Tech Cassazione: il cellulare provoca il tumore, lavoratore risarcito

Tech Pubblicato il 19 ottobre 2012

Articolo di




> Tech | Cos'è Tech? Pubblicato il 19 ottobre 2012

Risarcimento al dipendente: raggiunta in giudizio la prova che il tumore era stato contratto a causa dell’utilizzo eccessivo del telefono per ragioni lavorative.

Shockante: raggiunta, in Tribunale, la prova secondo cui cellulare e cordless sarebbero cancerogeni. I giudici della Cassazione [1] hanno infatti – confermando una sentenza di secondo grado – riconosciuto il risarcimento per malattia professionale al dirigente di una multinazionale che aveva utilizzato il telefonino e il cordless per circa cinque ore al giorno, a fini lavorativi e che, in conseguenza di ciò, nel 2002 gli era stato diagnosticato un tumore al nervo trigemino sinistro.

Nel giudizio è stato attribuito un peso determinante ad alcuni studi indipendenti che dimostrerebbero la pericolosità delle onde elettromagnetiche dei cellulari. A differenza di quanto vorrebbero dimostrare le ricerche finanziate dalle industrie dei cellulari, tali studi evidenziano invece un maggior rischio di tumori negli utilizzati forti di telefonia mobile.

Secondo la Corte, si è così raggiunto la ragionevole certezza (ossia un rilevante grado di probabilità) circa la causa dell’evento tumorale all’origine della malattia: non quindi una semplice possibilità.

L’Inail, che contestava il diritto alla rendita per malattia professionale con invalidità all’80%, ha perso la causa.

Non saranno però i profili risarcitori a tranquillizzare, da oggi, i nostri lettori…

 

 

 

note

[1] Cass. sent. n. 1743/2012.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI