Donna e famiglia Figli: il padre non può rimanere anonimo, la madre sì

Donna e famiglia Pubblicato il 2 giugno 2017

Articolo di

> Donna e famiglia Pubblicato il 2 giugno 2017

Il padre ha l’obbligo di riconoscere il figlio; la madre invece, oltre a poter esercitare l’aborto, ha il diritto al parto anonimo e a non far conoscere le proprie generalità sino alla morte.

Qualcuno potrà ritenere che si tratti dell’ennesima discriminazione tra uomo e donna in nome del femminismo più acceso; qualcun altro invece la necessaria conseguenza della tutela della maternità; qualcuno infine potrà considerarla una contraddizione nel diritto alla bigenitorialità dei figli: di fatto, però, secondo la nostra legge, nel momento in cui nasce un bambino, il padre non può rimanere anonimo, la madre invece sì. Questo perché è obbligo del papà riconoscere il figlio nato fuori dal matrimonio (ossia, da una relazione di fatto) e, se non lo fa, a chiedere l’accertamento giudiziale della paternità può essere la compagna o lo stesso figlio (leggi Come fare se lui non vuole riconoscere il figlio). Al contrario, alla madre viene riconosciuto il diritto all’aborto entro determinati limiti di tempo e, comunque, sempre la possibilità di partitore in anonimato, lasciando il figlio in ospedale e rimanendo ignota al bambino fino al giorno della sua morte (momento in cui il “trovatello” potrà chiedere le generalità della propria mamma). Possibile? Sì, ed a confermarlo è stata ieri la Cassazione [1].

Secondo la Suprema Corte, non vi è disparità di trattamento tra la facoltà concessa alla donna di abortire o comunque di restare anonima dopo il parto e l’assenza della medesima previsione per il padre che non voglia riconoscere il figlio. Tant’è che all’uomo non è consentito, a conti fatti, sottrarsi al test del dna per il riconoscimento della paternità. Più precisamente, le cose stanno nel seguente modo: posto che nessuno (neanche il giudice) può costringere una persona a sottoporsi al prelievo di sangue, il suo rifiuto immotivato costituisce comportamento tale da potersi evincere una tacita ammissione di “responsabilità”. In termini pratici, se il presunto padre rifiuta di effettuare il test del dna, il giudice già da questo può ritenere provata la paternità e riconoscere il rapporto di filiazione (leggi Si può obbligare un padre a riconoscere il figlio?).

Posta l’assenza di una effettiva discriminazione nella normativa in commento – sostiene la Cassazione – la questione non può neanche essere sottoposta alla Corte Costituzionale per l’eventuale vaglio di legittimità costituzionale per violazione dell’articolo 3 della Costituzione, sull’uguaglianza dei diritti tra uomo e donna [2].

Dunque attualmente mentre la donna può scegliere di non essere madre abortendo il feto [3] o esercitando, alla nascita del figlio, il proprio diritto di rimanere anonima [4], l’uomo non ha diritto di scegliere di non essere padre, perché non ha la possibilità di rimanere anonimo e non può sottrarsi all’azione di accertamento della paternità [5]; né può evitare il test del Dna (e se lo fa, il suo rifiuto è già esso stesso prova della paternità).

Ma perché il padre non può rimanere anonimo, mentre la madre sì? Secondo la Corte Suprema «le situazioni della madre e del padre non sono paragonabili, perché l’interesse della donna a interrompere la gravidanza o a rimanere anonima non può essere assimilato all’interesse di chi, negando la volontà diretta alla procreazione, pretenda di sottrarsi alla dichiarazione di paternità naturale». Dunque, la scelta legislativa di regolare «in maniera differenziata» situazioni tra loro diverse è ragionevole e non può «lamentarsi alcuna disparità di trattamento».

La Corte sembra voler entrare nelle ragioni dell’eventuale rifiuto alla paternità o alla maternità: il primo (il rifiuto alla paternità) dettato spesso dalla volontà di sottrarsi agli obblighi economici e alle responsabilità che derivano dalla filiazione, interesse questo non degno di tutela; il secondo (il rifiuto alla maternità) collegato invece a ragioni di carattere personale, spesso connesse alle modalità con cui il figlio è stato concepito e ai rapporti con l’uomo, interesse invece degno di tutela perché rivolto a garantire la dignità umana e il rispetto della persona della donna.

note

[1] Cass. sent. n. 13880/17 del 1.06.2017.

[2] In particolare è stata lamentata la violazione, da parte dell’art. 269 cod. civ., dell’art. 3 Cost. «sotto il profilo dell’ingiustificata disparità del regime giuridico relativo alla maternità e alla paternità naturali». Infatti, argomenta il ricorrente, «mentre la donna può scegliere di non essere madre abortendo il feto ai sensi della legge 194/198 o esercitando, alla nascita del figlio, il proprio diritto di rimanere anonima ai sensi dell’art. 30, Dpr 396/2000, l’uomo non ha diritto di scegliere di non essere padre, perché non ha la possibilità di rimanere anonimo e non può sottrarsi all’azione di cui all’art. 269 c.c.».

[3] Ai sensi della legge 194/198.

[4] Art. 30 dpr 396/2000.

[5] Art. 269 cod. civ.

Autore immagine: Pixabay.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


Hai un dubbio giuridico, curiosità che ti piacerebbe conoscere? Chiedicelo

CERCA CODICI ANNOTATI