Diritto e Fisco | Articoli

Accertamento fiscale “a tavolino”: nullo senza verbale

22 Maggio 2017 | Autore:
Accertamento fiscale “a tavolino”: nullo senza verbale

Controlli a tavolino: necessaria la notifica del pvc prima dell’avviso di accertamento Irpef.

In caso di controllo a tavolino, cioè di verifica fiscale senza accesso ai locali del contribuente o dell’azienda, l’Agenzia delle Entrate è tenuta a notificare, prima dell’avviso di accertamento, il processo verbale di constatazione.

Il mancato invio del verbale comporta la violazione del principio di contraddittorio preventivo e del diritto di difesa del contribuente, con conseguente nullità dell’avviso di accertamento basato sul controllo a tavolino.

È quanto affermato da una recente sentenza della Commissione Tributaria Regionale di Palermo [1], in linea con la giurisprudenza maggioritaria sul punto.

Il controllo a tavolino consiste nella verifica fiscale eseguita presso l’ufficio (quindi senza accessi e ispezioni della Guardia di Finanza) sulla base di notizie acquisite da altre pubbliche amministrazioni o da terzi, oppure fornite direttamente dal contribuente mediante la compilazione di questionari o in sede di colloquio presso l’ufficio stesso. Da tali verifiche, il Fisco può accertare un maggior reddito non dichiarato dal contribuente e ,conseguentemente, notificargli l’avviso di accertamento.

Tuttavia, prima della notifica dell’avviso, il contribuente ha diritto di ricevere il processo verbale di constatazione (cosiddetto pvc) [2] in modo da poter conoscere i criteri e le risultanze dell’accertamento ed, eventualmente, difendersi con il deposito di apposite osservazioni e richieste.

In caso di omessa notifica del processo verbale di constatazione, l’avviso di accertamento è nullo per violazione del contraddittorio preventivo, sancito anche dallo Statuto del Contribuente secondo cui, nel rispetto del principio di cooperazione tra Amministrazione e contribuente, dopo il rilascio della copia del processo verbale di chiusura delle operazioni da parte degli organi di controllo, il contribuente può comunicare entro sessanta giorni osservazioni e richieste che sono valutate dagli uffici impositori. L’avviso di accertamento non può essere emanato prima della scadenza del predetto termine, salvo casi di particolare e motivata urgenza [3].

Dunque, il Fisco è tenuto a notificare il processo verbale e ad attendere sessanta giorni prima di notificare l’avviso di accertamento. La notifica prima di tale termine è possibile solo se sussistono ragioni di particolare e motivata urgenza che devono comunque essere motivate e dimostrate dal Fisco [4].


note

[1] CTR Palermo, sez. distaccata di Siracusa, sent. n. 1033/04/2017.

[2] Art. 24, L. n. 4/1929.

[3] Art. 12, c. 7, L. 212/2000.

[4] Cass. Sez. Unite, sent. n. 18184/2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube