Business | Articoli

Cosa sono i contributi volontari?

4 Gen 2017


Cosa sono i contributi volontari?

> Business Pubblicato il 4 Gen 2017



Aumentare i contributi accumulati per la propria pensione attraverso il versamento di ulteriori contributi: i casi in cui si può fare e come richiederlo.

I contributi volontari sono versamenti che vengono effettuati dal contribuente per perfezionare i requisiti di assicurazione e raggiungere il diritto alla pensione, o incrementare la pensione qualora tali requisiti siano stati già raggiunti.

Possono versare i contributi volontari sia i lavoratori sia chi ha già cessato la propria attività.

Quest’ultimo caso è il più comune. Sono difatti utili per coprire con la contribuzione i periodi durante i quali il lavoratore che non svolge alcun tipo di attività lavorativa dipendente o autonoma (compresa quella parasubordinata); che abbia chiesto brevi periodi di aspettativa non retribuita per motivi familiari o di studio; abbia stipulato un contratto part-time (orizzontale o verticale).

Come versare i contributi volontari 

Per effettuare il versamento di contributi volontari, bisogna fare domanda all’Inps. La procedura può essere eseguita attraverso il portale dell’istituto tramite il Pin dispositivo dalla sezione “servizi al cittadino” (per sapere come ottenere il Pin dispositivo consulta il nostro approfondimento Cos’è il Pin dispositivo Inps?), ma anche eventualmente:

  • attraverso il Contact Center Multimediale Inps – chiamando il numero 803.164 gratuito da rete fissa o il numero 06164164 da rete mobile a pagamento secondo la tariffa del proprio gestore telefonico;
  • attraverso i patronati e tutti gli intermediari dell’Istituto – usufruendo dei servizi telematici offerti dagli stessi.

Come si pagano i contributi obbligatori?

Verificata l’esistenza dei presupposti di legge, l’Inps autorizza il versamento, quantificando gli importi inviando quattro bollettini Mav annuali con l’indicazione delle scadenze trimestrali entro le quali devono essere versate le relative somme.

Quali sono i requisiti per poter versare contributi volontari?

Per ottenere l’autorizzazione alla contribuzione volontaria servono:

  • almeno 5 anni di contributi (260 contributi settimanali ovvero 60 contributi mensili) indipendentemente dalla collocazione temporale dei contributi versati;
  • almeno 3 anni di contributi nei cinque anni che precedono la data di presentazione della domanda.

Tali requisiti possono essere posseduti sia per aver percepito la contribuzione obbligatoria, sia in seguito a riscatto (per sapere quando si possono riscattare i contributi leggi Cosa sono i contributi figurativi, come funzionano, a cosa servono).

Quando si possono versare contributi volontari mentre si lavora?

Si possono versare i contributi volontari, in determinate condizioni, anche quando si è ancora in attività. Per conoscere le condizioni consigliamo il nostro approfondimento Contributi volontari: come funzionano? La guida completa.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI