HOME Articoli

Lo sai che? Incentivi all’esodo: tasse a carico del dipendente

Lo sai che? Pubblicato il 7 giugno 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 7 giugno 2017

In caso di accordo con il datore di lavoro per la risoluzione del rapporto di lavoro, l’azienda deve versare solo le imposte determinate all’atto della cessazione del rapporto secondo l’aliquota provvisoria; non deve versare nulla in caso di riliquidazione da parte dell’amministrazione finanziaria.

Attenzione a fare bene i calcoli: chi si accorda con l’azienda per la risoluzione del rapporto di lavoro è tenuto a pagare al fisco le tasse dovute sull’incentivo all’esodo eventualmente percepito, anche se ha concordato con il datore un pagamento già al netto delle imposte. È quanto chiarito dal Tribunale di Roma con una recente sentenza [1]. La pronuncia è di grande interesse e attualità, chiarendo quali sono i rapporti tra sostituto di imposta (datore di lavoro) e sostituito (dipendente) nel caso di risoluzione «con incentivo» del rapporto di lavoro.

Immaginiamo che un dipendente concordi con il proprio datore il recesso anticipato dal lavoro: l’azienda gli ha promesso, a fronte delle dimissioni, un incentivo all’esodo piuttosto allettante. Il dipendente firma l’accordo ove però fa mettere ben in chiaro che le somme gli devono essere versate al netto delle imposte in modo da non doverci pagare le tasse. L’azienda così effettua la ritenuta alla fonte come ha fatto per tutti gli stipendi e il tfr versati, fino a quel momento, al dipendente. Senonché, dopo qualche anno, l’Agenzia delle Entrate bussa alle porte dell’ex lavoratore chiedendogli una sorta di “conguaglio” sulle tasse già pagate sull’incentivo dal datore. In particolare, il fisco ha ricalcolato l’Irpef dovuto dal dipendente alla luce dei suoi ultimi redditi e si è accorto che, oltre alla ritenuta alla fonte operata dall’azienda, c’è un’ulteriore differenza da versare. In pratica le somme percepite, e già tassate alla fonte dall’ex datore di lavoro, devono essere assoggettate ad una diversa e più alta aliquota. Il contribuente così pretende dall’azienda che sia questa a corrispondere il dovuto al fisco, ma non ne ottiene nulla. Chi ha ragione dei due? Secondo la sentenza in commento il dipendente è dalla parte del torto: in caso di incentivi all’esodo, le tasse sono a carico del lavoratore. Cerchiamo di comprendere le ragioni di tale principio.

Secondo la sentenza in commento, nel caso di erogazione di somme che costituiscono reddito da lavoro dipendente, il lavoratore è il solo soggetto titolare del debito tributario, mentre il datore di lavoro è solamente un sostituto di imposta, tenuto ad effettuare le trattenute fiscali sui medesimi importi, eventualmente in acconto sul maggior dovuto. Secondo i giudici, nel caso di Tfr e di importi corrisposti in occasione della cessazione del rapporto di lavoro (cosiddetti «incentivi all’esodo»), anche in presenza di un accordo con l’azienda che preveda il pagamento di somme nette, il datore agisce correttamente ogni qual volta proceda alla “lordizzazione” degli importi convenuti, applicando in busta paga le aliquote di tassazione coerenti e corrette rispetto al momento di applicazione del carico fiscale.

Del resto, nel momento in cui versa il Tfr o le altre indennità soggette a tassazione separata, il datore di lavoro effettua la ritenuta calcolando l’aliquota media corrispondente al reddito di riferimento noto in quel momento. Nulla toglie, però, che il fisco possa successivamente procedere a riliquidare le imposte su tali somme in base ai redditi complessivi risultanti dalle dichiarazioni del singolo, relativamente ai cinque anni precedenti a quello di percezione. Se, pertanto, da tale conguaglio dovesse risultare un maggior importo da versare all’erario questo è a carico del lavoratore-contribuente.

Dunque, il sostituto d’imposta è tenuto a versare le sole imposte determinate all’atto della cessazione del rapporto secondo l’aliquota provvisoria, nulla dovendo versare in caso di riliquidazione da parte dell’amministrazione finanziaria.

note

[1] Trib. Roma, sent. n. 3636/17.

Autore immagine: 123rf com

Per leggere la sentenza per esteso clicca qui: Tribunale Roma sent. n. 3636/2017.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Carissimi, leggo con interesse i vostri articoli ed in merito alla corresponsione dell’incentivo all’esodo con applicazione della relativa tassazione separata, ho il caso di una vertenza con lavoratore cessato che si è conclusa dopo la cessazione dell’azienda/sostituto di imposta (società di persone – s.a.s.) di riferimento. Ora l’atto di cessazione dell’azienda identifica nel socio, ex legale rappresentante, colui che dovrà rispondere/appianare eventuali pendenze dell’azienda cessata. In tal caso la persona fisica/socio, diventa sostituto di imposta oppure le somme vengono trattate come se si trattasse di datore di lavoro privato? In tal ultimo caso la tassazione sarebbe in capo all’Agenzia delle entrate e la corresponsione avverrebbe al lordo della tassazione. Grazie, Flavia Morandi

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI