Diritto e Fisco | Articoli

Si può installare una telecamera sulla porta di casa?

29 Maggio 2017
Si può installare una telecamera sulla porta di casa?

Videosorveglianza con telecamera puntata sul pianerottolo di casa: cosa fare per essere in regola con la privacy? Le autorizzazioni.

Proteggere la propria casa dai ladri è diventata una delle esigenze prioritarie di chi ha un appartamento o, peggio ancora, di chi vive in una villa. C’è chi si dota di un sistema di allarme (magari collegato con la polizia), chi preferisce affidarsi alla vigilanza privata, chi invece provvede da sé a installare una telecamera sulla porta di casa. Infine c’è anche chi, per stare più sicuro, adotta tutti e tre i sistemi.

Sicuramente la videosorveglianza a circuito chiuso – ossia la telecamera puntata sul pianerottolo, con l’occhio rivolto all’uscio della propria dimora – è il sistema più economico, ma a volte anche quello maggiormente efficace. Ma fino a dove ci si può spingere per non violare la privacy altrui? Cosa può contestarci il vicino di casa che si senta spiato dall’obiettivo dell’impianto video? Per installare una telecamera sulla porta di casa è necessario chiedere l’autorizzazione al condominio o si può procedere autonomamente? E, in ogni caso, bisogna affiggere un cartello con l’esplicito avviso circa la presenza della videosorveglianza? Cerchiamo di fare il punto della situazione.

A quali condizioni si può installare una telecamera sulla porta di casa?

Le norme che regolano l’installazione di telecamere di videosorveglianza sono diverse a seconda che, a munirsi dell’impianto, sia il proprietario dell’appartamento (che, pertanto, agisce solo a tutela della propria abitazione) o l’intero condominio (che, invece, agisce per tutelare le parti comuni come il garage, l’androne, le scale, ecc.). Se per quest’ultimo, infatti, è innanzitutto necessario acquisire il consenso dell’assemblea dei condomini (con la maggioranza degli intervenuti che rappresentino almeno la metà del valore dell’edificio) e segnalare la presenza della telecamera con l’apposito cartello, tali obblighi non sussistono quando a installare la telecamera sulla porta di casa è il singolo condomino. L’unico limite che incontra il proprietario di casa che monta una telecamera sul pianerottolo, in direzione dell’entrata del proprio appartamento, è di evitare che le riprese video possano finire sulle parti dell’edificio di proprietà altrui. Così, dovrà stare bene attento a che l’occhio dell’obiettivo non finisca in prossimità dello zerbino del dirimpettaio, il quale potrebbe altrimenti contestare la lesione della propria privacy e arrivare, addirittura, a querelare il vicino per il reato di interferenze illecite nella vita privata [1]. Insomma, la parola d’ordine è: limitare il raggio di azione della telecamera in modo che questa non si risolva in un espediente per controllare cosa fanno gli altri condomini. La ripresa di aree altrui non è ammessa nemmeno nel caso in cui lo scopo di tale installazione sia la propria sicurezza, messa in pericolo in seguito ad alcuni episodi di furti ed effrazioni.

In sintesi, le condizioni per installare una telecamera sulla porta di casa sono:

  • finalità di sicurezza: il condomino deve agire solo con lo scopo di tutelare la propria casa. Pertanto, laddove questa finalità non vi sia (si pensi a una telecamera puntata in una sezione dell’edificio dove non vi sono né porte, né finestre) non è possibile montare la telecamera;
  • proporzione: la telecamera deve riprendere solo gli spazi di proprietà del proprietario dell’appartamento e non deve sconfinare negli spazi comuni dell’edificio o in quelli di proprietà di altri condomini. Ad esempio il raggio della telecamera sulla finestra antistante del condomino non può interessare anche il cortile comune (altrimenti va rimossa); né può finire su una parte del pianerottolo che consenta al proprietario dell’appartamento di sapere quando il dirimpettaio entra o esce di casa.

  

F.A.Q. – L’INSTALLAZIONE DELLA TELECAMERA SULLA PORTA DI CASA

 È necessaria l’autorizzazione dell’assemblea per installare una telecamera a uso privato sulla porta di casa?

No, il condomino non deve né chiedere l’autorizzazione all’assemblea, né comunicare i lavori all’amministratore di condominio.

È necessaria l’autorizzazione del vicino dirimpettaio per installare una telecamera a uso privato sulla porta di casa?

Se le parti del pianerottolo che finiscono nell’obiettivo della telecamera non rientrano nelle parti comuni dell’edificio, né nella proprietà del vicino di casa, non è necessario acquisire il consenso di quest’ultimo.

È necessario apporre un cartello con l’avviso della presenza della telecamera?

No. Quando l’installazione dell’impianto video non è effettuata dal condominio ma dal singolo proprietario allo scopo di sorvegliare il proprio appartamento, se le immagini non vengono comunicate a terzi né diffuse, la questione non rientra tra quelle regolate dal Codice sulla privacy. Pertanto non c’è bisogno di apporre il cartello.

 

Posso installare uno spioncino digitale sulla porta di casa collegato con una telecamera?

Sì, ma a patto che lo spioncino non abbia funzioni ulteriori rispetto a quello tradizionale e non consenta di invadere sezioni del pianerottolo che una normale lente ottica non sarebbe in grado di raggiungere (sul punto leggi Spioncino digitale: è legale la telecamera sulla porta di casa?).

 

Posso installare una telecamera con obiettivo mobile, comandabile a distanza?

Sì è possibile, tuttavia anche in questo caso l’angolatura delle riprese non può riguardare le parti comuni o di proprietà di altri condomini. Quindi, se anche il proprietario dell’impianto mantiene fermo l’obiettivo sempre nella stessa posizione, questo non deve, neanche solo potenzialmente, finire in aree dove non gli è consentito riprendere. Infatti, qualora la sistemazione della  telecamera sia comunque in grado di riprendere la proprietà dei vicini, semplicemente modificandone  l’angolazione, la privacy è potenzialmente violata. Modificare la visuale di ripresa è infatti una operazione che può effettuarsi senza alcuna  possibilità di controllo da parte dei vicini.


note

[1] Art. 615-bis cod. pen.

Autore immagine: 123rf com


9 Commenti

  1. In una via pubblica, posso installare una telecamera che riprenda soltanto la mia porta di casa, e una finestra. Grazie e saluti

  2. La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 34151/2017 ha indicato che non rappresenta una violazione del codice penale l’installazione di una telecamera in tale area dell’edificio condominiale, considerato che le scale e i pianerottoli in comune sono destinati ad essere utilizzati da più persone.

    Risulta dunque essere rigettato il ricorso di un condomino, che lamentava l’avvenuta installazione di una telecamera, da parte del vicino, sul muro del pianerottolo condominiale

  3. Salve, vorrei installare una telecamera a circuito chiuso orientata sulla porta della mia abitazione ma ho la sfortuna di avere accanto la porta del locale tecnico ascensore (motore) come devo considerare tale condizione? uno sconfinamento degli spazi comuni dell’edificio? attendo una vs gentile risposta, grazie.

    1. Sicuramente la videosorveglianza a circuito chiuso – ossia la telecamera puntata sul pianerottolo, con l’occhio rivolto all’uscio della propria dimora – è il sistema più economico, ma a volte anche quello maggiormente efficace. Ma fino a dove ci si può spingere per non violare la privacy altrui? Cosa può contestarci il vicino di casa che si senta spiato dall’obiettivo dell’impianto video? Per installare una telecamera sulla porta di casa è necessario chiedere l’autorizzazione al condominio o si può procedere autonomamente? E, in ogni caso, bisogna affiggere un cartello con l’esplicito avviso circa la presenza della videosorveglianza? Cerchiamo di fare il punto della situazione.
      Gianluca puoi trovare la risposta alla tua domanda nei seguenti articoli:
      -Si può installare una telecamera sulla porta di casa? https://www.laleggepertutti.it/162972_si-puo-installare-una-telecamera-sulla-porta-di-casa
      -Autorizzazioni per installare telecamere https://www.laleggepertutti.it/189992_autorizzazioni-per-installare-telecamere
      -Telecamera privata: c’è bisogno di autorizzazioni? https://www.laleggepertutti.it/155749_telecamera-privata-ce-bisogno-di-autorizzazioni
      -Telecamera di videosorveglianza per casa: quale angolo di ripresa? https://www.laleggepertutti.it/244271_telecamera-di-videosorveglianza-per-casa-quale-angolo-di-ripresa

  4. Buongiorno, avendo chiesto (e ottenuto) il consenso di tutti i condomini, ho installato una Nest Hello (spioncino digitale con registrazione), posso avere ancora dei problemi?

    1. Si è posta una questione molto spinosa circa la legittimità dell’uso che si faccia dello spioncino elettronico. La conclusione cui gli studiosi del diritto e la giurisprudenza sono giunti è che servirsi di questi apparecchi è possibile solo nella misura in cui ciò non consenta di vedere oltre il normale angolo visuale che l’occhio umano sarebbe, per natura, in grado di cogliere. Si tratta di applicare un limite umano ad una macchina che potrebbe anche oltrepassare i limiti dell’immaginabile e permettere di osservare oltre gli angoli e a lunghe distanze. La ragione che ha spinto a trovare questa soluzione è da ricercarsi nel diritto alla privacy di ognuno: il passante non deve essere osservato né tanto meno ripreso; così anche chi abita di fronte il nostro palazzo non deve poter essere osservato e ripreso nelle sue attività quotidiane attraverso una finestra; e così la lista delle possibili lesioni è molto lunga. Perché utilizzando una telecamera si lederebbe la privacy? La spiegazione è molto semplice. Una cosa è parlare di un normale spioncino che, oltre a permettere la vista attraverso il pertugio aperto sulla porta di casa, rappresenta la stessa immagine su un monitor; un’altra è, invece, installare una vera e propria telecamera, in grado di filmare qualsiasi movimento all’interno del pianerottolo o sul marciapiede avanti l’ingresso del condominio, arrivando anche là dove il tradizionale spioncino non arriverebbe. In questo caso, infatti, siamo dinanzi a una potenziale lesione della riservatezza che deve rispettare tutte le regole imposte dal Garante della Privacy. Ma procediamo con ordine e vediamo, con riferimento proprio alle più moderne forme di spioncino digitale, se è legale la telecamera nella porta di casa. In generale lo spioncino digitale altro non è che una normale telecamera nella porta di casa installata soprattutto a favore di chi non riesce ad arrivare al tradizionale “occhiolino”: magari perché troppo basso (si pensi ai bambini quando rimangono soli in casa) o perché a mobilità ridotta (si pensi a un anziano che non può alzarsi molte volte dal divano o dal letto e vuol sapere chi bussa alla porta).
      È lecito montare uno spioncino elettronico o digitale all’interno della porta, anche se collegato con un monitor o con lo smartphone, purché esso abbia la stesse possibilità di uno spioncino classico. Se si tratta di vere e proprie telecamere, poi, e queste sono poste all’esterno di un cancello di una villa o del portone condominiale, è normale che vengano ripresi anche spazi pubblici in cui chiunque può passare ed essere “visto”. In questo caso, l’obiettivo non può riprendere i volti delle persone e i loro caratteri (tra cui rientrano ad esempio tatuaggi o segni particolari) ma al massimo i piedi. In quest’ultimo caso, però, è necessario apporre il cartello con l’avviso della presenza della videosorveglianza, così che chiunque possa sapere di correre il rischio di essere “spiato”

  5. Salve io abito in casa di mio padre e sono in comodato d’uso, lo stesso lo sono i miei fratelli. Mi chiedevo x mettere le telecamere che inquadra uno spazio in comune devo chiedere a mio padre il permesso? Posso mettere anche quelle che registrano con l’audio? Grazie anticipatamente

  6. Buon giorno. Ho un villino che da sulla strada pubblica, con accanto delle altre abitazioni. vorrei installare una telecamera mobile 360° per controllare le mie parti private. E’ possibile? Devo fare qualche richiesta particolare?

    1. Puoi trovare maggiori informazioni nei nostri articoli:
      -Telecamera di videosorveglianza per casa: quale angolo di ripresa? https://www.laleggepertutti.it/244271_telecamera-di-videosorveglianza-per-casa-quale-angolo-di-ripresa
      -Telecamera privata: c’è bisogno di autorizzazioni? https://www.laleggepertutti.it/155749_telecamera-privata-ce-bisogno-di-autorizzazioni
      -Telecamera puntata sulla strada: si può? https://www.laleggepertutti.it/391909_telecamera-puntata-sulla-strada-si-puo
      -Videosorveglianza: quando è reato? https://www.laleggepertutti.it/295312_videosorveglianza-quando-e-reato
      -Quando è possibile utilizzare la telecamera nei condomini https://www.laleggepertutti.it/3822_quando-e-possibile-utilizzare-la-telecamera-nei-condomini
      -Videosorveglianza: regole generali https://www.laleggepertutti.it/294071_videosorveglianza-regole-generali
      -Telecamere in condominio https://www.laleggepertutti.it/233045_telecamere-in-condominio

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube