Diritto e Fisco | Articoli

I diritti di chi viaggia in pullman

30 Maggio 2017 | Autore:
I diritti di chi viaggia in pullman

Cosa fare in caso di ritardo, cancellazione o incidente di un autobus. Quando presentare un reclamo e chiedere un risarcimento. Il diritto a pasti e albergo.

Nessuno lo chiami un trasporto di serie B: chi viaggia in pullman, anziché in treno o in aereo, chi sceglie di lasciare la macchina in garage per comodità o per inquinare di meno utilizzando un autobus ha, comunque, i suoi diritti. Il trasporto in pullman è regolamentato da una normativa europea [1] a tutela di chi si sposta in autobus all’interno dell’Unione. Proprio perché sono i meno conosciuti, vediamo i diritti di chi viaggia in pullman.

Il diritto all’informazione

Chi viaggia in pullman deve essere informato sui propri diritti. Ciò significa che la compagnia è tenuta a divulgare nelle stazioni e via Internet tutto ciò che riguarda i diritti di chi viaggia in pullman prima, durante e dopo il percorso. Tra questi, il diritto ad acquistare un biglietto senza discriminazione basata sulla cittadinanza.

I diritti in caso di cancellazione o ritardo del pullman

Quali sono i diritti di chi viaggia in pullman in caso di cancellazione o di ritardo? Il primo, in assoluto, quello di sapere che cosa sta succedendo, cioè ad essere informato in modo adeguato e tempestivo durante l’attesa.

In caso di cancellazione di un viaggio a lunga percorrenza, cioè di oltre 250 km, o di ritardo superiore alle 2 ore, o, ancora, di overbooking (maggior numero di biglietti venduti rispetto ai posti disponibili) le possibilità sono due:

  • chiedere e ottenere il rimborso del biglietto, oltre al trasporto gratuito verso il punto di partenza, nel caso il viaggio fosse, a quel punto, del tutto inutile;
  • chiedere il trasporto verso il punto di destinazione appena possibile e senza costi.

Nel caso in cui queste scelte non vengano messe a disposizione, il viaggiatore ha diritto a presentare in un secondo momento un reclamo per ottenere il rimborso del biglietto e un risarcimento del 50% del suo prezzo: se ho pagato 20 euro, devo averne 30 (20 del biglietto più la metà, cioè altri 10 euro).

Il diritto all’assistenza

Sui viaggi di lunga percorrenza che dovevano durare almeno 3 ore, i diritti di chi viaggia in pullman comprendono l’assistenza in caso di cancellazione o di ritardo oltre i 90 minuti.

In questi casi, il responsabile del viaggio è tenuto a fornire al passeggero:

  • pasti e bevande, proporzionati al tempo di attesa o al ritardo;
  • una sistemazione in albergo per un massimo di due pernottamenti ed un rimoborso limitato a 80 euro per notte, tranne in caso di condizioni meteo avverse o calamità naturale.

I diritti in caso di incidente stradale del pullman

Se, malauguratamente, l’autobus su cui si è a bordo è coinvolto in un incidente stradale, i diritti di chi viaggia in pullman su un percorso previsto di oltre 250 chilometri comprendono:

  • il risarcimento ai familiari in caso di decesso del viaggiatore;
  • il risarcimento in caso di smarrimento o danneggiamento del bagaglio o degli effetti personali;
  • l’assistenza di pronto soccorso, pasti, vestiti, trasporto e sistemazione in albergo.

Come e quando inviare un reclamo

Nel caso non venissero rispettati i diritti di chi viaggia in pullman, è possibile presentare un reclamo al responsabile dell’impresa di trasporto entro 3 mesi dalla data del viaggio.

Il trasportatore deve comunicare entro un mese l’avvenuto reclamo e dare una risposta definitiva (positiva o negativa) entro 3 mesi dalla data in cui ha ricevuto il reclamo.

Dopodiché, se il viaggiatore è insoddisfatto della risposta, restano sempre le vie legali per chiedere e tentare di ottenere il risarcimento o il rimborso pretesi.


note

[1] Regolamento Ue n. 181/2011.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube