Diritto e Fisco | Articoli

Come calcolare il lucro cessante?

3 Giugno 2017
Come calcolare il lucro cessante?

Non riesco a calcolare il lucro cessante per un’azienda avente attività stagionale e che per un problema ha dovuto chiudere la stagione un mese prima. Come devo fare?

Sulla base dei pochi elementi a disposizione – dal quesito non si evince, per esempio, qual è la stagione nella quale è attiva l’azienda, né il settore nel quale opera – può dirsi quanto segue.

Il lucro cessante consiste nella mancata acquisizione di beni, guadagni, o altre utilità che il danneggiato avrebbe conseguito se non fosse intervenuto un fatto dannoso.

La Corte di Cassazione afferma da tempo, in tema di danno da lucro cessante, che tale danno deve essere determinato in base a quelle condizioni che non si sono, nei fatti, realizzate [1]. Dunque, si deve provare che un determinato lucro sarebbe stato incamerato dal danneggiato se non si fosse verificato il fatto illecito. Tale prova va desunta dalla ricostruzione ideale di quanto il creditore avrebbe conseguito per effetto di una normale successione di eventi. Questa ricostruzione, pertanto, deve prendere le mosse non da una semplice possibilità, una pura ipotesi di lucro bensì da una situazione concreta che consenta di ritenere ragionevole e attendibile la possibilità di conseguire il guadagno [2].

Alla luce di questa premessa, la base di calcolo del lucro cessante, nel caso della lettrice, sia data dalla media, negli ultimi tre anni, dei profitti relativi al mese di inattività forzata. Tale cifra andrà rivalutata, applicandole gli indici Istat del periodo nel quale è stato sofferto il danno. All’importo così ottenuto si dovrà, infine, applicare il tasso d’interesse vigente nello stesso periodo.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Massimo Coppin


note

[1] Cass. sent. n. 4609 del 1985.

[2] Cass. del 15.01.1980.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube