Diritto e Fisco | Articoli

Multa, ma non sono stato io: cosa fare?

13 Maggio 2017
Multa, ma non sono stato io: cosa fare?

Ho ricevuto una multa perché un cartone con il mio nome come destinatario è stato trovato fuori dalla campana della raccolta. Non sono stato io. Come difendermi?

Il sistema delle sanzioni amministrative prevede, per favorire l’incasso degli importi da parte delle Pubbliche Amministrazioni (compresi i Comuni), che sia obbligato in solido al relativo pagamento anche il proprietario della cosa che servì a commettere la violazione [1]. L’obbligato in solido è cioè tenuto al pagamento della sanzione non perché incolpato di avere commesso l’infrazione (incolpato può essere solo e soltanto l’effettivo trasgressore), ma solo in quanto proprietario della cosa che servì alla commissione dell’infrazione (nel caso del lettore la cosa è il rifiuto solido urbano lasciato fuori dal cassonetto). Resta, ovviamente, la possibilità per l’obbligato in solido che abbia pagato la sanzione di agire in regresso nei confronti del trasgressore (cioè di chiedere all’effettivo trasgressore, se identificato, la restituzione della somma pagata alla pubblica amministrazione).

L’unica possibilità per l’obbligato in solido di sottrarsi all’obbligo di pagamento è di dimostrare che la cosa che servì per la realizzazione dell’illecito fu utilizzata contro la sua volontà: non basterebbe al lettore, quindi, affermare che qualcuno ha posto il rifiuto fuori dal cassonetto senza avvertirlo o senza che lui ne sapesse nulla, ma occorrerebbe che dimostrasse, ad esempio, che quel cartone gli fu sottratto (per furto o per altro motivo illecito).

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Angelo Forte



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube