Diritto e Fisco | Articoli

Se non è rimasto nulla occorre aprire lo stesso la successione?

2 Giugno 2017
Se non è rimasto nulla occorre aprire lo stesso la successione?

Mia zia ha redatto un testamento olografo ma quando morirà non esisterà, perchè già non esiste, alcun bene. Occorrerà comunque aprire una successione? Quel testamento bisognerà renderlo pubblico?

La pubblicazione del testamento olografo è un onere a carico degli eredi che intendano dar corso alla successione del defunto secondo quanto previsto dal documento di ultima volontà.

Pertanto, nel caso in oggetto, ove alla morte della signora si decidesse di non pubblicare il testamento, gli eredi di quest’ultima saranno considerati, per legge, tutti i nipoti esistenti – ove in pari grado fra loro. Tecnicamente, infatti, anche in assenza di patrimonio devolvibile, per legge vi deve essere sempre almeno un erede del soggetto defunto, continuatore di tutti i rapporti attivi e passivi già in capo al de cuius.

Pertanto, poiché non vi è un termine perentorio per la pubblicazione del testamento (fatto salvo quello di prescrizione per il diritto ad accettare l’eredità pari a dieci anni e quelli più stringenti di decadenza, pari a tre mesi, per l’accettazione dell’eredità con beneficio d’inventario ove nella successione non siano coinvolti minori), il consiglio è quello di appurare preventivamente la reale consistenza del patrimonio della signora, con particolare riferimento a diritti e soprattutto a eventuali debiti non di conoscenza.

A prescindere dalla decisione di pubblicare o meno il testamento, non vi è obbligo di presentare dichiarazione di successione solo se l’eredità è devoluta al coniuge e ai parenti in linea retta del defunto e l’attivo ereditario ha un valore non superiore a euro centomila e non comprende beni immobili o diritti reali immobiliari.

Pertanto, nel caso specifico, essendo gli eredi discendenti in linea collaterale, entro un anno dalla morte della signora dovrà comunque essere presentata la relativa dichiarazione di successione sebbene a saldo pressoché pari a zero.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Enrico Braiato



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube