HOME Articoli

Lo sai che? Non sempre una mail vale come prova

Lo sai che? Pubblicato il 22 luglio 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 22 luglio 2017

Non sempre una mail ordinaria vale come prova: sarà il giudice, in base alle circostanze, a valutare che valenza può avere nell’ambito di un processo.

 

Non sempre una mail vale come prova. Secondo quanto affermato dal Tribunale di Pesaro [1] una mail semplice è un documento informatico privo di firma e può provare i fatti e le cose contenuti al suo interno solo se colui contro il quale sono prodotte (in genere il mittente) non le contesta tempestivamente, disconoscendone la conformità ai fatti o alle cose medesime. In pratica, se non afferma il contrario.

Per capirci, ipotizziamo che una persona dia dei soldi a un amico scrivendogli per email che si tratta di un regolo. Dopo un po’, lo stesso  si rimangia la parola e inizia a pretendere la somma. Quella mail, in un’eventuale giudizio, secondo quanto detto dalla sentenza del Tribunale di Pesaro, potrebbe non avere alcun valore se il mittente ne contesta la paternità e quindi la provenienza.

La vicenda

Il vicenda trattata dalla sentenza è analoga all’esempio appena fatto: due società – Alfa e Beta – stipulavano un contratto per il montaggio di infissi e Alfa emetteva delle fatture. Beta sosteneva di non dovere nulla perché, tra loro, c’era stata una transazione che, però, Alfa contestava. Beta, per provare la sua tesi, esibiva delle mail intercorse tra loro.

Mail: che valore hanno?

Può una semplice mail trasformarsi in una vera e propria prova? Se io dico al mio amico per mail che non mi deve più restituire i soldi che gli ho prestato e poi mi tiro indietro, basterà quella mail al giudice per liberare il mio amico dall’ipotetico debito? Nel caso della sentenza, basterà quella mail a Beta per non sganciare un euro ad Alfa?

Tutti sanno, ormai, che la posta elettronica certificata ha valore di prova scritta: un indirizzo pec permette di avere le stesse garanzie e caratteristiche della normale raccomandata a.r. e, in un eventuale giudizio, si potrà facilmente dimostrare la spedizione della comunicazione, la sua ricezione, la data e l’ora di invio. Ma a noi interessa capire cosa accade con una mail ordinaria.

A tal proposito, nel corso del tempo si sono delineati due contrapposti orientamenti:

  1. il primo è quello a cui aderisce il Tribunale di Pesaro, secondo cui l’e-mail è un semplice documento informatico privo di firma, non fornendo alcuna garanzia che consenta di attribuire allo stesso una paternità certa. Non c’entra nulla che, per accedere alla casella di posta, servano user e password. In sostanza, una mail ordinaria è una prova dei fatti e delle cose rappresentate al suo interno solo se colui contro il quale sono prodotti non le contesta tempestivamente, se – cioè – il mittente non afferma il contrario [2]. Se ciò accade, la mail non ha alcun valore legale. Carta straccia, quindi;
  2. secondo l’altra tesi, il valore di prova di una semplice mail dipende dal giudice, nel senso che sarà quest’ultimo a stabilire se essa ha valore probatorio o meno. Secondo questo orientamento, a differenza del primo, lo user e la password utilizzati per accedere alla casella di posta elettronica sono considerati mezzi di identificazione informatica e, come tali, rientranti nella definizione di firma elettronica data dal legislatore. Si legga, in proposito, Anche l’email ordinaria vale come prova scritta.

Questa seconda tesi viene bocciata nel caso delle due società per una questione molto elementare: è vero che per accedere alla casella di posta elettronica bisogna prima autenticarsi, tramite l’inserimento di uno user e della relativa password ma tutti sanno che è possibile memorizzare queste informazioni in modo tale da consentire l’accesso immediato alla posta. E chi ci garantisce, in questi casi, che chi ci risulta aver inviato il messaggio sia davvero il suo reale mittente? Esempio classico: Tizia e Caia sono sorelle, Caia ha telefonato a Tizia dicendole che nel posto in cui si trova non c’è una connessione internet e lei deve inviare urgentemente una mail. Tizia, così, accede alla casella di posta della sorella dal momento che i dati identificativi sono stati memorizzati e invia la mail al posto suo. Il destinatario si ritrova una mail mandata da Caia ma che, in realtà, è Tizia ad aver inviato.

In sostanza, nei casi in cui si ponga il problema della valenza probatoria di una semplice mail, è il giudice ad avere il compito di valutare nel caso concreto se l’e-mail prodotta in giudizio possa considerarsi attendibile, anche in relazione agli altri elementi probatori acquisiti.

Il giudice può considerare una mail come una prova, ma esistono diverse varianti da prendere in considerazione. Per sua natura, il messaggio elettronico è soggetto a modifiche che impediscono di considerarlo completamente attendibile.

note

[1] Trib. Pesaro sent. n. 215 del 18.04.2017.

[2] Art. 2712 cod. civ., così come modificato ex art. 23-quater d. lgs. n. 82 dello 07.03.2005 (Codice dell’Amministrazione Digitale).

Fonte della sentenza: lesentenze.it


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI