Tassa Airbnb, chi non paga e chi paga doppio

1 Giugno 2017 | Autore:
Tassa Airbnb, chi non paga e chi paga doppio

Nuove criticità nella tassazione degli affitti brevi: niente ritenute per i pagamenti diretti, doppie ritenute per chi ha due intermediari, caos per i versamenti.

Niente tassa Airbnb per chi affitta tramite intermediario, ma si fa pagare direttamente; doppia tassa, invece, nel caso in cui gli agenti immobiliari incassino dai portali web e riversino i corrispettivi per gli affitti ai proprietari. Il tutto, considerando che, ad oggi, non è possibile, per gli intermediari, versare alcuna tassa all’erario, in quanto mancano i codici tributo adatti e che, comunque, non si devono effettuare versamenti sinché non sono operate le ritenute, cioè finché non è girato il pagamento al proprietario.

È questa la situazione attuale in merito all’applicazione della nuova tassa Airbnb, introdotta dalla manovrina [1]. I problemi elencati dovrebbero comunque essere risolti da un provvedimento dell’Agenzia delle entrate, contenente le disposizioni attuative sul “nuovo” tributo: il provvedimento in realtà dovrebbe contenere le specifiche sulla comunicazione dei nuovi contratti, a cui sono obbligati gli intermediari, e sulla modalità di versamento della ritenuta, ma sarebbe opportuno che indicasse anche come risolvere le numerose criticità emerse.

Ma procediamo per ordine e cerchiamo di capire come funziona la tassa Airbnb, chi è obbligato a pagarla e quali sono gli adempimenti da svolgere in merito.

Tassa Airbnb: come funziona

In primo luogo, va evidenziato che la tassa Airbnb non è una tassa nuova, dovuta solo da chi conclude contratti di locazione ad uso turistico attraverso portali web, come Airbnb appunto, ma si tratta, a tutti gli effetti, dell’imposizione già esistente sugli affitti, effettuata, però, attraverso una ritenuta del 21% che viene operata dall’intermediario.

L’intermediario, in particolare, può essere sia un portale web che un’agenzia immobiliare o un diverso soggetto, che riceve i compensi per l’affitto breve e li gira al proprietario, trattenendo il 21%.

Questa ritenuta del 21% corrisponde alla cedolare secca sugli affitti, cioè alla tassazione separata sui canoni di locazione: in pratica, con la cedolare secca, il proprietario paga a titolo d’imposta il 21% del canone di locazione stabilito e non deve sommare il canone stesso ai redditi imponibili risultanti dalla dichiarazione dei redditi. Se l’interessato non vuole aderire alla cedolare secca e sceglie la tassazione ordinaria, la ritenuta del 21% si considera effettuata a titolo di acconto e non d’imposta.

La ritenuta è applicata anche ai contratti che prevedono, oltre all’affitto puro e semplice, ulteriori servizi: è il caso di chi svolge attività di bed and breakfast senza l’apertura di partita Iva.

Tassa Airbnb: chi è obbligato a pagarla?

Il versamento dell’imposta sul canone di locazione, come anticipato, viene effettuato dall’intermediario attraverso il quale si affitta la casa: quest’intermediario può essere un portale web, come Booking o Airbnb, oppure un’agenzia o un diverso ente. L’intermediario, a prescindere dal tipo di ente, acquista la qualifica di sostituto d’imposta e deve versare all’erario quanto trattenuto al proprietario, poi certificarlo.

Tassa Airbnb: adempimenti

L’intermediario, oltre al versamento delle ritenute, è obbligato anche a comunicare i contratti di affitto conclusi per suo tramite.

Al momento, però, non è possibile portare a termine nessuno dei due adempimenti: manca, come già detto, il provvedimento dell’Agenzia delle entrate che definisca le modalità di attuazione dell’obbligo di comunicazione e mancano, inoltre, i codici tributo per il versamento delle ritenute.

Ad ogni modo, l’intermediario non è obbligato a versare la ritenuta sinché, ovviamente, non gira il pagamento al proprietario, trattenendo il 21% del canone di affitto.

Una volta effettuata la ritenuta, scatta l’obbligo di versamento, che va effettuato, con modello F24, entro il giorno 16 del mese successivo al pagamento.

Così, per i pagamenti girati ai proprietari nel mese di giugno, il versamento F24 dovrà essere effettuato entro il 16 luglio.

Tassa Airbnb: chi non paga

Nessun versamento, però, deve essere effettuato dall’intermediario che non riceve il pagamento dei canoni di affitto: in questo caso, deve essere il proprietario a versare l’importo dovuto a titolo di cedolare secca, o a indicare il canone di affitto tra i redditi imponibili all’interno della dichiarazione annuale, perché sia sottoposto alla tassazione ordinaria.

In pratica, la tassa sugli affitti è sempre dovuta, ma non è operata la ritenuta.

Tassa Airbnb: chi paga doppio

Rischiano di pagare doppio, invece, quei proprietari che si servono di un “doppio” intermediario: si tratta delle situazioni in cui gli intermediari, come le agenzie immobiliari, incassano gli importi dei canoni di affitto attraverso i portali web e li riversano ai titolari dell’immobile.

In questo caso, a rigor di norma, una prima ritenuta del 21% dovrebbe essere operata dal portale web e una seconda ritenuta dall’agente immobiliare, risultando così il canone decurtato del 42%: se non saranno fornite specifiche sulla soluzione del problema, il proprietario avrebbe comunque diritto al rimborso degli importi versati in più o alla compensazione con altri tributi.

Tassa Airbnb: opzione per la cedolare secca

In base alle ultime modifiche apportate alla manovrina [2], l’opzione per la cedolare secca, cioè per la tassazione separata del 21%, si presume per gli affitti brevi e non dovrebbe essere indispensabile comunicarla all’Agenzia delle entrate tramite modello Rli: questo in quanto per gli affitti brevi, cioè inferiori ai 30 giorni, non vige l’obbligo di registrazione del contratto.


note

[1] Dl 50/2017.

[2] Art.4 Dl 50/2017.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube