Diritto e Fisco | Articoli

Professionisti, con quale regime fiscale pago meno tasse?

30 Giugno 2017 | Autore:
Professionisti, con quale regime fiscale pago meno tasse?

Contabilità semplificata, forfettario, minimi: quale regime è il più conveniente?

 

Regime ordinario, forfettario o minimi? Questa è la domanda che si pongono la maggior parte dei professionisti quando iniziano una nuova attività. Allo stato attuale, il dubbio, per chi deve aprire la partita Iva, riguarda la scelta tra i regimi conosciuti ordinario, o meglio il regime della contabilità semplificata ed il regime forfettario, in quanto i nuovi accessi al regime dei minimi sono chiusi dal 2016; può permanere nel regime dei minimi, comunque, chi non ha ancora trascorso 5 anni in tale regime, o chi non ha ancora compiuto 35 anni.

Certamente, alla domanda su quale sia il regime fiscale più conveniente non è possibile dare una risposta assoluta, dato che bisogna valutare numerosi fattori, legati soprattutto all’organizzazione (con o senza dipendenti e collaboratori, ad esempio), alla tipologia di attività esercitata e alle spese da sostenere.

Per operare un confronto, prendiamo dunque un “caso tipo”, relativo a un piccolo professionista al primo anno di attività, con compensi pari a 20.000 euro, contributi previdenziali ridotti e spese limitate.

Contabilità semplificata, forfettario e minimi: quali differenze

Le difformità tra il regime della contabilità semplificata, quello forfettario e quello dei contribuenti minimi sono molto numerose e riguardano molteplici aspetti.

Possiamo così riassumere le principali differenze:

  • col regime forfettario e dei minimi non deve essere addebitata l’Iva in fattura (quindi nessun obbligo di dichiarazione Iva, comunicazioni periodiche etc.; l’Iva sugli acquisti diventa un costo), non si è soggetti all’Irap, all’Irpef e agli studi di settore, non si è obbligati alla tenuta dei libri contabili e si applica un’imposta sostitutiva del 15% o del 5%;
  • col regime forfettario non è possibile dedurre alcuna spesa, eccetto i contributi previdenziali;
  • nel regime dei minimi alcune spese scontano una deduzione forfettaria del 50% e non è possibile superare, nel triennio, 15.000 euro di costi per l’acquisto di beni strumentali (il limite è di 20.000 euro annui per i forfettari);
  • nel regime dei minimi non si possono avere dipendenti o collaboratori; nel regime forfettario sì, ma sino a 5.000 euro di compensi annui.

Per ulteriori approfondimenti, potete leggere la nostra Guida al regime Forfettario e dei nuovi minimi.

Contabilità semplificata, forfettario e minimi: chi paga meno tasse?

Ma passiamo subito a un caso pratico, per capire meglio le differenze tra i tre regimi, calcolando le imposte dovute in sede di dichiarazione annuale (escluse Iva ed addizionali) di tre professionisti, considerando che:

  • il professionista A, in regime di contabilità semplificata, ha un totale di compensi pari a 20.000 euro e ha speso:
    • 500 euro per la partecipazione ad un corso di aggiornamento professionale;
    • 400 euro tra biglietti aerei e taxi per il viaggio, necessario a raggiungere la location del corso;
    • 600 euro tra spese alberghiere e servizi di ristorazione, collegate al corso;
    • 600 euro di spese telefoniche;
    • 400 euro per l’acquisto di un software gestionale;
    • 1000 euro di spese relative al carburante e alla manutenzione del veicolo;
    • 1500 euro a titolo di contributi previdenziali;
  • il professionista B ha le stesse spese e gli stessi compensi, ma si trova nel regime forfettario;
  • il professionista C ha le stesse spese e gli stessi compensi, ma si trova nel regime dei contribuenti minimi.

Qual è il professionista che paga meno imposte e perché?

Professionista in contabilità semplificata: com’è tassato

A fronte di un totale di 20.000 euro di compensi, il professionista in contabilità semplificata può dedurre:

  • 2500 per il corso professionale (interamente deducibili grazie alle modifiche del Jobs act autonomi, sino a 10.000 euro annui);
  • 400 euro per le spese di viaggio (deducibili interamente, secondo le nuove disposizioni del Jobs act autonomi, in quanto inerenti al corso);
  • 600 euro per le spese di vitto e alloggio (anch’esse deducibili interamente, secondo le nuove disposizioni del Jobs act autonomi, in quanto inerenti al corso);
  • (600 *80%) per le spese telefoniche (che sono deducibili all’80%, per i professionisti in contabilità semplificata);
  • 1400 euro per il software gestionale (spesa totalmente inerente quindi deducibile al 100%);
  • (1000*20%) per le spese legate all’utilizzo dell’auto (che sono deducibili al 20%, per i professionisti in contabilità semplificata);
  • 1500 per i contributi previdenziali, integralmente deducibili.

Il professionista ha quindi un reddito imponibile pari a 12.290 euro: l’imposta lorda dovuta (applicando l’aliquota Irpef del 23% è pari a 2826,70 euro.

Dall’imposta lorda va tolta la detrazione per redditi di lavoro autonomo, che si calcola con questa formula:

  • detrazione per reddito di lavoro autonomo: 1.104 × [(55.000 – reddito complessivo) / 50.200].

La detrazione ammonta dunque a 939,27 euro e l’Irpef netta a 1.887,43 euro.

 

Professionista nel regime forfettario: com’è tassato

Più semplice il calcolo della tassazione del professionista soggetto al forfettario: in questo caso, non si può dedurre nulla dal reddito, tranne i contributi previdenziali: il reddito viene però decurtato secondo un coefficiente di redditività, pari, per le attività professionali in genere, al 78%.

Il reddito lordo sarà dunque pari a 15.600 euro, mentre il reddito imponibile, dedotti i contributi previdenziali, a 14.100 euro.

Questo reddito può scontare l’imposta sostitutiva del 15% o del 5%, se si è nei primi 5 anni di attività e si possiedono i requisiti dei contribuenti minimi: nel primo caso l’imposta dovuta sarà pari a 2.115 euro, nel secondo a 705 euro.

Professionista nel regime dei minimi: com’è tassato

Arriviamo infine al regime dei minimi. In questo caso dai compensi bisogna dedurre:

  • 2500 per il corso professionale (interamente deducibili grazie alle modifiche del Jobs act autonomi, sino a 10.000 euro annui);
  • 400 euro per le spese di viaggio (deducibili interamente, secondo le nuove disposizioni del Jobs act autonomi, in quanto inerenti al corso);
  • 600 euro per le spese di vitto e alloggio(anch’esse deducibili interamente, secondo le nuove disposizioni del Jobs act autonomi, in quanto inerenti al corso);
  • (600 *50%) per le spese telefoniche (che sono deducibili al 50%, per i minimi, in quanto considerati costo promiscuo);
  • 1400 euro per il software gestionale (spesa totalmente inerente quindi deducibile al 100%);
  • (1000*50%) per le spese legate all’utilizzo dell’auto (che sono deducibili al 50%, per i minimi);
  • 1500 per i contributi previdenziali, integralmente deducibili.

Dedotti i costi, otteniamo un reddito imponibile 12.800, che sconta un’imposta del 5% pari a 640 euro.

Chi paga di meno, a parità di spese, è dunque il professionista aderente ai minimi (regime che, da una parte, ha il vantaggio della tassazione limitata e dall’altro della deducibilità delle spese: ecco perché lo Stato lo ha “eliminato”); non è grande, ad ogni modo, la differenza col professionista forfettario, considerando però il forfettario agevolato del 5%. Notevole, invece, la differenza col regime della contabilità semplificata.

Tuttavia, questo vale in presenza di spese limitate: quando i costi si fanno più pesanti rispetto ai compensi, il forfettario perde la sua convenienza; bisogna poi considerare le varie limitazioni del forfettario, che consente un’organizzazione molto ridotta, senza contare che i professionisti non possono superare 30.000 euro di compensi annui.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube