L’esperto | Articoli

Responsabilità del condominio verso terzi

1 Luglio 2017 | Autore:
Responsabilità del condominio verso terzi

La responsabilità del condominio per atti dannosi commessi dall’amministratore o suoi dipendenti.

Anche in tema di responsabilità extracontrattuale si propende per la riferibilità diretta, in capo ai singoli condòmini, dell’obbligo risarcitorio. Per tale responsabilità, l’obbligo del condòmino è di natura solidale.

L’incarico di esecuzione di opere può essere anche occasionale

Invero, il condominio è responsabile per gli atti dannosi commessi dall’amministratore, dal portiere, dall’addetto alle pulizie e da quanti altri che anche occasionalmente hanno lavorato in nome e per conto del condominio ovvero alle sue dipendenze. Ai fini della responsabilità indiretta prevista dall’articolo 2304 c.c., anche se non è richiesta l’esistenza di un rapporto di lavoro subordinato, è pur sempre necessaria la sussistenza dell’incarico di esecuzione di opere, anche di carattere occasionale o temporaneo, che importi un vincolo di dipendenza, vigilanza e sorveglianza tra committente e commesso, in relazione alle mansioni a questo affidate [1]

La responsabilità del committente può, invece, essere esclusa quando il comportamento illecito del preposto non è funzionalmente e strumentalmente collegabile con l’incarico ricevuto [2]

Il nesso di causalità

Da ciò che la presunzione di responsabilità a carico del condominio postula un collegamento tra il fatto dannoso e le mansioni disimpegnate, a quel fine si richiede un vero e proprio nesso di causalità, ma è sufficiente un rapporto di occasionalità necessaria, nel senso che l’incombenza disimpegnata abbia determinato una situazione tale da agevolare o rendere possibile il fatto dannoso, e ciò vale anche se il dipendente abbia operato oltre i limiti delle sue incombenze, purché sempre nell’ambito del rapporto di lavoro, così da non configurare una condotta del tutto estranea al rapporto di lavoro [3]


note

[1]Cass. 2732/1970.

[2]Cass. pen. 2994/1987.

[3]Cass. 10381/1996.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube