Business | Articoli

Cos’è la Dis-Coll?

3 Gennaio 2017


Cos’è la Dis-Coll?

> Business Pubblicato il 3 Gennaio 2017



Disoccupazione per i lavoratori occasionali, ecco cos’è e come funziona il sussidio a favore dei parasubordinati.

La Dis-Coll è una misura di assistenza ai lavoratori attualmente disoccupati perchè si trovano al termine di un contratto di collaborazione parasubordinata.

Da un punto di vista pratico, la Dis-Coll somiglia molto alla Naspi, ovvero il sussidio di sostegno al reddito destinato ai lavoratori dipendenti.

I parametri di calcolo della Dis-Coll tuttavia sono differenti. Vediamo chi può richiederla e come si calcola il sussidio.

Chi può avere la Dis-Coll?

La Dis-Coll può essere richiesta dagli iscritti alla Gestione Separata INPS. 

Per aver diritto alla prestazione è necessario essere disoccupati alla data della domanda, dunque si deve avere compilato la domanda presso i Servizi per L’Impiego situati in ogni provincia.

Quanti mesi bisogna aver lavorato per avere la Dis-Coll?

È inoltre necessario avere versato almeno tre mesi di contribuzione nella gestione separata nel periodo tra il 1 gennaio dell’anno solare precedente, sino al momento della cessazione del rapporto di lavoro.

Bisogna inoltre aver maturato almeno un mese di contribuzione nell’anno solare in cui si verifica l’evento.

 

 

Come si calcola l’importo della Dis-Coll?

Per calcolare la Dis-Coll si deve partire dalla retribuzione media lorda mensile del periodo di lavoro.

Dividiamo dunque l’importo totale del contratto di collaborazione per il numero di mesi per il quale il contratto è risultato in essere.

Se l’importo risultante è inferiore a 1.195 euro, allora la Dis-Coll sarà calcolata nella misura del 75% della retribuzione media mensile. Se invece il valore è superiore a 1.195 euro, a tale importo va sommato il 25% della differenza tra la retribuzione media mensile e il valore standard (per il 2016) di 1.195 euro.

Il valore massimo mensile a cui può arrivare la Dis-Coll è un  lordo mensile di 1.300 euro (che sarà comunque annualmente rivalutato sulla base dell’indice ISTAT per i prezzi al consumo).

A partire dal quinto mese di fruizione inoltre l’indennità sarà ridotta progressivamente di un importo del 3% (per effetuare il calcolo progressivo basterà dunque moltiplicare il valore per 0,97 mese dopo mese).


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI