Diritto e Fisco | Articoli

Nuovi voucher presto per le aziende agricole

23 Giugno 2017 | Autore:
Nuovi voucher presto per le aziende agricole

Possibilità di utilizzare il nuovo contratto di prestazione occasionale anche nel settore agricolo.

 

Il divieto di utilizzare i nuovi contratti di prestazione occasionale in agricoltura non è assoluto: i presto, difatti, possono essere utilizzati anche dalle aziende agricole, nel caso in cui i lavoratori appartengano a determinate categorie, come studenti e pensionati.

In questo modo, si vuole offrire una possibilità di lavoro in più ai soggetti svantaggiati, evitando che le prestazioni occasionali diano luogo ad abusi, come i voucher in passato. Non è chiaro, però, se alle aziende agricole, oltre alla limitazione relativa ai lavoratori che possono prestare servizio occasionalmente, si applichino i limiti dimensionali previsti dalla disciplina dei presto per la generalità delle imprese.

Ma procediamo per ordine e vediamo, in primo luogo, in che cosa consistono questi nuovi presto, per poi approfondire il loro funzionamento nel settore agricolo.

Presto: che cosa sono

I presto, noti come nuovi voucher, non sono dei buoni, o ticket, ma dei veri e propri contratti di lavoro, anche se di natura occasionale. Possono essere attivati tramite un’apposita piattaforma online, all’interno del sito dell’Inps, da aziende e professionisti che non superano i 5 addetti, non lavorano nel settore edile o in settori considerati a rischio (miniere, cave…) e non sono coinvolti in appalti di opere o servizi. Anche le famiglie possono utilizzare le prestazioni occasionali, ma devono servirsi di un apposito libretto telematico.

La retribuzione oraria netta del lavoratore occasionale, con i presto, è pari a 9 euro per la generalità delle aziende (vi sono delle particolarità per le aziende agricole), l’aliquota contributiva (cioè la percentuale pagata a titolo di contribuzione Inps) è del 33%.

Qualsiasi lavoratore può essere impiegato con i presto, ad esclusione, come anticipato, del settore agricolo, limitato ad alcune categorie.

Presto aziende agricole: per quali lavoratori?

I lavoratori che possono svolgere una prestazione occasionale nelle aziende agricole sono:

  • i pensionati (compresi i titolari di pensione d’invalidità);
  • gli studenti fino a 25 anni di età;
  • i disoccupati;
  • i percettori di integrazioni al reddito.

Questi soggetti, poi, non devono risultare iscritti, nell’anno precedente, negli elenchi anagrafici dei lavoratori agricoli e non devono avere in corso, né aver cessato da meno di 6 mesi, un rapporto di lavoro subordinato o di co.co.co. (collaborazione coordinata e continuativa) col committente.

Presto aziende agricole: per quali imprese?

Le imprese agricole che possono avvalersi dei presto possono avere qualsiasi volume d’affari. Le attività da retribuire con i presto possono anche non essere stagionali.

La normativa non chiarisce, invece, se per le aziende agricole valga il limite dimensionale di 5 addetti, requisito necessario perché la generalità delle aziende e dei professionisti possano utilizzare i presto.

Sono pienamente validi, invece, i limiti economici previsti per la generalità degli utilizzatori dei presto.

In particolare:

  • ogni azienda può erogare compensi, per i contratti di prestazione occasionale, fino a un massimo di 5.000 euro annui complessivi;
  • ogni azienda può erogare compensi, per i contratti di prestazione occasionale, fino a un massimo di 2.500 euro annui per singolo prestatore;
  • ogni prestatore può ricevere complessivamente non più di 5.000 euro annui.

Se la prestazione occasionale, però, viene resa da studenti, pensionati, disoccupati o cassaintegrati,  il tetto sale a 6250 euro annui per utilizzatore.

 

Presto aziende agricole: compenso per il lavoratore

Per i presto del settore agricolo, a differenza degli altri settori, il compenso minimo orario non è pari a 9 euro: la normativa, invece, rinvia alle retribuzioni orarie previste dalla contrattazione collettiva agricola per i rapporti di lavoro subordinato.

Il valore minimo orario, dunque, cambia a seconda della provincia e del tipo di attività svolto; non è ancora stato chiarito, inoltre, se il compenso minimo giornaliero, pari a 4 ore di lavoro, valga anche per il settore agricolo.

Sono invece identiche agli altri settori le aliquote relative ai contributi Inps (pari al 33%) e ai premi Inail  (3,5%).

Presto aziende agricole: comunicazione della prestazione

Per quanto riguarda, infine, la comunicazione obbligatoria da inviare all’Inps per attivare la prestazione, questa deve indicare soltanto la durata dell’attività, con riferimento a un arco temporale sino a 3 giorni, senza l’indicazione della data e dell’ora di inizio e fine della prestazione.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube