HOME Articoli

Lo sai che? Passeggero senza cintura: il conducente è responsabile

Lo sai che? Pubblicato il 11 giugno 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 11 giugno 2017

Chi guida l’auto ha deve imporre a tutti di indossare la cintura di sicurezza: ecco i riflessi a livello penale, civile e amministrativo.

Viaggiare senza cintura di sicurezza è un’abitudine che a volte, purtroppo, può rivelarsi fatale. Sono numerosi i casi di incidenti mortali in cui le vittime viaggiavano senza cintura. L’obbligo di far indossare la cintura a tutti i viaggiatori grava su chi guida. Se il passeggero è senza cintura il conducente è responsabile, anche penalmente. Si pensi ad un incidente stradale in cui perda la vita (o subisca lesioni) un viaggiatore che non indossava la cintura di sicurezza: la Cassazione afferma che, se la colpa del sinistro è del conducente, quest’ultimo risponde di omicidio colposo o lesioni personali colpose (oggi sono specificamente previsti i reati di omicidio stradale e lesioni stradali).

Passeggero senza cintura: il conducente risponde di omicidio

La Cassazione si è recentemente pronunciata sulla questione [1]. Il caso riguardava la morte di una donna, sbalzata fuori dall’auto in occasione di un incidente stradale. La vittima non indossava la cintura di sicurezza. I giudici della Suprema Corte hanno confermato il principio ormai costante in giurisprudenza: il conducente è obbligato ad esigere che il passeggero indossi la cintura di sicurezza. Non solo: se il passeggero stesso rifiuta di indossarla, il conducente ha il dovere di non farlo salire a bordo o, in alternativa, di non iniziare o proseguire la marcia.

Qual è la conseguenza? In caso di incidente stradale, se il passeggero subisce lesioni o purtroppo muore, la responsabilità penale ricade sul conducente del mezzo (se il sinistro è dovuto a sua colpa). Quest’ultimo potrà rispondere del reato di lesioni stradali o di quello di omicidio stradale. Ciò avviene perché il conducente stesso, non imponendo a bordo l’obbligo della cintura, viola quelle regole di diligenza e prudenza che la circolazione stradale inevitabilmente richiede di rispettare.

Omicidio stradale e lesioni stradali

La materia è stata recentemente riformata dalla L. n. 41/2016, che ha introdotto nel codice penale gli articoli 589 bis (omicidio stradale) e 590 bis (lesioni personali stradali gravi o gravissime). Prima dell’intervento legislativo, il responsabile rispondeva, a seconda dei casi, di omicidio colposo [2] o di lesioni personali colpose [3]. Attualmente, dunque, chi cagiona colposamente la morte di una persona violando le norme del codice della strada, è punito con la reclusione da due a sette anni. La pena per chi cagiona lesioni personali, invece, va da tre mesi a un anno (se si tratta di lesioni gravi) e da uno a tre anni (in caso di lesioni gravissime).

Sono poi previste pene più pesanti per chi ha provocato colposamente la morte o le lesioni di una persona:

  • viaggiando sotto l’effetto di alcool o stupefacenti;
  • viaggiando ad alta velocità;
  • passando col rosso o procedendo contromano;
  • effettuando un’inversione di marcia in prossimità o in corrispondenza di un incrocio, di un dosso o di una curva;
  • sorpassando un altro veicolo in corrispondenza di un attraversamento pedonale o in presenza di linea continua sulla carreggiata.

Ad ogni modo, per rispondere dei reati in questione non basta aver violato le norme del codice della strada. Occorre altresì individuare un comportamento colposo in capo al conducente del veicolo. Quest’ultimo, in poche parole, deve aver violato le basilari regole di prudenza o diligenza imposte dalla circolazione stradale.

L’obbligo di indossare la cintura

L’obbligo di indossare la cintura di sicurezza è previsto dal codice della strada. In particolare, la legge stabilisce una sanzione amministrativa a carico del soggetto (conducente o passeggero che sia) che viaggia senza cintura. Contrariamente a quanto si possa pensare, il dovere in questione è previsto anche a carico di chi si trova sui sedili posteriori. Il codice della strada, infatti, non distingue tra i passeggeri seduti avanti e quelli seduti dietro. La norma [4] impone un generico obbligo a carico di ognuno, sancendo testualmente che «il conducente ed i passeggeri dei veicoli muniti di cinture di sicurezza hanno l’obbligo di indossarle in qualsiasi situazione di marcia».

Se si viaggia senza cintura è prevista una sanzione amministrativa. Vediamo quale.

La sanzione amministrativa

La sanzione pecuniaria va da 80 a 323 euro. A pagarla è colui che non indossa la cintura di sicurezza, a meno che a viaggiare senza cintura sia un minore. Quindi:

  • se il conducente guida senza cintura va incontro alla multa da 80 a 323 euro, oltre alla decurtazione di 5 punti della patente;
  • se il passeggero maggiorenne viaggia senza cintura, la sanzione è a suo carico (ma non gli vengono tolti punti dalla patente);
  • se ci sono minori senza cintura la multa è a carico del conducente. Tuttavia, qualora sul veicolo sia presente un soggetto tenuto alla sorveglianza del minore (come un genitore), è su quest’ultimo che ricade la responsabilità della violazione.

Se un conducente viene beccato senza cintura per più di una volta in un periodo di due anni, scatta la sospensione della patente da quindici giorni a due mesi.

La responsabilità civile in caso di incidente

Per quanto riguarda la responsabilità civile, il conducente è responsabile dei danni cagionati ai terzi trasportati in occasione dell’incidente stradale dovuto a sua colpa. Tuttavia, la Cassazione stabilisce che il risarcimento è ridotto, per concorso di colpa, se il passeggero non dimostra che indossava la cintura di sicurezza al momento del sinistro.

note

[1] Cass. sent. n. 11429/2017 del 9.2.2017.

[2] Art. 589 cod. pen.

[3] Art. 590 cod. pen.

[4] Art. 172 cod. str.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. Ma se il trasportato ( senza cintura) muore per tamponamento la responsabilità e’ anche del conducente? Questo’ nn l’ho ancora capito

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI