cartelle e avvisi di addebito Inps.

A coloro che hanno presentato istanza di definizione agevolata entro il 21 aprile 2017 (rottamazione) per cartelle e avvisi di addebito Inps, la procedura Durc On Line fornirà in automatico un esito di regolarità.

Non è quindi necessario attendere il pagamento dell’intero importo o della prima rata del piano di definizione agevolata per ottenere il Durc positivo.Ciò consente, per esempio, alle aziende di partecipare già adesso alle procedure di appalto e subappalto (dove il Durc positivo è obbligatorio).

Attenzione, però: in caso di mancato, insufficiente o tardivo versamento dell’importo dovuto o di una rata del piano di definizione agevolata, il Durc positivo già rilasciato viene annullato.

La cosiddetta “Manovrina” [1] ha previsto che, nell’ipotesi di definizione agevolata (rottamazione) dei debiti contributivi, il Documento Unico di Regolarità Contributiva (Durc) è rilasciato, a seguito della presentazione da parte del debitore della dichiarazione di volersi avvalere della definizione agevolata effettuata nei termini, previa verifica della sussistenza di tutti gli altri requisiti di regolarità.

Dunque, ai fini della regolarità contributiva è sufficiente la manifestazione di volontà del debitore di avvalersi della definizione agevolata, ferma restando la verifica della sussistenza di tutti gli altri requisiti previsti dalla normativa in materia di DURC.

Ricorrendo tale ultima condizione, il contribuente potrà ottenere, rispetto ai carichi contenuti nelle cartelle di pagamento/avvisi di addebito oggetto di definizione agevolata dei crediti contributivi, un esito di regolarità.

Dato che l’intero procedimento di definizione agevolata si perfeziona esclusivamente con il versamento delle somme dovute in unica soluzione o con il pagamento della prima rata nelle ipotesi di adempimento in modalità rateale, in caso di mancato ovvero di insufficiente o tardivo versamento dell’unica rata o di una rata di quelle in cui è stato dilazionato il pagamento delle somme dovute, tutti i Durc rilasciati sono annullati dagli Enti preposti alla verifica.

L’annullamento conseguente al mancato perfezionamento della definizione agevolata interesserà tutti i Documenti con esito di regolarità formati a partire dal 24 aprile 2017.

A tal fine, l’Agente della riscossione ha l’onere di comunicare agli Enti preposti alla verifica il regolare versamento delle rate accordate in sede di definizione agevolata.

I Documenti annullati saranno pubblicati in apposita sezione del servizio Durc On Line allo scopo di rendere disponibili i medesimi ai richiedenti e a chiunque, avendone interesse, abbia consultato il servizio.

Durc positivo: istruzioni operative

L’Inps  [2] ha chiarito che, a far data dal 24 aprile 2017, nel caso in cui per i debiti nei confronti dell’Inps affidati all’Agente della Riscossione il debitore abbia presentato entro il 21 aprile 2017 dichiarazione di adesione alla definizione agevolata, la procedura Durc On Line fornirà in automatico un esito di regolarità.

Al fine di supportare l’attività istruttoria delle sedi, si è provveduto inoltre a popolare in automatico il Tab “note azienda” della procedura intranet Durc On Line con l’informazione relativa alla presenza per il codice fiscale di una dichiarazione di definizione agevolata.

Tale informazione consente infatti all’operatore, in caso di esito di irregolarità che consegue all’ipotesi di definizione parziale dell’esposizione debitoria, di operare, in contraddittorio con il contribuente, la valutazione dell’esito della verifica.

Infatti, la procedura escluderà dall’invito a regolarizzare esclusivamente le esposizioni debitorie per le quali l’Agente della Riscossione, al momento dell’effettuazione della verifica, abbia già provveduto alla trasmissione della relativa informazione negli archivi dell’Inps.

Qualora, a seguito della notifica dell’invito a regolarizzare, il contribuente segnali l’avvenuta presentazione della dichiarazione di rottamazione relativamente alle esposizioni debitorie valorizzate nel medesimo invito dalla procedura Durc On Line, l’operatore, laddove il Tab “note azienda” non rechi ancora l’informazione che “l’azienda ha presentato istanza di definizione agevolata”, provvederà all’aggiornamento manuale dell’informazione, previa conferma da parte dell’Agente della Riscossione della regolarità della documentazione prodotta dal contribuente.

note

[1] Art. 54, D.L. n. 50 del 24.04.2017.

[2] Inps, circolare n. 80 del 02.05.2017.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI