Business | Articoli

Cos’è lo straordinario e come viene pagato?

9 Gennaio 2017


Cos’è lo straordinario e come viene pagato?

> Business Pubblicato il 9 Gennaio 2017



Quando un dipendente lavora più del dovuto, quanto dovrebbe essere pagato e di quanto aumenta lo stipendio di base? I riferimenti per i principali Ccnl.

Si chiama straordinario il lavoro che viene effettuato al di fuori degli orari previsti dal contratto.

Si definisce tuttavia straordinario solo il lavoro che è aggiuntivo rispetto al full-time del contratto.

Se si effettuano ore aggiuntive, ma comunque entro i limiti delle ore previste dal contratto per il full-time, si deve invece parlare di lavoro supplementare.

Come viene retribuito il lavoro straordinario? 

Lo straordinario viene retribuito con una maggiorazione percentuale che varia in ragione della condizione specifica in cui tale lavoro viene effettuato.

Si calcola la maggiorazione sulla base della retribuzione attribuita al lavoratore abitualmente e dipende dal Contratto collettivo nazionale di riferimento.

Vediamo quali sono i pagamenti dello straordinario con riferimento a 3 tipologie di contratto nazionale tra le più diffuse, quello previsto dal Ccnl commercio, dal Ccnl metalmeccanici, dal Ccnl Pubblico impiego.

Contratto commercio: come si paga lo straordinario?

Nel caso del contratto collettivo nazionale commercio, il costo dello straordinario varia in ragione delle percentuali sotto riportate:

  • +15% per lo straordinario dalla 41esima alla 48esima ora settimanale
  • +20% per lo straordinario eccedente le 48 ore settimanali
  • +50% per lo straordinario notturno
  • +30% per lo straordinario festivo

Contratto metalmeccanici: come si paga lo straordinario?

Il pagamento dello straordinario nel contratto metalmeccanici prevede le seguenti maggiorazioni (suddivise in base al fatto se il lavoro effettivo sia organizzato a turni o meno):

Tipologia di lavoro
  • lavoro straordinario prime due ore
Lavoro non a turni

+ 25%

Lavoro a turni

+ 25%

  • lavoro straordinario ore successive
+ 30% + 30%
  • notturno fino alle ore 22
+ 20% + 15%
  • notturno oltre le ore 22
+ 30% + 15%
  • festivo
+ 50% + 50%
  • festivo con riposo compensativo
+ 10% + 10%
  • straordinario festivo (oltre le 8 ore)
+ 55% + 55%
  • straordinario festivo con riposo compensativo (oltre le 8 ore)
+ 35% + 35%
  • straordinario notturno (prime 2 ore)
+ 50% + 40%
  • straordinario notturno (ore successive)
+ 50% + 45%
  • notturno festivo
+ 60% + 55%
  • notturno festivo con riposo compensativo
+ 35% + 30%
  • straordinario notturno festivo (oltre le 8 ore)
+ 75% + 65%
  • straordinario notturno festivo con riposo compensativo (oltre le 8 ore)
+ 55% + 50%

Per il lavoro a cottimo è necessario tenere presente che esistono alcune differenze nella maggiorazione, per le quali vi rimandiamo al contratto generale.

Contratto Pubblico Impiego: come viene pagato lo straordinario?

Nel contratto nazionale pubblico impiego lo straordinario viene pagato con le seguenti maggiorazioni rispetto alla paga di riferimento del lavoratore:

  • al 15% per il lavoro straordinario diurno;
  • al 30% per il lavoro straordinario prestato nei giorni festivi o in orario notturno (dalle ore 22 alle ore 6 del giorno successivo);
  • al 50% per il lavoro straordinario prestato in orario notturno-festivo.

La prestazione individuale di lavoro nel campo del pubblico impiego, a qualunque titolo essa sia resa non può, in ogni caso, superare, di norma, un arco massimo giornaliero di 10 ore.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI