Diritto e Fisco | Articoli

Convivenza: diritti e doveri riconosciuti dalla legge

9 giugno 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 9 giugno 2017



La Legge Cirinnà ha riconosciuto ai conviventi una serie di diritti tale da porli in una posizione molto vicina a quella delle coppie sposate.

La legge Cirinnà, nota per aver tutelato le convivenze tra persone dello stesso sesso, è andata in realtà a disciplinare la convivenza genericamente intesa [1].

Registrazione della convivenza e contratto di convivenza

I diritti riconosciuti dalla legge alle cosiddette «coppie di fatto», ossia quelle tra conviventi, spettano sia a coloro che hanno provveduto a registrare la convivenza all’anagrafe del Comune di residenza sia a coloro che non hanno provveduto alla formale registrazione. La registrazione della convivenza diventa però requisito indispensabile nel caso in cui la coppia intenda stipulare un contratto di convivenza in quanto è prova della convivenza. Trattasi di accordi scritti con i quali i conviventi potranno definire gli aspetti patrimoniali. Attraverso questi contratti, la coppia potrà regolare vari aspetti patrimoniali comuni, potendo prevedere anche specifiche clausole relative ad eventuali figli, il loro mantenimento e le spese per la loro istruzione. In particolare poi, attraverso la stipula del contratto di convivenza, è possibile prevedere l’assunzione da parte di uno dell’obbligo di provvedere al mantenimento dell’altro nel caso in cui uno soltanto dei due percepisca un reddito; la proprietà dei beni acquistati durante la convivenza nonchè le modalità per la definizione dei rapporti patrimoniali nel caso in cui la convivenza dovesse finire.
Si noti poi che attraverso i contratti di convivenza possono essere definite anche le regole attinenti al testamento biologico.

Per la natura contrattuale che ha, il contratto di convivenza potrà esser sciolto, oltre che per la naturale fine del rapporto, anche per mutuo consenso, per risoluzione in caso di inadempimento, per sopravvenuta impossibilità della prestazione. Le parti potranno poi, mediante apposite clausole, subordinare la facoltà di recesso al verificarsi di particolari eventi.

Diritti e doveri

I diritti riconosciuti ai conviventi a prescindere dalla formale registrazione consistono in:
– possibilità per uno dei due di essere nominato tutore o amministratore di sostegno dell’altro;
– possibilità di far visita al partner in carcere o in ospedale prestando assistenza e potendo assumere decisioni nel loro interesse con riguardo alle cure proprio come un familiare. In caso di convivenza non registrata però potrebbero sorgere alcune difficoltà e pertanto si renderà necessario il rilascio di reciproche deleghe;
– possibilità di subentrare nel contratto di locazione intestato al convivente defunto e pertanto di restare a vivere nell’immobile;
– in caso di decesso del convivente proprietario dell’immobile ove la coppia viveva, è riconosciuta la possibilità per l’altro di continuare ad abitarvi per un periodo proporzionale alla durata della convivenza;
– analogamente a quanto previsto per i coniugi, in caso di decesso del convivente per infortunio sul lavoro o altro fatto illecito, è riconosciuta al partner superstite la possibilità di richiedere il risarcimento del danno;
– nel caso in cui il convivente lavori nell’impresa dell’altro, questo avrà diritto a partecipare agli utili mentre non è possibile per i conviventi stipulare il fondo patrimoniale.

Per quanto riguarda invece i doveri posti a carico dei conviventi, la legge Cirinnà prevede la possibilità per il giudice, nel caso in cui una delle parti versi in stato di bisogno e su richiesta di questa, di porre a carico dell’altra l’obbligo di versamento degli alimenti, un obbligo a tempo, determinato proporzionalmente alla durata della convivenza e in base alle condizioni economiche dell’obbligato.

note

[1] Legge 20 maggio 2016 n. 76

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI