HOME Articoli

News Come funziona il libretto famiglia per pagare i lavori domestici

News Pubblicato il 8 giugno 2017

Articolo di




> News Pubblicato il 8 giugno 2017

Contratti di prestazione occasionale per la famiglia: gli adempimenti previsti per i nuovi Presto.

Si chiamano Presto e sono una sorta di sostituti dei vecchi voucher: si tratta dei nuovi contratti di prestazione occasionale introdotti dalla manovra bis, che potranno essere utilizzati, a breve, dalle piccole imprese e dalle famiglie.

Per le famiglie, in particolare, sarà operativo un nuovo strumento per l’utilizzo dei Presto, il libretto famiglia: vediamo, in base a quanto reso noto sinora, che cosa dovranno fare le famiglie per retribuire i lavoratori occasionali.

Libretto famiglia: che cos’è

Il libretto famiglia è un libretto nominativo, che potrà essere acquistato attraverso la piattaforma informatica Inps, o presso gli uffici postali, prefinanziato con titoli di pagamento da 12 euro lordi.

Il libretto servirà per retribuire le prestazioni occasionali di:

  • colf e lavoratori che effettuano, in generale, piccoli lavori domestici, inclusi giardinaggio, pulizia o manutenzione;
  • babysitter e badanti: nel dettaglio, col libretto famiglia si potranno retribuire i lavoratori che effettuano assistenza domiciliare ai bambini e alle persone anziane, ammalate o con disabilità;
  • insegnanti, ossia lavoratori che effettuano prestazioni di insegnamento privato supplementare.

Libretto famiglia: retribuzione del lavoratore occasionale

Il lavoratore occasionale sarà retribuito, per ogni ora di lavoro prestata e registrata nel libretto famiglia, con 12 euro lordi. In particolare, i 12 euro comprendono:

  • una paga netta, per il lavoratore, pari a 10 euro;
  • 1,65 euro di contributi previdenziali, versati alla Gestione separata dell’Inps;
  • 0,25 euro di premio versato all’Inail, a titolo di assicurazione contro gli infortuni;
  • 0,10 euro per oneri di gestione a carico del datore di lavoro, accreditati all’Inps.

Il lavoratore sarà pagato direttamente dall’Inps entro il giorno 15 del mese successivo allo svolgimento della prestazione.

Libretto famiglia: adempimenti

Per accedere alle prestazioni, datori e lavoratori dovranno, in primo luogo, registrarsi in un’apposita piattaforma informatica Inps.

Il datore di lavoro- famiglia dovrà poi comunicare,  entro il giorno 3 del mese successivo allo svolgimento della prestazione, i seguenti dati:

  • dati identificativi del prestatore;
  • compenso pattuito;
  • luogo di svolgimento della prestazione;
  • durata della prestazione;
  • ogni altra informazione necessaria ai fine della gestione del rapporto.

Le comunicazioni relative al Libretto famiglia potranno essere inviate non solo attraverso la piattaforma informatica Inps, ma anche tramite il contact center Inps Inail o avvalendosi dell’aiuto di un ente di patronato.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI