Diritto e Fisco | Articoli

Bonus assunzioni regioni meno sviluppate

28 Maggio 2017 | Autore:
Bonus assunzioni regioni meno sviluppate

È operativo il bonus sud, ovvero la misura di aiuto alle assunzioni nelle regioni disagiate previsto dal Jobs act: vediamo come funziona.

È operativo il bonus per l’assunzione di lavoratori nelle regioni disagiate o in transizione: la misura, prevista dal Jobs act [1], è stata resa concretamente utilizzabile da un provvedimento ministeriale [2]  e da una circolare Inps [3]. Il bonus assunzioni per regioni disagiate, detto anche bonus sud 2017, spetta per l’assunzione di lavoratori disoccupati che attraverso il sistema informatico dell’Inps abbiano dichiarato la disponibilità ad un impiego immediato. Vediamo caratteristiche e presupposti del bonus sud 2017.

Quali datori di lavoro possono utilizzare il bonus assunzioni per regioni disagiate

Possono beneficiare del bonus sud 2017 tutti i datori di lavoro privati che non si trovino in condizione di dover obbligatoriamente assumere dei lavoratori; non possono invece utilizzare il bonus assunzioni per regioni disagiate i datori di lavoro che abbiano forma pubblica o che per qualsiasi motivo normativo non siano liberi di scegliere chi assumere.

Lavoratori per i quali spetta il bonus assunzioni per regioni disagiate

I lavoratori per i quali spetta il bonus assunzioni in regioni disagiate sono quelli privi di impiego che abbiano manifestato telematicamente la disponibilità ad un impiego immediato.  Se il lavoratore da assumere con il bonus sud 2017 ha più di 25 anni, deve essere senza impiego da almeno sei mesi. Il lavoratore da assumere col bonus sud 2017, poi, non deve avere avuto nei sei mesi che precedono l’assunzione alcun rapporto di lavoro col datore che procede all’assunzione.

Ambito territoriale del bonus sud 2017

Le misure incentivanti le assunzioni di cui al bonus sud 2017 valgono per le seguenti regioni: Basilicata, Campania, Puglia, Sicilia, Calabria, Abruzzo, Molise e Sardegna.

Il bonus sud 2017 vale per le assunzioni effettuate dal 1 gennaio al 31 dicembre 2017.

A quali rapporti di lavoro è riferito il bonus sud 2017

Il bonus sud 2017 è previsto per le assunzioni a tempo indeterminato, per i rapporti di apprendistato professionalizzante, per le trasformazioni a tempo indeterminato di un impiego già in essere, per l’instaurazione di rapporti di lavoro all’interno delle cooperative.

Il bonus sud 2017 può essere concesso una sola volta per ogni lavoratore.

Condizioni per la concessione del bonus sud 2017

Il datore di lavoro può accedere al bonus sud 2017 se possiede questi requisiti:

  • adempimento degli obblighi contributivi;
  • osservanza delle regole sulle condizioni di lavoro;
  • rispetto dei contratti collettivi nazionali;
  • rispetto dei principi generali in tema di incentivi all’assunzione ed occupazione di cui al jobs act.

Forma e misura del bonus sud 2017

Il bonus sud consiste in un esonero del datore di lavoro dal pagamento dei contributi previdenziali. La misura massima del bonus sud 2017 è pari ad euro 8060, e consiste in dodici quote mensili di versamento a carico di Inps a partire dalla data di assunzione del lavoratore.

Bonus sud 2017 ed arretrati

Il bonus sud 2017 è diventato operativo nel mese di maggio 2017: tuttavia, per le quote arretrate che fanno riferimento alle assunzioni operate nei mesi gennaio – aprile 2017, è stato chiarito [4] che il datore di lavoro ha diritto all’esenzione dalla contribuzione previdenziale anche per queste mensilità.


note

[1] Art. 19 del D. Lgs. 150/2015.

[2] D. M. Lavoro del 21.11.2016.

[3] Circolare Inps n. 41 del 01.03.2017.

[4] Messaggio Inps n. 2152 del 25.05.2017.

Autore immagine: Pixabay


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube