Diritto e Fisco | Articoli

Si può annullare la cartella contributi dopo cinque anni

26 maggio 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 26 maggio 2017



Dopo cinque anni le cartella esattoriale con i contributi si prescrive. È possibile fare ricorso in ogni momento. 

Trascorsi cinque anni dalla notifica di una cartella esattoriale avente ad oggetto dei contributi previdenziali dovuti all’Inps, se non ci sono stati atti interruttivi (ad esempio, un’intimazione formale), essa è scaduta e sarà possibile fare ricorso per farla annullare, senza dover attendere un atto impugnabile, come ad esempio un atto d’intimazione o un preavviso d’ipoteca. In tal caso, come detto, potrete far valere l’avvenuta prescrizione. È quanto emerge da una recente sentenza del Tribunale di Napoli – Sezione lavoro [1]. Se, quindi dal vostro estratto di ruolo risultano cartelle previdenziali “vecchie”, potete fare ricorso per far dichiarare l’estinzione dei debiti in essa previsti. Ma andiamo per ordine.

Dopo quanti anni scade la cartella avente ad oggetto contributi previdenziali?

La legge è molto chiara a riguardo, affermando che i contributi previdenziali si prescrivono dopo cinque anni [2]. Tale termine vale anche per la cartella esattoriale ricevuta e non ha importanza se in precedenza non avete fatto opposizione contro la medesima. Anche in questo caso, precisa, il Tribunale la prescrizione è assolutamente quinquennale. In tal senso, l’organo giudicante ha fatto tesoro della sentenza della Cassazione a Sezioni unite [3], secondo la quale se la legge prevede un termine di scadenza per un certo onere (contributi – cinque anni, multa – cinque anni, bollo – tre anni, ecc), la cartella esattoriale si prescrive nello stesso tempo.

Tuttavia, è bene precisare che:

  • se durante i cinque anni avete ricevuto un atto interruttivo formale (ad esempio, un avviso di mora), il termine per la prescrizione decorrerà nuovamente da tale momento;
  • la prescrizione non opera automaticamente. Non aspettatevi, quindi, che Equitalia o qualsiasi altro agente della riscossione annulli automaticamente una cartella previdenziale scaduta. Siete, infatti, obbligati a fare ricorso davanti al Tribunale territorialmente competente per ottenere ragione in tal senso.

Posso sempre fare ricorso contro la cartella previdenziale scaduta?

Assolutamente si. Come ulteriormente ribadito dal Tribunale di Napoli, la cartella esattoriale previdenziale può essere impugnata in ogni momento, se si tratta di eccepire fatti estintivi sopravvenuti alla notifica della stessa.

In altri termini, bisogna considerare la cartella originariamente ricevuta come un titolo esecutivo, cioè un atto con il quale l’agente della riscossione può procedere esecutivamente contro il debitore. Ebbene, la prescrizione/scadenza della cartella previdenziale dopo cinque anni, consente al debitore stesso di opporsi a questa esecuzione, che è stata minacciata con la notifica della cartella stessa. Tale opposizione non è soggetta ad alcun termine [4] e pertanto se avete delle cartelle previdenziali vecchie sul vostro estratto di ruolo, potete far dichiarare estinti i debiti in essa previsti, senza attendere alcun atto, successivo alla cartella, da impugnare. Rivolgetevi ad un professionista competente, fatevi fare un preventivo è opponetevi all’esecuzione minacciata con le cartelle ormai scadute.

La causa in questione sarà introdotta dal vostro legale con un ricorso, che sarà depositato presso il Tribunale ordinario – Sezione lavoro. Se ci sono elementi fondanti la vostra opposizione, quale ad esempio la prescrizione delle cartelle impugnate, potrete ottenere anche la sospensione dell’efficacia esecutiva delle stesse [5]. Il Tribunale, quindi, fisserà un’udienza di comparizione delle parti in causa (ricorrente, agente della riscossione, ecc). Si tratta di un procedimento che dovrebbe concludersi dopo non molto tempo (questo, trattato dal Tribunale di Napoli, si è concluso in meno di un anno), al termine del quale sarete “liberati” dalle cartelle previdenziali prescritte ed impugnate.

note

[1] Trib. di Napoli sent. n. 3271/2017 del 26.04.2017.

[2] Art. 3, co. 9 L. 335/1995.

[3] Cassazione Sez. Un. sent. n. 23397/2016.

[4] Art. 615 cod. proc. civ.

[5] Art. 24, co. 6 Dl. 46/1999.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

5 Commenti

  1. Ho delle cartelle non pagate e sono scaduti i 5 anni ma equitalia le ha raggruppate tutte e Rino tipica te posso fare ricorso anche dopo i 60 giorni
    Grazie

    1. Caro contribuente; ritengo che non le sia stata rinnovata la notifica delle cartelle esattoriali ma, invero, intimato il pagamento delle somme iscritte a ruolo. Appare rilevante e assorbente, rispetto ad ogni ulteriore ed eventuale valutazione, la verifica preliminare della eventuale decorrenza del termine di prescrizione per la riscossione del credito. Nella sostanza, ove sia decorso inutilmente il termine di prescrizione dalla notifica della cartella esattoriale, anche la successiva intimazione di pagamento dovrebbe considerarsi inefficace; fatto salvo l’obbligo del contribuente di eccepire l’intervenuta prescrizione nei confronti dell’agente di riscossione Il quale, ovviamente, non provvederà in autotutela se non sollecitato.

  2. Il giudice di terni ad una cartella a ha opposto il vizio della a non opposizione alla cartella non effettuata nei 60 giorni dal ricevimento. Come atto passato in giudicato..grazie

  3. Ma pongo un quesito, e se su tale cartella o cartelle, esiste una rateazione, si può chiedere ugualmente l’estinzione del debito previdenziale o, la rateazione è di per sè un “atto interruttivo formale”
    Graie

  4. Ho lavorato con una Cooperativa e Ministero di Lavoro ha deciso che devono pagarmi contributi per quel tempo che ho lavorato per loro ma dal 2014 e deciso loro in quanto tempo devono pagare ? Devo fare l altra denunci e dove ? Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI