Tech | Articoli

Come aprire i file rar in Windows

13 Giugno 2017 | Autore:
Come aprire i file rar in Windows

Ecco un modo molto semplice per aprire i file compressi .rar direttamente in Esplora risorse di Windows e senza ricorrere ad altre applicazioni.

Il .rar (Roshal ARchive) è uno dei tanti formati compressi come il .zip che vengono utilizzati per ridurre la dimensione dei file. Purtroppo però Windows non integra il supporto per questa tipologia di file: per decomprimerli, quindi, è necessario installare un programma a parte.

Ci sono tantissimi decompressori in giro, alcuni gratuiti e altri a pagamento. Tra questi uno dei più semplici da usare è sicuramente TC4Shell che oltre ad essere gratuito, aggiunge il supporto ai file .rar in Esplora risorse di Windows. In questo modo diventa più semplice e immediata l’apertura dei file compressi.

TC4Shell supporta non solo i file .rar, ma una gran varietà di formati compressi tra cui 7z, 7zip, zip, zipx, cab, tar, gz, gzip, gz, tgz, iso e altri ancora. Per installarlo si deve andare innanzitutto sul sito www.tc4shell.com, cliccare sul tasto Download e poi nuovamente su Download per scaricare il file TC4ShellSetup.exe. Al termine del download, basta fare doppio clic sul file eseguibile per installarlo.

Al termine dell’installazione ci verrà chiesto quali formati compressi vogliamo aprire in Esplora risorse con TC4Shell: possiamo anche lasciarli selezionati tutti o scegliere solo quelli che preferiamo. Non resta che cliccare su Applica per essere pronti ad aprire i file compressi .rar direttamente in Esplora risorse di Windows.

La prima volta che proveremo ad aprire un file .rar una finestra ci chiederà con quale programma vogliamo aprirlo. Selezioniamo Explora risorse, spuntiamo la voce Usa sempre questa app per aprire i file .rar e clicchiamo su OK.

Le volte successive i file .rar verranno automaticamente aperti in Esplora risorse senza che venga visualizzata alcuna finestra che ci chiede come fare.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube