Diritto e Fisco | Articoli

Niente alcoltest per chi soffre di ansia e di diabete

6 Giugno 2017
Niente alcoltest per chi soffre di ansia e di diabete

Le difficoltà respiratorie, se certificate da uno pneumologo, possono evitare la sanzione per guida in stato di ebbrezza.

Chi soffre di ansia e di diabete può avere serie difficoltà a sottoporsi all’alcoltest. Per cui, se nonostante i ripetuti tentativi non riesce a soffiare aria a sufficienza nell’etilometro per poter accertare il quantitativo dell’alcol nel sangue, non può essere incriminato per il reato di «rifiuto a sottoporsi al test dell’alcol». Ma attenzione: le difficoltà respiratorie devono essere certificate, in modo accurato e attento, da un perito, uno pneumologo, che dovrà attestare la particolare condizione fisica del conducente. È quanto chiarito dal tribunale di Milano con una recente sentenza [1]. Ma procediamo con ordine.

Chi rifiuta di sottoporsi all’etilometro non può essere costretto fisicamente, ma tale comportamento viene equiparato a quello del conducente trovato con la massima misura di alcol nel sangue, quella cioè superiore a 1,5%. Risultato: per lui scatta il reato più grave per la guida in stato di ebbrezza, con l’arresto da sei mesi a un anno, l’ammenda da 1.500 a 6.000 euro e la sospensione della patente da uno a due anni. Viene poi disposta la confisca del veicolo con il quale è stato commesso il reato, salvo che il veicolo stesso appartenga a persona estranea al reato.

Secondo però la sentenza in commento, difficoltà di respiro e ansia salvano il conducente dalla condanna per rifiuto dell’alcoltest: sono la dispnea connessa alle patologie e lo stato emotivo a impedire il buon esito della spirometria, che è complicata per chi soffre di diabete, bronchite o asma.

Se l’automobilista, a cui la polizia richiede di sottoporsi all’alcoltest, è un soggetto emotivo, questi può perdere fiducia in se stesso convincendosi di non riuscire a soffiare l’aria nel “palloncino”. Inutile provare più volte fino a quando la macchinetta dà un risultato; difatti, secondo le linee guida, il testo dell’alcol non può essere ripetuto per più di tre o quattro volte consecutive: altrimenti il responso non è veritiero e, quindi, la multa nulla. Secondo la consulenza depositata nel giudizio in oggetto, un diabetico con glicemia a 200g/ml «può cominciare a non ragionare bene dopo il terzo o quarto alcoltest». Con la conseguenza che se questi non riesce a far funzionare l’alcoltest non è perché sta bluffando ma per via delle difficoltà respiratorie e dell’ansia.

In sintesi, secondo il tribunale di Milano, deve essere assolto dal reato di rifiuto a sottoporsi all’alcoltest (in quanto il fatto non costituisce reato) l’automobilista fermato dalla polizia perché ritenuto in stato d’ebbrezza se le prove effettuate con l’etilometro e non andate a buon fine sono dipese non da volontà, ma dalla sua condizione di dispnea derivante dalle patologie da cui è affetto e dallo stato emotivo in cui versava.

Multa e reato sono quindi da cancellare.


note

[1] Trib. Milano, sent. n. 4881/17.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Ok, ma un diabetico (come lo sono io) anche se fosse in possesso di un certificato redatto da uno pneumologo o un perito, le forze dell’ordine possono sempre far effettuare un prelievo venoso in un pronto soccorso, quindi poco cambia, anzi, si allungano notevolmente i tempi

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube