HOME Articoli

Lo sai che? Pensione lavoro notturno e usurante, quali requisiti per gli autonomi?

Lo sai che? Pubblicato il 2 luglio 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 2 luglio 2017

I requisiti di età e la quota valida per la pensione di anzianità degli addetti ai lavori usuranti è diversa per chi possiede contributi di lavoro autonomo.

 

Sono infermiera, nata ad agosto 1956, possiedo 35 anni di contributi e ho svolto dal 2018 lavoro per oltre 78 notti l’anno: quando mi pensiono?

La pensione di anzianità degli addetti ai lavori usuranti [1] e al lavoro notturno ha dei requisiti più leggeri rispetto alle pensioni anticipate e di vecchiaia previste per la generalità dei lavoratori. I requisiti sono uguali per tutti coloro che hanno svolto lavori usuranti o lavoro notturno per almeno 78 notti l’anno (per almeno 7 anni negli ultimi 10, oppure per oltre la metà della vita lavorativa); i parametri sono più severi, invece, per chi ha svolto lavoro notturno per meno di 78 notti l’anno.

Pensione di anzianità lavoratori notturni: quali requisiti?

Chi ha lavorato per almeno 78 notti l’anno deve possedere, per accedere al pensionamento, i seguenti requisiti, che sono gli stessi validi per tutti gli addetti ai lavori usuranti:

  • quota (somma di età e contribuzione) 97,6, con un minimo di:
  • 61 anni e 7 mesi d’età;
  • 35 anni di contributi.

I requisiti, come già visto in merito agli addetti ai lavori usuranti, sono innalzati di un anno (quota 98,6 e 62 anni e 7 mesi di età) per chi possiede contribuzione mista da lavoro dipendente ed autonomo.

Chi ha lavorato per un numero di notti tra le 72 e le 78 l’anno deve possedere, invece, i seguenti requisiti:

  • quota (somma di età e contribuzione) 98,6, con un minimo di:
  • 62 anni e 7 mesi d’età;
  • 35 anni di contributi.

Se l’interessato possiede anche contributi da lavoro autonomo, la quota è innalzata a 99,6, con un minimo di 63 anni e 7 mesi di età.

Chi ha lavorato per un numero di notti tra le 64 e le 71 l’anno deve possedere i seguenti requisiti:

  • quota (somma di età e contribuzione) 99,6, con un minimo di:
  • 63 anni e 7 mesi d’età;
  • 35 anni di contributi.

Se l’interessato possiede anche contributi da lavoro autonomo, la quota è innalzata a 100,6, con un minimo di 64 anni e 7 mesi di età.

Pensione di anzianità lavoratori notturni autonomi

Facciamo un breve punto della situazione della lettrice, che possiede:

  • 61 anni di età al 27 agosto 2017, quindi 61 e 7 mesi nel marzo 2018 e il possesso della quota 97,6 alla stessa data;
  • 35 anni di contributi;
  • oltre 7 anni di lavoro notturno, con oltre 78 notti l’anno, negli ultimi 10 anni.

Il problema, nel caso di specie, risiede nel fatto che la lettrice possiede anche contributi di lavoro autonomo: di conseguenza la quota e il requisito di età validi non sono 97,6 e 61 anni e 7 mesi, ma vanno aumentati di un anno, ossia 98,6 e 62 anni e 7 mesi di età.

La lettrice andrebbe, dunque, in pensione un anno più tardi, al raggiungimento di 62 anni e 7 mesi di età, maturando i requisiti nel marzo 2019: alla stessa data avrebbe anche il possesso della maggior quota richiesta, 98,6, nel caso in cui possieda almeno 35 anni e 10 mesi di contributi (la quota, difatti, esprime i mesi in decimi). Nel caso in cui la contribuzione resti invariata a 35 anni, dovrebbe attendere ulteriori 10 mesi per pensionarsi, quindi gennaio 2020.

 

Pensione di anzianità lavoratori notturni: adeguamenti alla speranza di vita

Fortunatamente, i requisiti previsti non aumenteranno, nel biennio 2019-2020, in corrispondenza agli incrementi della speranza di vita: la Legge di bilancio 2017, difatti, ha stabilito che i requisiti, per gli addetti ai lavori usuranti e notturni, resteranno invariati sino al 2026.

Pensione di anzianità lavoratori notturni: niente finestre

La stessa Legge di bilancio 2017 ha previsto anche l’eliminazione delle finestre, cioè di quei periodi di attesa che vanno dalla maturazione dei requisiti della pensione alla sua liquidazione: la liquidazione del trattamento, dunque, avverrà nel mese successivo a quello di maturazione dei requisiti; nella situazione esposta ad aprile 2019, o a febbraio 2020 nel caso in cui la contribuzione della lettrice resti ferma a 35 anni.

Pensione di anzianità lavoratori notturni: domanda

Per quanto riguarda la domanda di pensione, bisogna considerare che le richieste da inviare all’Inps, in realtà, sono due:

  • una per il riconoscimento della qualità di lavoro usurante all’attività svolta, che va inviata entro il 1° maggio dell’ anno precedente a quello in cui si maturano i requisiti agevolati;
  • la seconda istanza, invece, è la domanda di pensione vera e propria, che può essere presentata solo in un momento successivo, dopo aver ricevuto dall’Inps la comunicazione di riconoscimento dello svolgimento di lavoro usurante.

Se la richiesta di riconoscimento dell’attività usurante è inviata oltre il 1° maggio dell’anno precedente, la liquidazione della pensione è posticipata da 1 a 3 mesi, a seconda dei mesi di ritardo.

note

[1] D.lgs. 67/2011.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI