Diritto e Fisco | Articoli

Trasporto aereo o treni: negoziazione assistita non obbligatoria

8 Giugno 2017
Trasporto aereo o treni: negoziazione assistita non obbligatoria

Nelle liti in materia di trasporto, tra professionisti e consumatori, la negoziazione assistita non è condizione di procedibilità.

Se devi fare una causa ad una compagnia aerea (magari per un ritardo, la cancellazione di un volo o altri disagi) o a un’altra società di trasporto come ad una società ferroviaria o di pullman, prima del giudizio non devi attivare il tentativo di negoziazione assistita. Questo perché, nelle liti in materia di trasporto, quando una delle due parti è un consumatore, la negoziazione assistita non è condizione di procedibilità per la successiva azione giudiziaria. A chiarirlo è il Tribunale di Genova con una recente ordinanza [1]. Il caso di riferisce a un giudizio intentato contro una compagnia aerea per violazioni contrattuali.

Le vertenze attivate da turisti e viaggiatori in materia di contratti di trasporto non richiedono, prima della causa, l’obbligo di esperire la procedura di negoziazione assistita. È vero infatti che la riforma del 2014 configura tale obbligo per tutte le liti inerenti il trasporto, ma i consumatori sono esentati per legge [2]. La norma che regola la negoziazione assistita stabilisce infatti che tale onere non si applica alle controversie concernenti obbligazioni contrattuali derivanti da contratti conclusi tra professionisti e consumatori.

Del resto la direttiva del 2011 varata dal Parlamento europeo [3] stabilisce, per le cause che vedono coinvolti i consumatori, una specifica procedura di risoluzione alternativa delle controversie (meglio nota come Adr, acronimo che sta per Alternative dispute resolution: soluzione alternativa alla lite) che può essere avviata dalle parti anche senza avvocato, gratuita (o con costi minimi) e che va definita entro massimo 90 giorni dall’istanza.

I consumatori, così, per far valere i propri diritti, non devono necessariamente pagare un legale o un altro consulente (cosa non possibile nella negoziazione assistita).

La negoziazione assistita è obbligatoria (e condizione di procedibilità per l’avvio della causa in tribunale) per tutte le cause di recupero crediti per somme inferiori a 50mila euro. Ma se una delle due parti è un consumatore e l’altra una società “professionista” tale procedura non è necessaria. Si pensi al ritardo di un treno, al risarcimento dei danni provocati a un oggetto trasportato o a una valigia dispersa.


note

[1] Trib. Genova, ord. del 28.04.2017.

[2] Art. 3, co. 1 del Dl 132/2014.

[3] Art. 8 direttiva n. 2013/11.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube