HOME Articoli

Lo sai che? Commette reato il medico che, dopo aver operato in ospedale, invita il paziente presso il proprio studio

Lo sai che? Pubblicato il 19 ottobre 2012

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 19 ottobre 2012

Reato di abuso d’ufficio per il chirurgo che, dopo aver operato il paziente in ospedale, lo invita al proprio studio privato per i dovuti controlli, senza informarlo sulla possibilità di svolgere gli stessi anche nella struttura sanitaria pubblica.

Il chirurgo che, dopo aver operato i pazienti in ospedale, li inviti a recarsi nel proprio studio privato per il controllo della degenza, senza però informarli che – in alternativa – possono essere assistiti gratuitamente presso la struttura ospedaliera pubblica, commette reato.

Secondo la Cassazione [1], infatti, in ipotesi del genere si configura un abuso di ufficio.

I giudici della Suprema Corte hanno infatti argomentato tale rigorosa tesi sostenendo che l’attività ambulatoriale è di fatto già compresa nel pagamento del ticket versato, in precedenza dall’ammalato, per il ricovero e l’intervento. Dunque, si finirebbe per far pagare ben due volte al paziente, senza metterlo nella condizione di scegliere ciò.

Peraltro, il paziente, sia nel rapporto con il medico che con la struttura ospedaliera, va considerato “consumatore” (ossia “contraente debole”) e, in quanto tale, necessita di una tutela più rigorosa, secondo le norme previste proprio dal codice del consumo.  Pertanto, egli va messo al corrente, anticipatamente e in modo chiaro, del proprio diritto di usufruire di una prestazione già pagata col ticket.

 

 

 

note

[1] Cass. sent. n. 40824/12.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI