Diritto e Fisco | Articoli

Detrazione per le spese funebri

3 Giugno 2017 | Autore:
Detrazione per le spese funebri

Le spese funebri sono detraibili dalle tasse: vediamo in che modo e in che misura.

La legge prevede la detrazione per le spese funebri, cioè per tutte quelle spese destinate a dare onoranze funebri e sepoltura al defunto. A partire dal 2017, la detrazione per le spese funebri è consentita a tutti coloro che le sopportano: è stato infatti abolito il vincolo parentale, il quale consentiva la detrazione solo per le spese funebri sopportate per i servizi funerari riferiti ad un parente stretto.

Vediamo come funziona la detrazione per spese funebri.

A quanto ammonta la detrazione per spese funebri

La detrazione per le spese funebri ammonta al 19% dei costi sostenuti, fino ad un limite massimo di euro 1550. Il limite massimo per la detrazione di spese funebri è fissato per ogni decesso: quindi se nel corso dell’anno decedono più persone e si pagano i costi funerari, è ammissibile la detrazione per ogni spesa funeraria sostenuta nei limiti del 19% di euro 1550 per ciascuna.

Ciò significa che il contribuente può ottenere la detrazione fiscale per spese funebri fino al limite pari al 19% della somma di euro 1550 per ogni decesso di cui sopporta i costi, ovvero fino alla somma di euro  294,50.

Per quali spese è prevista la detrazione

La detrazione fiscale è ammissibile per ogni spesa funebre sopportata dal contribuente, purchè attuale rispetto al lutto: dunque, è detraibile ad esempio la spesa di acquisto della lapide, o il costo del funerale; non può essere detratto il prezzo di acquisto del loculo, se avvenuto molto tempo prima della morte.

Documenti per la detrazione per spese funebri

La detrazione per spese funebri presuppone il rilascio e la conservazione delle fatture o dei documenti fiscali inerenti le somme esborsate: ad esempio, occorre disporre della fattura della ditta di onoranze funebri che si è occupata del funerale.


note

Autore immagine: Pixabay


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube