Diritto e Fisco | Articoli

Pignoramenti del conto senza giudice: la bufala su internet

6 Giugno 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 6 Giugno 2017



Secondo la notizia apparsa su Internet, a partire dal 1° luglio l’Agenzia delle Entrate-Riscossione potrebbe pignorare i conti correnti senza bisogno del giudice. Ma si tratta di un clamoroso errore.

Siamo alle solite: uno scrive – in modo anche piuttosto frettoloso – una notizia su internet e tutti, senza capirne senso e, soprattutto, senza approfondire, la ribattono, sbagliando clamorosamente. È capitato in questi giorni con Equitalia: la notizia, pubblicata su siti anche prestigiosi, sarebbe quella che, a partire dal 1° luglio, il fisco potrà pignorare i conti correnti senza chiedere l’autorizzazione al giudice. Che c’è di nuovo? È sempre stato così. Rientra tra i poteri speciali che la legge concede a Equitalia – e che, tra meno di un mese, si estenderanno anche al nuovo esattore “Agenzia delle Entrate-Riscossione” – pignorare il conto corrente con l’invio di una semplice comunicazione, a mezzo di lettera raccomandata. Siamo dunque in presenza di una bufala o, quanto meno, di una svista. Tra i primi a battere il fake è stato il blog di Beppe Grillo con un post dal titolo «Cucù: Equitalia dal 1° luglio può pignorarti il conto corrente senza bisogno del giudice». Un post che attacca direttamente l’ex premier e ora segretario del Pd Matteo Renzi. «Ricordate Matteo Renzi “Cucù Equitalia non c’è più”? Era una delle sue prese in giro. Dal 1° luglio in caso di debiti e cartelle la “nuova” Equitalia made in Renzi avrà il potere di procedere al pignoramento dei conti correnti in modo diretto, prendendo i soldi direttamente dalle banche, senza dover richiedere l’apposita autorizzazione al giudice. Com’è umano lei!».

In verità chi ha scritto l’articolo conosce poco la legge sulla riscossione esattoriale. Come detto, nulla cambia rispetto al passato: il fisco, o meglio l’Agente della riscossione, ha sempre potuto pignorare il conto corrente del contribuente (mediante la procedura speciale della riscossione esattoriale «presso terzi») senza bisogno dell’udienza davanti al giudice dell’esecuzione.

Tutto inizia e si esaurisce con una lettera inviata non prima di 60 giorni dalla notifica della cartella di pagamento e non oltre un anno (se decorre l’anno è necessaria la notifica di una nuova diffida, detta «intimazione di pagamento»). Detta comunicazione integra l’atto di pignoramento vero e proprio e viene indirizzata sia alla banca che al debitore; con essa Equitalia comunica che il conto è pignorato e dà 60 giorni di tempo per versare il dovuto o chiedere la rateazione (in quest’ultimo caso, il pignoramento cessa con la dimostrazione del versamento della prima rata).

Dunque, a differenza del pignoramento avviato da privati – che, dopo la notifica dell’atto da parte dell’ufficiale giudiziario, richiede un’udienza davanti al giudice affinché venga autorizzata l’assegnazione della somma pignorata – nel caso di esecuzione forzata esattoriale non è prevista alcuna udienza in tribunale. Di tanto avevamo già parlato, qualche mese fa, nell’approfondimento  Come il fisco pignora il conto corrente.

Il passaggio davanti al giudice avviene invece nel caso di pignoramento della pensione o di opposizione all’esecuzione da parte del debitore.

Allora cosa cambia a partire dal 1° giugno, momento dal quale avverrà il passaggio di consegne da Equitalia all’Agenzia delle Entrate-Riscossione? Qualche novità c’è. Grazie al nuovo decreto fiscale [1], il nuovo Agente della riscossione potrà accedere alle banche dati telematiche (cui già accede l’Agenzia delle Entrate e che, sino ad oggi, sono state interdette ad Equitalia) per investigare sui beni del debitore da pignorare. Si pensi alla consistenza del conto corrente e alla relativa banca di appoggio o alla presenza di redditi di lavoro dipendente o da pensione. È questa l’unica vera – e grande – novità che parte da luglio. Sul punto leggi I nuovi super poteri dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione.


note

[1] Dl n. 193/16.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

11 Commenti

  1. Credo che invece non sia una falsa notizia, anzi, si conferma l’ennesima bufala del governo Renzo che su fa bello x prendere consensi con l’abolizione di equitalia , mentre come da voi stesso confermato, non cambia nulla!!! E che senso ha cambiare soli il nome????

  2. La Stampa di Torino di oggi riporta la notizia come vera.Possibile che anche loro non conoscano la legge?
    Amedeo Miceli

  3. scusate ma questa volta avete toppato di brutto.
    Equitalia SPA è un soggetto privato che per conto di enti riscuote quindi non ha gli stessi poteri dell’agenzia delle entrate ente pubblico perciò si elimina il passaggio dal giudice.
    un soggetto privato può pignorare conto corrente senza precetto e pignoramento?

    1. @Roberto, esatto. La cartella esattoriale è titolo esecutivo e precetto insieme. Quindi non c’è bisogno di precetto. Il pignoramento è la “lettera” inviata a banca e debitore.

    2. In effetti hanno solo “cambiato nome” con Agenzia delle Entrate che può fare quello che vuole………Quindi l’affermazione “pomposa” ‘addio Equitalia’ come a voler significare l’eliminazione di un soggetto scomodo è una ulteriore presa per i fondelli……

  4. Forse bisognerebbe chiarire quando pignorano il c/c e quando lo stipendio/pensione. Credo che il pignoramento del c/c avvenga quando non ci sono stipendi/pensioni, quindi riferito ai professionisti /attività commerciali. Quando si ha uno stipendio dovrebbero fare il PPT.

  5. Ho letto l’articolo sul blog di Grillo e dice esattamente le vostre stesse cose! All’inizio cita un trafiletto di RAI news 24 e poi commenta facendo capire chiaramente che equitalia ha sostanzialmente cambiato nome e acquisito più poteri di prima. Dov’è la bufala?

  6. Lo avete scritto voi: “Grazie al nuovo decreto fiscale [1], il nuovo Agente della riscossione potrà accedere alle banche dati telematiche (cui già accede l’Agenzia delle Entrate e che, sino ad oggi, sono state interdette ad Equitalia)”

  7. A dire il vero la notizia: “Pignoramenti del conto senza giudice” fu detta anche dai TG di Mediaset e non so se anche dalla RAI. Qual’è la verità ?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI