Diritto e Fisco | Articoli

Conviene di più comprare o affittare (prendere in locazione) una casa?

26 ottobre 2012 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 26 ottobre 2012



Conviene di più acquistare una casa o abitare in affitto? I consigli degli esperti.

Quando si ha bisogno di una casa dove andare a vivere, l’interrogativo di fondo di ognuno è sempre lo stesso: conviene di più acquistare o firmare un contratto di locazione? Quando l’economia globale consiglia l’una o l’altra scelta.

Ecco i consigli di alcuni esperti [1].

“Il più importante fattore da prendere in considerazione, quando si cerca una casa, sono le esigenze di mobilità che prevedibilmente bisognerà fronteggiare”.

Se si è sicuri che entro cinque anni si dovrà cambiare casa, è senz’altro più opportuno prenderla in affitto. “Le spese fiscali di un acquisto o di una rivendita di appartamento effettuate in un arco così breve non vengono mai compensate dalla rivalutazione immobiliare (…)”.

In una graduatoria d’importanza, subito dopo le questioni fiscali viene la disponibilità patrimoniale del potenziale acquirente”, che però gioca in modo diverso a secondo che si sia in periodo di inflazione galoppante oppure meno. Nella prima ipotesi, conviene acquistare chiedendo un mutuo alla banca. Infatti, “l’esperienza degli anni ottanta ci ha insegnato che in presenza di inflazione a due cifre conviene indebitarsi. In effetti, chi ha contratto un mutuo al 12-13% intorno al 1980 ha guadagnato parecchio perché l’inflazione è schizzata subito al 18%” [2]. Invece nella seconda ipotesi (basso tasso di inflazione) conviene prendere in affitto: e tanto più quanto “più grande o prestigiosa è l’abitazione in cui si vuole andare a vivere” [3].

È poi da escludere qualsiasi beneficio derivante dall’acquisto di una casa come speculazione a medio termine. “Chi vuole impiegare una somma [4] per ricavarne una plusvalenza in un periodo medio-breve (diciamo entro cinque anni) tutto deve fare tranne che investire in immobili. La logica dell’investimento mordi e fuggi, quello azionario per intenderci, sta nel cogliere l’attimo fuggente, comprando e rivendendo al momento giusto. In teoria è possibile anche per le case: tra il 1988 e il 1990 nelle principali città i prezzi hanno realizzato rivalutazioni fino al 100%. Il problema è che le azioni si comprano e vendono in tempo reale, con un ordine al computer. La rivendita di un appartamento comporta il non indifferente onere di trovare il compratore disposto a pagare i soldi che si pretendono e tempi burocratici per il trasferimento della proprietà non precisamente brevi : almeno un mese e mezzo, se l’acquirente paga in contanti”.

Se invece si vuole fare un investimento a lungo termine, può essere effettivamente appropriato l’acquisto di una casa, specie se si trova in una grande città: infatti, “prendendo come base di partenza un qualsiasi anno dal 1950 al 1989, si può dimostrare che la rivalutazione teorica di una casa in una grande città ha offerto la performance migliore” [5].

Fatti tutti i calcoli, analizzati i pro e i contro, mettiamo che si decida di prendere in affitto (e non di comprare) l’abitazione. Si tratterebbe allora di trovare la casa migliore alle migliori condizioni e per raggiungere tale optimum quasi sempre sarebbe necessario rivolgersi ad un’agenzia. Qual’è la provvigione che questa ci potrebbe richiedere? “Per la mediazione di un’agenzia si devono seguire le consuetudini locali, ma in genere la provvigione da pagare è di una mensilità da parte sia del venditore sia dell’acquirente” [6].

Avv. Luigi Maria Sanguinetto (foro di Roma) – Avv. Fulano (foro di Cosenza)

 

 

 

note

[1]  Comprare casa” Ed. F. Angeli, 1995 di Saverio Fossati, Gino Pagliuca.

[2] Ci spiegano il Fossati e il Pagliuca, ult. op. cit.

[3] Fossati e Pagliuca, ult. op. cit.

[4] Fossati e Pagliuca, ult. op. cit.

[5]  Fossati e Pagliuca, ult. op. cit.

[6] “Acquistare, vendere, affittare casa” Editore Sperling&Kupfer, 1999 di Adriano Bonafede.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI