PrestO: i limiti del nuovo contratto di prestazione occasionale

8 giugno 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 8 giugno 2017



Prestazione di lavoro occasionale: se mancano i requisiti il contratto diventa di lavoro subordinato a tempo pieno e indeterminato.

Alto rischio di trasformazione in contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato per i PrestO, i contratti che “sostituiscono” i vecchi voucher: i limiti previsti per utilizzare questi nuovi strumenti, difatti, sono molto severi. Le possibilità di conversione del rapporto di lavoro, per il loro superamento, sono dunque elevate. Si rischia la trasformazione dei lavoratori occasionali in dipendenti non solo superando il compenso massimo, o il tetto annuale delle ore di lavoro: basta che venga a cadere il solo requisito della saltuarietà della prestazione.

PrestO: saltuarietà della prestazione

La sigla PrestO sta per “contratto di prestazione occasionale”: significa, in pratica, che le prestazioni retribuite con i PrestO devono essere saltuarie. Il concetto di saltuarietà, però, è molto vago e dà adito ad infinite discussioni. Il problema, nei PrestO, consiste nel fatto che il requisito della saltuarietà è previsto, secondo il tenore letterale della normativa [1], in aggiunta agli altri limiti dei nuovi contratti.

Per evitare la trasformazione in contratto subordinato a tempo indeterminato, cioè, non basta rispettare i requisiti dimensionali dell’azienda, le previsioni sull’orario massimo di lavoro, sui compensi e gli ulteriori divieti specifici: in aggiunta a questi requisiti, è difatti necessario che l’attività sia svolta in modo occasionale e discontinuo.

La saltuarietà si presta dunque ad apprezzamenti discrezionali ed è molto probabile che la valutazione di questo requisito dia luogo ad innumerevoli controversie.

PrestO: gli altri limiti

Per quanto riguarda gli altri limiti previsti per i PrestO dalla normativa, i parametri sono precisi; perché siano rispettati tutti i “paletti” previsti, difatti, bisogna che:

  • l’impresa, o il professionista, non superi i 5 addetti;
  • l’impresa non appartenga al settore edile o non svolga attività pericolose (come attività nelle cave e nelle miniere);
  • il datore di lavoro non sia coinvolto nell’esecuzione di appalti di opere o servizi;
  • il datore di lavoro non abbia avuto, con lo stesso lavoratore, da meno di sei mesi un rapporto di lavoro subordinato o di collaborazione coordinata e continuativa;
  • il compenso derivante dalla prestazione del singolo lavoratore non superi 2.500 euro annui;
  • i compensi complessivi derivanti dai PrestO non superino i 5.000 euro annui (il tetto sale a 6.250 euro, se la prestazione è resa da pensionati, giovani con meno di 25 anni purché iscritti a scuola o università, disoccupati, percettori di sussidi a sostegno del reddito);
  • le prestazioni non superino le 4 ore continuative;
  • il compenso per singola prestazione non sia inferiore a 36 euro;
  • non siano superate le 280 ore annue.

Sono poi previste ulteriori regole:

  • obbligo di iscrizione, per utilizzare i nuovi strumenti, a una piattaforma informatica dell’Inps, sia per i lavoratori che per i datori;
  • attivazione della prestazione con comunicazione da effettuare almeno un’ora prima dell’inizio dell’attività: le violazioni saranno punite con multe da 500 a 2500 euro.

Il lavoratore con contratto di prestazione occasionale ha inoltre diritto al riposo giornaliero, alle pause e ai riposi settimanali.

PrestO: i contratti con la Pa diventano a tempo indeterminato?

I contratti di prestazione occasionale potranno essere utilizzati anche dalle pubbliche amministrazioni, ma soltanto per esigenze temporanee o eccezionali, come emergenze dovute a calamità naturali, attività sportive o manifestazioni sportive. Nessuna trasformazione a tempo indeterminato è possibile per la violazione dei limiti dei PrestO.

note

[1] Art. 54 bis D.L. 50/2017.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. MAH! “HA DIRITTO ALLE PAUSE E A RIPOSI SETTIMANALI MASE MAGARI SERVE UNA VOLTA O 2 SETTIMANALMENTE CON 2 ORE PER PRESTAZIONE CHE RIPOSO DEVE AVERE??

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI